Le idee politiche dell'Illuminismo sono reazionarie?

Nelle nostre rappresentazioni collettive, la filosofia dell'Illuminismo evoca molto spesso la rottura con le strutture tradizionali dell'Antico Regime, una rivoluzione nella politica come nei costumi, guidata da menti brillanti e intrattabili come Voltaire o Diderot.

Tuttavia, poiché il caso della sciarpa Creil nel 1989 – che suscitò vivacissimi dibattiti sul posto dei “segni religiosi ostentati” nelle scuole, le idee dell'Illuminismo sono chiamato in causa, emendato o respinto, con dispiacere dei ferventi difensori dell'universalismo repubblicano.

Pensate circa tre secoli fa, non è naturale fare un passo indietro rispetto al loro contenuto, forse poco adatto ai dibattiti del nostro tempo? Al contrario, non rischiamo di rompere i tenui legami che uniscono i cittadini francesi, ritenendo superati i pochi principi che reggono e organizzano la vita comune? I dibattiti sociali più recenti mettono in discussione lo statuto particolare occupato dalle idee politiche dell'Illuminismo nella Francia contemporanea: fondamentalmente critiche nello spirito come nella pratica, sono tuttavia consacrate come pilastri inamovibili della cultura nazionale.

Illuminismo obsoleto?

Le 20 settembre, il ministro dell'Educazione nazionale Pap Ndiaye ha criticato l'indifferenza dello Stato francese nei confronti del colore della pelle, una "bella idea" che non permetterebbe di affrontare efficacemente la "discriminazione e le diverse forme di razzismo" che esistono in Francia. Questa affermazione è indicativa del divario tra gli atteggiamenti verso questioni razziali in Francia e negli Stati Uniti, dove il Ministro è stato invitato a prendere la parola.

In un Paese così segnato dalla schiavitù e dalla discriminazione razziale (quasi il 20% degli afroamericani vive al di sotto della soglia di povertà, contro l'8% per i bianchi non ispanici), sarebbe indubbiamente improprio immaginare uno Stato cieco alle differenze, in quanto il loro riconoscimento è percepito come presupposto per tener conto delle loro specifiche difficoltà. Mentre la società francese si diversifica e incontra problemi simili, il modello americano, già influente in termini di cultura di massa, sta trovando un'eco particolare.

Il secolarismo è un altro esempio. Nonostante gli innumerevoli tentativi da parte di imprenditori politici di stabilire una definizione precisa, non c'è nessun consenso nella letteratura scientifica. Diversi modelli di laicità Anzi, controversie sulla legittimità dell'organizzazione dei rapporti tra Stato, religioni e società. Tra questi, il modello francese (qualificato come “laicità repubblicana”) articola la libertà di coscienza con la neutralità delle istituzioni repubblicane, tra cui, in particolare, le scuole. Tuttavia, l'influenza del modello anglosassone (qualificato come “laicità aperta”) contesta la necessità di neutralizzare lo spazio pubblico e favorisce l'espressione delle libertà individuali.

Indagine realizzato dall'IFOP e dalla Fondazione Jean Jaurès ha evidenziato il differenze osservato tra i giovani insegnanti ei loro colleghi più anziani in merito all'uso di vistosi simboli religiosi. Nel contesto di una globalizzazione largamente influenzata dalla cultura anglo-americana, le giovani generazioni si interrogano sempre più sulla validità di un modello ritenuto datato e alquanto isolato sul piano internazionale. Il secolarismo sembra davvero francese soprattutto, o almeno di ispirazione francese.

Il caso della scuola femminista

Uno scontro simile si oppose alle cosiddette femministe “universaliste”, contrarie alla legge sulla parità in politica, con chi la sosteneva. Il campo universalista affermava che non si poteva riconoscere la donna come categoria sociale specifica, se non rompendo con l'universalità della famiglia umana. Il merito dovrebbe prevalere, con riferimento all'artarticolo 6 della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino del 1789, secondo la quale i cittadini possono accedere a «tutte le dignità, i posti e gli impieghi pubblici, secondo la loro capacità, e senza altra distinzione che quella delle loro virtù e dei loro talenti. »

La legge 6 giugno 2000 significava la sconfitta degli universalisti, che a volte sono visti come elementi reazionari della lotta alla discriminazione, come i difensori di una laicità definita “chiusa” o “stretta”.

Secondo i ricercatori Pascal Durand e Sarah Sindaco, il pensiero reazionario può essere interpretato come “ortodossia antiquata”. Ritengono che i "neoreazionari" intendano difendere vigorosamente l'ordine esistente sulla base del fatto che le condizioni per la sua riproduzione non sarebbero più garantite.

Salvaguardare le idee dell'Illuminismo potrebbe quindi costituire un atto sorprendentemente reazionario. L'Illuminismo sarebbe stato superato dalle più recenti trasformazioni sociali?

Principi al centro della Repubblica

La Francia trae gran parte dei suoi diritti fondamentali da una dichiarazione simbolica proclamata sotto il patrocinio di questi filosofi 233 anni fa.

L'ideale dell'Illuminismo è la critica radicale delle religioni Voltaire ou più sgradevole, la neutralità dello Stato da Condorcet ou Clermont-Tonnerre, il desiderio che l'individuo ottenere autonomia rispetto alle superstizioni e comunità; l'amore per l'interesse generale e non l'aggiunta di interessi particolari Rousseau ; pari dignità di tutti gli esseri umani Padre Gregorio ou Olympe de Gouges, e infine, soprattutto, la lotta vitale per raison, e la speranza che la verità alla fine si imponga: tutto ciò infiamma ancora lo spirito repubblicano francese.

Voltaire era antisemita ? razzista Montesquieu ? Rousseau sessista ? La gravità delle accuse a volte tende a spegnere ogni spiegazione, considerata una giustificazione insostenibile. L'insegnante di lettere Laurent Dubreuil, un critico, riassume così il fenomeno:

 La dichiarazione di sofferenza deve porre fine a ogni discussione e, sul posto, mettere a tacere chiunque non ne condivida la conformazione. »

Allo stesso modo, la rinascita del pensiero magico e pseudoscienza contrappone una narrazione semplice e meravigliosa alle fredde forze del razionalismo, come la pandemia di Covid-19 ha purtroppo illustrato.

Cosa fare con le luci?

Ieri radicali, le idee politiche dell'Illuminismo oggi partecipano di un certo ordine di cose, e sono come tali criticato e criticato.

Ma garantendo la libertà di espressione e le condizioni per un dibattito razionale e pacifico, sono paradossalmente la condizione per l'emergere di nuove idee. Matrici delle nostre libertà, gli illuministi meriteranno uno status speciale fintanto che i loro valori costituiranno un ideale da realizzare.

Va ricordato, tuttavia, che non possono essere ridotti a interpretazioni spesso interessate dei due secoli della Repubblica francese. L'Illuminismo è infatti ben lungi dal comporre un insieme omogeneo. Anticipando la critica contemporanea, Luci “radicali”. consideravano già troppo timorosi gli illuministi "moderati", lungi dall'avere i sentimenti democratici ed egualitari, o lo spirito rivoluzionario che quasi sempre erroneamente gli attribuiamo. La maggior parte dell'Illuminismo condannava così l'ateismo, contrariamente a Diderot o Barone d'Holbach.

A volte può essere imbarazzante prendere l'Illuminismo come esempio, perché le loro idee portano le carenze del tempo. Ma le idee dell'Illuminismo potrebbero essere il terreno fertile per un rinnovato modello francese, osservatore indipendente delle società vicine. Il contratto sociale è un'istituzione fragile; seguendo il La formula di Montesquieu, "bisogna toccarlo solo con mano tremante".

Thibaut Delfino, dottore in scienze politiche, Università di Bordeaux

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Creative Commons / Wikimedia/ Statua Voltaire contrassegnata, piazza Honoré-Champion, Parigi 6°

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.