Urbanizzazione anarchica, aggravante degli incendi nelle Landes

Se la siccità e il caldo eccezionale sperimentato dalla Francia quest'estate sono l'innesco dei grandi incendi ancora in atto nel massiccio delle Landes de Gascogne, il dramma trova la sua fonte anche nelle pesanti tendenze demografiche e nelle carenze dello 'Sviluppo del territorio.

Questo episodio mette in luce i limiti di una gestione del rischio prevalentemente reattiva, basata sulla risposta rapida e massiccia ai focolai di incendio.

La strategia di lotta agli incendi boschivi, infatti, si basa attualmente su due pilastri complementari: la gestione forestale e la lotta agli incendi. La dottrina attuale si basa sulla sorveglianza forestale e sulla risposta di emergenza più rapida possibile agli incendi incipienti per via terrestre e aerea. Questa strategia è resa possibile dallo sviluppo di aree forestali per creare accessi, punti d'acqua, ecc. Nel massiccio delle Landes, il sistema antincendio (DFCI) che ha consentito questi sviluppi è stato messo in atto a seguito dei grandi incendi nel decennio 1940. Il DFCI è in parte finanziato dai proprietari forestali e opera in gran parte grazie alla loro partecipazione.

Questa organizzazione basata sulla complementarità tra forestali e vigili del fuoco, modernizzata nel tempo, si è rivelata particolarmente efficace nell'estinzione della maggior parte degli incendi molto rapidamente e in limitando le aree bruciate nonostante un gran numero di incendi. Ma questo sistema, che ben si adatta al contesto di un massiccio forestale sfruttato in modo intensivo e di una regione rurale scarsamente popolata, è ora minato dal cambiamento climatico e dall'urbanizzazione.

L'80% degli incendi inizia entro 50 metri dalle abitazioni

L'aumento delle temperature e la maggiore frequenza delle ondate di calore sono senza dubbio la causa di un aumento del rischio di incendio. Meno pubblicizzata ma altrettanto importante, l'urbanizzazione e l'attrattività della regione negli ultimi cinquant'anni (in particolare la costa e il Gironde), contribuiscono anche a un graduale aumento del rischio. In primo luogo, generando più attività che sono fonte di incendio all'interno o in prossimità delle foreste: barbecue mal spenti, incendi di cantiere, mozziconi di sigaretta gettati sul ciglio della strada, ecc. quasi il 95% delle cause sono umane e che in Francia l'80% degli incendi si accende entro 50 metri dalle abitazioni.

Allo stesso tempo, urbanizzazione in aree a rischio significa anche meccanicamente aumento delle vittime e dei potenziali danni, soprattutto quando questa urbanizzazione avviene sotto forma di proliferazione anarchica a contatto con la foresta: in Nuova Aquitania un abitante su due vive in una zona scarsamente popolata e, secondo ilInsee queste sono le aree che stanno registrando la crescita demografica più forte. L'urbanizzazione si è diffusa nei centri abitati, in frazioni isolate, lungo le vie di comunicazione e genera il moltiplicarsi delle zone di contatto tra habitat e bosco.

Veduta aerea dell'espansione urbana in Landiras (Gironda).
Geoportale, Fornito dall'autore

Gli incendi attuali mostrano quanto questa urbanizzazione complichi il lavoro dei servizi di emergenza di fronte a un incendio su larga scala. La presenza di molti quartieri e frazioni sparse costringe i servizi di emergenza a gestire l'incolumità di migliaia di persone e li obbliga a disperdere i propri mezzi a protezione delle case in una logica difensiva, a scapito di una strategia offensiva che consenta di controllare la situazione più rapidamente l'andamento dell'incendio.

Peggio ancora, l'aiuto non può sempre intervenire in tempo. L'esempio dell'incendio che, nel 2018, ha causato 85 morti nella cittadina di Paradise in California, lo illustra drammaticamente: la rapida avanzata dell'incendio, scoppiato intorno alle 6 del mattino, ha preso il sopravvento popolazione e le autorità di sorpresa e non ha lasciato il tempo di evacuare, intrappolando molti abitanti nella loro casa o in macchina.

[Quasi 70 lettori si affidano alla newsletter di The Conversation per comprendere meglio i principali problemi del mondo. Iscriviti oggi]

Efficacia della lotta antincendio vittima del suo apparente successo

In questo contesto, la gestione degli incendi finora attuata nel massiccio delle Landes presenta diverse carenze. Il primo consiste nell'affrontare principalmente i sintomi e solo marginalmente l'origine del problema. Eppure la litania degli incendi estivi in ​​Francia offre una buona visione della diversità delle cause umane degli incendi: incendiario sbilanciato, guasto del veicolo, braci che fuoriescono da un camion delle pizze, scintille di un treno che passa, lavoro nella foresta, fuochi d'artificio, lancio di mozziconi di sigaretta , eccetera.

Un'azione più efficace su queste fonti di accensione del fuoco richiederebbe la messa in discussione di determinate attività, cambiamenti nelle pratiche individuali e collettive, maggiore consapevolezza, controlli, ecc. Tuttavia, in questo campo, l'efficacia della lotta agli incendi dichiarati finora osservata si è finalmente rivelata controproducente e ha alimentato un forma di negazione a fronte di avvertimenti sull'aggravamento dei rischi.

Case nella foresta a La Teste de Buch, vista dalla Dune du Pilat (Gironde)
Case nella foresta a La Teste de Buch, vista dalla duna di Pilat (Gironde).
C. Bouisset, 2017, Fornito dall'autore

nostri sondaggi tra residenti e funzionari locali eletti nel massiccio delle Landes dimostrò così che molti ritenevano ben sotto controllo il problema degli incendi: più il sistema riduceva le aree bruciate, più il rischio era invisibile e meno preoccupante sembrava.

Tuttavia, il secondo difetto del sistema, che si aggiunge al primo, è il suo costo crescente, non solo per i proprietari forestali, ma anche per lo Stato e soprattutto le comunità che, a livello nazionale, finanziano i servizi antincendio e di soccorso per un importo maggiore di 5 miliardi di euro nel 2020.

In Francia, la politica dell'estinzione assorbe 2/3 dei finanziamenti dedito ai fuochi. Ma anche qui, più il sistema è efficace, più è difficile giustificarne il finanziamento in un contesto di budget vincolati: perché dedicare più risorse a un problema che provoca pochi danni?

Strumenti di pianificazione del territorio poco utilizzati

L'eccessiva fiducia nell'efficacia del sistema di gestione degli incendi spiega anche perché gli strumenti disponibili per la pianificazione dell'uso del territorio sono poco o scarsamente mobilitati nel massiccio delle Landes. solo 13 comuni disporre di piani di prevenzione del rischio di incendi boschivi (PPRIF).

Istituiti su prescrizione del prefetto, possono vietare nuove costruzioni nelle aree più a rischio, sottoporle al rispetto di determinate misure di sicurezza e persino imporre lavori di messa in sicurezza delle costruzioni esistenti. Ma molti attori del massiccio delle Landes, a cominciare da molti sindaci, hanno finora considerato lo strumento come troppo vincolante perché ostacola eccessivamente i progetti di urbanizzazione. Senza che lo stato mostri un grande desiderio di vederli diffondersi.

Giardino non disboscato, la vegetazione viene a contatto con la casa
Labenne (Landes): giardino non disboscato, la vegetazione viene a contatto con la casa.
C. Bouisset 2018, Fornito dall'autore

Allo stesso modo, i regolamenti richiedono i proprietari di schiarimento un perimetro di 50 metri intorno alla loro casa. Impedendo agli edifici di entrare in contatto diretto con la vegetazione, questa misura fornisce una migliore protezione e facilita la risposta alle emergenze. Tuttavia, nonostante le campagne di consapevolezza ci sono molti residenti dei comuni forestali che non rispettano pienamente queste istruzioni, o addirittura le ignorano.

Dal canto loro, i comuni ei servizi statali spesso mostrano scarso interesse nell'applicare rigorosamente queste norme restrittive. Tuttavia, questa negligenza aumenta la vulnerabilità delle popolazioni e degli edifici, complicando l'intervento dei soccorsi.

Nell'era del cambiamento climatico: anticipare i rischi

I lezioni imparate di quanto sta accadendo in altre parti del mondo indicano che è illusorio ritenere che il semplice rafforzamento degli attuali sistemi di gestione degli incendi con sempre più mezzi di estinzione sarà sufficiente per affrontare la doppia sfida del cambiamento climatico e dell'urbanizzazione.

Senza azione sulle cause, senza integrazione del rischio nelle decisioni in termini di pianificazione territoriale e senza consapevolezza delle popolazioni e delle autorità pubbliche locali, il costo della lotta diventerà esorbitante e la sua capacità di garantire la tutela delle popolazioni e foreste sempre più incerte con l'intensificarsi del cambiamento climatico. Perché le tecniche antincendio sono in gran parte impotenti di fronte a grandi incendi.

Mentre l'attuale gestione si basa soprattutto sulla reattività agli eventi, è essenziale pensare più in una logica anticipatoria, a lungo termine.

Christine Bouisset, Docente di geografia, membro del laboratorio TREE – Transizioni Energetiche e Ambientali, UMR 6031 CNRS, Università di Pau e Pays de l'Adour (UPPA)

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.