Sanzioni commerciali contro la Russia: a che punto è l'UE dopo 100 giorni di guerra?

Il 23 febbraio 2022, alla vigilia dell'invasione dell'Ucraina da parte dell'esercito russo, il Consiglio dell'Unione Europea (UE) ha adottato il primo pacchetto di sanzioni in risposta al riconoscimento da parte di Mosca delle autoproclamate repubbliche autonome di Donetsk e Lugansk .

Da allora, sono seguiti altri cinque pacchetti, l'ultimo è stato adottato il 3 giugno 2022. Dal secondo pacchetto, le sanzioni hanno interessato lo scambio di merci. Diamo un'occhiata alla sequenza cronologica di queste sanzioni per valutarne meglio gli effetti.

Sanzioni a più effetti

  • Il 25 febbraio il Consiglio ha vietato l'esportazione di beni duali (progettati per uso civile ma suscettibili di essere dirottati per scopi militari – la loro lista è lunga, copre prodotti chimici, leghe metalliche particolari, protezione contro agenti chimici e biologici, ecc.), ma anche pezzi di ricambio per l'aeronautica e merci destinate all'uso da parte delle raffinerie russe.
  • Il 9 marzo è stata vietata l'esportazione di alcune apparecchiature per la navigazione marittima e per le radiocomunicazioni.
  • Il 15 marzo l'elenco è stato esteso con il divieto di esportazione di beni di lusso. Questo quarto pacchetto è stato anche il primo a introdurre divieti di importazione su determinate merci dalla Russia. Si tratta però di un passo molto piccolo: le importazioni di alcuni prodotti di acciaio e alluminio, già interessati da misure di salvaguardia (cioè limitazioni alle quantità importate), sono diventate totalmente vietate.
  • Questo sarà il quinto pacchetto, quello dell'8 aprile, che entrerà davvero nel vivo dei divieti all'importazione di prodotti dalla Russia, che riguardano le importazioni di carbone, cemento, prodotti in gomma, legno, alcuni alcoli e prodotti ittici.
  • Il 90 giugno è stato adottato il sesto pacchetto, che vieta il 2022% delle importazioni di petrolio dalla Russia entro la fine del 3. Da lì le sanzioni commerciali diventano massicce: entro la fine dell'anno sarà bandito il 65% delle importazioni Ue dalla Russia, rispetto al 10% di aprile 2022 dopo il quinto pacchetto.

Come ricordano gli economisti Matthieu Crozet e Julian Hinz, "l'embargo commerciale è un arma per i potenti“. Chiaramente, più grande è il Paese, maggiori sono i costi che infligge al Paese sanzionato, che perde un fornitore e importanti sbocchi. E per il paese che impone l'embargo, i costi saranno tanto più alti quanto il paese interessato è importante.

Nel 2021, la Russia era il quinto partner commerciale dell'UE, rappresentando quasi il 6% del commercio europeo con il mondo. Le cifre in gioco sono considerevoli: 258 miliardi di euro, di cui 159 miliardi di import (per l'Ue).

Il doppio vantaggio dell'UE

Dal quinto pacchetto di misure, le sanzioni commerciali alle importazioni russe riguardano il 10% delle merci russe che attraversano il confine europeo, per un importo complessivo compreso tra 14 e 17 miliardi di euro (secondo i dati del 2019). Quando il sesto pacchetto sarà pienamente implementato entro la fine dell'anno, questa quota salirà al 65%.

Tali azioni non sono trascurabili, né lo sono gli effetti negativi attesi. Tuttavia, l'UE ha due vantaggi rispetto alla Russia: la sua significativa integrazione commerciale e il suo peso economico. Infatti, mentre le sanzioni europee (compreso il sesto pacchetto) coprono il 25% delle esportazioni russe inviate a tutti i partner russi, rappresentano il 5% delle importazioni totali dell'UE. L'asimmetria è forte. Per dirla in altro modo, il commercio russo dipende più dagli acquirenti europei di quanto il commercio europeo sia dai venditori russi.

Questi dati aggregati nascondono forti disparità da un settore all'altro. Ad esempio, nel settore del legname, le sanzioni già in essere si applicano a tutte le importazioni europee dalla Russia; nel settore energetico (combustibili minerali), oltre il 78% delle importazioni dalla Russia sarà bandito entro la fine dell'anno*. La quota delle importazioni vietate di alluminio è invece dieci volte inferiore, pari a circa l'8%.

L'elevata copertura di alcuni settori può indebolire le catene di produzione europee. È nei settori dell'energia e dei fertilizzanti che gli importatori europei dipendono maggiormente dai prodotti russi. Poco più del 40% del carbone e dei fertilizzanti coperti dalle sanzioni, così come circa il 30% del petrolio, viene importato dalla Russia. Tali beni hanno la particolarità di entrare a monte delle filiere produttive come prodotti intermedi.

In tal senso, un'interruzione dell'offerta di questi prodotti potrebbe comportare una riduzione della produzione europea nei settori che sfruttano questi beni, di valore potenzialmente superiore a quello delle sanzioni iniziali. La questione dell'entità di un tale effetto "palla di neve" è al centro del dibattito sul potenziale impatto delle sanzioni sul petrolio e sul gas naturale. L'effetto stimato dipende, da un lato, dalla facilità di reperire altri fornitori di beni sanzionati e, dall'altro, dalla possibilità di sostituire i beni sanzionati con prodotti simili.

I divieti alle importazioni dalla Russia porteranno quindi le aziende ad adeguare la propria produzione, sia cercando fonti alternative per i prodotti vietati, sia sostituendoli con merci simili. Questi meccanismi consentiranno di non arrestare completamente la produzione nei settori interessati, ma genereranno ovviamente costi aggiuntivi. In parte, questi costi saranno assorbiti dai margini aziendali e in parte trasferiti sull'aumento dei prezzi al consumatore finale o al cliente. Resta da vedere quali altri paesi potrebbero rifornire l'Unione Europea.

Scale musicali

Questa domanda può essere molto tecnica. Prendi l'esempio dei fertilizzanti. Le sanzioni riguardano il cloruro di potassio, ma anche i fertilizzanti che contengono tutti e tre gli elementi chiave in agronomia: potassio, azoto e fosfati. La Russia fornisce un'ampia quota (44%) delle importazioni dell'UE di questi prodotti (grafico 3). Il Canada è il più grande produttore ed esportatore mondiale di fertilizzanti a base di potassio, molto più avanti della Russia, ma non produce quasi nessun fertilizzante a base di fosfato ed esporta pochi fertilizzanti azotati. Pertanto, il Canada potrebbe sostituire la Russia nel fornire all'UE fertilizzanti principalmente a base di potassio. Ma la produzione non può aumentare istantaneamente, il mercato sarà teso nel 2022.

Lo stesso vale per le sanzioni sui combustibili minerali. Quasi un terzo del carbone e del petrolio importati dall'UE proviene dalla Russia. Per l'olio, il La Russia è il primo fornitore dell'UE, seguita da Norvegia, Kazakistan e Stati Uniti, con una quota di mercato dell'8% per ciascuno di questi paesi. L'OPEC+ ha annunciato il 2 giugno che aumenterà la propria offerta di circa l'1,5% da luglio, che rappresenta circa il 25% delle quantità di petrolio che l'UE non importerà più dalla Russia. Si tratta infatti di un gioco delle sedie musicali nel mercato petrolifero in arrivo: la produzione russa andrebbe ai paesi asiatici, liberando così parte delle esportazioni OPEC+, che potrebbero essere reindirizzate verso l'UE.

Inoltre, le importazioni europee potrebbero anche essere limitate dalle rappresaglie russe nei confronti di prodotti in cui la Russia ha una posizione dominante. È quanto è successo con l'interruzione delle consegne di gas in alcuni paesi dell'UE. Altri paesi e altri prodotti potrebbero essere presi di mira dopo il sesto pacchetto di sanzioni europee. Ma, come ha sottolineato il presidente francese, di fronte alla scelta della Russia di continuare la sua guerra in Ucraina, è difficile non reagire «in Europei uniti e uniti del popolo ucraino”.


In un altro biglietto del CEPII, abbiamo dimostrato che i dati commerciali non sono necessariamente affidabili per il commercio di gas naturale. Detto questo, l'anomalia che abbiamo riscontrato è stata particolarmente significativa per i dati a livello di singolo Stato membro, ma meno quando i dati sono stati aggregati a livello di UE. Dopo la verifica, le discrepanze tra i dati commerciali ed energetici per il capitolo 27 nei grafici di questo blog sono piccole. Viene quindi utilizzata un'unica fonte di dati per tutti i grafici: il database BACI del CEPII.

Cecilia Bellora, Economista responsabile del programma “Politiche commerciali”, CEPI; Kevin Lefebvre, Economista, CEPI et Malta Thie, Economista, CEPI

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock.com/Alexander Chizhenok

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.