Tra le ceneri dell'incendio del Cairo, la difficile questione delle chiese d'Egitto

L'incendio omicida di una piccola chiesa in un quartiere operaio del Cairo ha portato alla luce una domanda assillante per i copti: quella dei loro luoghi di culto in un paese a stragrande maggioranza musulmana dove si sentono offesi.

Domenica, quando un generatore surriscaldato ha dato fuoco a un condizionatore d'aria, 200 fedeli hanno assistito alla messa nella chiesa di Abu Sifine, ha detto all'Afp padre Yohanna.

In tutto, 41 persone sono morte, asfissiate dal fumo mentre i soccorsi tardavano ad arrivare.

Padre Yohanna ha perso sei parenti nell'incendio, inclusi due gemelli di cinque anni e il loro fratellino di quattro anni.

Norme di sicurezza, servizi di emergenza adeguati, locali adeguati… C'è ancora molto da fare, riconosce il sacerdote.

Ma costruire o ristrutturare una chiesa è "diventato più facile" grazie a una legge approvata nel 2016, dice.

Lo Stato sostiene che questo testo ha consentito di “legalizzare” 1.077 chiese e si vanta di essere un “modello multiconfessionale unico di convivenza e unità nazionale”.

Un argomento di autorità che permette di tassare i militanti che denunciano le discriminazioni nei confronti dei copti “di comportamento non patriottico”, accusa la storica Amy Fallas.

"Non pratico", "inadeguato"

L'Egyptian Initiative for Personal Rights (EIPR), la più importante ONG egiziana per i diritti umani, accusa persino questa nuova legge di aver allargato un po' il divario.

Secondo lei, solo il 40% delle richieste di costruzione o ristrutturazione di una chiesa ha ottenuto un accordo preliminare dalle autorità e il 20% un accordo definitivo.

La chiesa di Abou Sifine incarna queste battute d'arresto: incastonata in un edificio nel dedalo di vicoli del quartiere di Imbaba, larga appena quanto basta per far passare un'auto, aveva un solo ingresso, subito bloccato dalle fiamme, secondo i testimoni.

Al piano superiore, le strette scale che portavano alle aule per l'insegnamento e gli altri servizi offerti dalla chiesa sono diventate rapidamente trappole costringendo i fedeli a "buttarsi fuori dalle finestre", ha raccontato un testimone all'Afp.

La chiesa era "solo 120 metri quadrati", ha riferito papa Tawadros II, capo della Chiesa copta ortodossa.

Deve essere "trasferito in uno spazio più ampio", ha affermato, perché molti dei 10-15 milioni di copti in Egitto vivono a Imbaba.

Ma in una megalopoli di oltre 20 milioni di abitanti, grande è la tentazione di costruire dove c'è spazio: in periferia.

“Non è pratico”, risponde padre Yohanna. “I luoghi di culto devono essere vicini alle zone dove vivono i copti”, insediati perlopiù nei vecchi quartieri del centro del Cairo.

Lo stesso Tawadros II – pur essendo un dichiarato sostenitore del presidente Abdel Fattah al-Sissi – lo ha riconosciuto: i copti hanno spesso a che fare con "piccole chiese in luoghi inappropriati", spesso case o edifici in quartieri popolari privi di rilevatori. fumo o uscita di emergenza .

Soprattutto quartieri poveri

Dopo Abou Sifine, altre due chiese sono state danneggiate da incendi causati da cortocircuiti.

"Ogni volta, è una questione di vita o di morte che colpisce in modo sproporzionato le chiese nei quartieri poveri", ha detto la signora Fallas all'AFP.

Ma evocare la discriminazione dei copti, che regolarmente si lamentano di essere emarginati in Egitto, non è privo di rischi.

A gennaio, nove copti sono stati rilasciati da tre mesi di carcere per aver chiesto la ricostruzione dell'unica chiesa del loro villaggio, Ezbet Faragallah, a sud del Cairo.

Nel 2016 la chiesa di San Giuseppe è andata in fumo in un incendio - "deliberato" secondo l'Eipr, mentre i copti hanno subito attacchi anche da parte di islamisti radicali, soprattutto dopo il rovesciamento da parte dell'esercito nel 2013 del presidente islamista Mohamed Mursi.

In gran parte danneggiato, San Giuseppe è stato ufficialmente demolito nel 2021 ma le autorità non hanno ancora rilasciato un permesso di ricostruzione quando hanno dovuto rispondere, secondo la legge del 2016, entro quattro mesi.

La chiesa di Abou Sifine a Imbaba ha ricevuto un trattamento diverso. Con tutti gli occhi puntati sulle piccole bare delle vittime spazzate via dal fuoco domenica, gli ingegneri militari hanno annunciato che l'avrebbero restaurata, per ordine dello stesso Sissi.

Fino ad allora, come in Ezbet Faragallah, i suoi seguaci potrebbero doversi accontentare di una casa o di un appartamento. Queste famose “piccole chiese in luoghi inadeguati”.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com/jivaga

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.