Nostra Signora dell'Ora

Tre campane normanne suoneranno presto a Mosul in una chiesa distrutta dallo Stato Islamico

La Bell Foundry Cornille Havard, che ha progettato le campane di Notre Dame de l'Heure, parla di “un'avventura eccezionale”.

È dalla fonderia di Villedieu-les-Poêles che partiranno Gabriel, Michel e Raphaël, le tre campane che ora si uniranno al campanile della chiesa del convento di Notre Dame de l'Heure, parzialmente distrutto dallo Stato Islamico. Nel cuore della città vecchia di Mosul, questa chiesa è stata distrutta nel 2017 dai militanti di Daesh.

La Bell Foundry Cornille Havard parla di “un'avventura eccezionale”. L'ambasciatore iracheno in Francia, Wadee al-Batti, accompagnato dal direttore generale dell'UNESCO Audrey Azoulay e dal provinciale domenicano Nicolas Tixier si è recato alla fonderia per assistere al "déchapage", e dare il primo colpo di pennello sulle altre due campane ancora sotto muffa prima del loro trasporto a Mosul.

"Come cristiano della città di Mosul, ho molti ricordi di questo campanile, durante la mia infanzia, durante i miei studi, ha scandito la mia vita", ha detto al-Batti, anche lui ambasciatore presso l'UNESCO da domenica. Tornare a suonare le campane a Mosul è per lui “una vittoria della vita: quella di essere uniti contro il terrorismo e la violenza”.

Per fratel Nicolas, “queste campane portano speranza, e non solo per la comunità cristiana”.

In stretta collaborazione con le autorità irachene e con l'accordo formale dell'Ordine dei Predicatori, l'UNESCO sta curando la ricostruzione della città vecchia di Mosul dopo la sua distruzione durante i combattimenti contro lo Stato Islamico, un progetto che coinvolge più di 100 milioni di euro. Audrey Azoulay ha visto in questo progetto "il sostegno alla società mosuliana nella sua diversità, culturale, religiosa, conoscitiva, universitaria, libraria, si tratta di ricostruire questo spirito, e non solo le pietre".

Nell'ottobre 2019, la Chiesa del Convento di Nostra Signora dell'Ora è entrata a far parte del complesso della Grande Moschea di Al-Nouri e della Chiesa siro-cattolica di Al Tahera tra i maggiori obiettivi del progetto di stabilizzazione e riabilitazione della città, finanziato dal Regno Unito. Emirati Arabi, di nome “Ravvivare lo spirito di Mosul”, che mira a ricostruire i principali monumenti storici della città. Attraverso questa iniziativa internazionale, l'UNESCO intende sostenere la riconciliazione e la coesione sociale a Mosul attraverso il restauro e la ricostruzione di luoghi storici emblematici. In questa prospettiva, la riabilitazione di questa chiesa è importante non solo per il suo patrimonio e valore culturale, ma anche come testimonianza della diversità di questa città.

Queste tre campane di bronzo, che pesano dai 110 ai 270 kg (fa, mi, sol) sono state fuse nel mese di novembre in una caratteristica lega composta dal 78% di rame e dal 22% di stagno.
La loro installazione è prevista entro il 6 marzo 2023. La fine completa dei lavori di ricostruzione del convento è prevista al più tardi per dicembre 2023.

MC (con AFP)

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.