L'editoriale di Camille: Una voce evangelica all'Onu

Questa settimana su InfoChrétienne vi abbiamo parlato del nomina di Gaétan Roy e Wissam Al-Saliby, che diventano rispettivamente rappresentanti della World Evangelical Alliance (WEA) presso le Nazioni Unite a Ginevra e direttori dell'ufficio di Ginevra. Subentrano così a Michael Mutzner, che ricopre questa posizione dal 2012.

Attraverso questo ufficio, l'organizzazione è in una posizione unica per rappresentare una voce evangelica all'interno delle Nazioni Unite “su questioni che interessano la Chiesa”. È anche utile ricordare che la WEA rappresenta 600 milioni di evangelici nel mondo!

Mentre è incoraggiante sapere che gli evangelici sono rappresentati in questa sfera di influenza, ci si chiede quale sia il loro ruolo concreto?

Ieri ho avuto la possibilità di incontrare, di persona, Wissam Al-Saliby e Michael Mutzner che mi hanno spiegato più in dettaglio la natura del loro lavoro. Un lavoro complesso, emozionante e soprattutto importantissimo!

Proverò a mostrartelo.

Ricerca

L'ufficio AEM è soprattutto dedicato alla ricerca. Per poter aiutare al meglio le alleanze evangeliche nazionali e presentare rilevanti istanze all'ONU, esse devono avere prove inconfutabili e serie dei problemi che stanno avanzando.

Questo è un compito a lungo termine che è possibile solo con l'aiuto delle alleanze evangeliche locali o delle organizzazioni cristiane locali. Lavorano ad esempio con Portes Ouvertes.

patrocinio 

La seconda attività dell'Ufficio, una volta raccolte prove credibili, è recarsi all'ONU con i rappresentanti interessati per illuminarli in modo concreto sulla situazione dei cristiani in un determinato Paese. Possiamo, ad esempio, prendere il caso dell'Algeria, che negli ultimi anni ha visto la chiusura di molte chiese. I rapporti scritti dai membri dell'ufficio EAJ sono stati integrati dall'esperto delle Nazioni Unite su questo paese.

Rappresentare 

Il ruolo dell'ufficio della WEA è anche, molto semplicemente, quello di mostrare una presenza evangelica alle Nazioni Unite, di rappresentarle. È anche, spinto da questo desiderio, che Michael Mutzner ha creato l'ufficio WEA a Ginevra nel 2012, quando si è reso conto che, a differenza di molte religioni, gli evangelici non erano presenti all'ONU. .

Questo ruolo di rappresentanza è un ruolo benevolo. L'obiettivo non è gridare forte e chiaro sui problemi che esistono, ma anche prendere in considerazione ciò che gli evangelici stanno attraversando nel loro contesto e ascoltare ciò che vogliono le alleanze locali, ciò che vogliono che sia reso pubblico o non.

L'India, un esempio concreto 

Facciamo ora un esempio concreto con l'India. In India c'è un aumento dell'incitamento all'odio, dell'ostilità e della violenza contro le minoranze religiose.

In particolare, i cristiani Dalit e le minoranze musulmane continuano a subire discriminazioni. Per aiutarli a far sentire la loro voce, l'ufficio dell'AEM ha preso l'iniziativa di creare legami con altre minoranze per dare più forza alle loro parole.

L'Alleanza evangelica mondiale fa parte di una Coalizione per i diritti delle minoranze in India insieme a diverse organizzazioni (tra cui una musulmana e una indù). Mentre il Paese sarà esaminato il prossimo novembre, per l'Universal Periodic Review (UPR) (un esame a cui tutti i Paesi sono sottoposti ogni 5 anni), questa Coalizione intende quindi proporre raccomandazioni concrete, per il rispetto dei diritti umani. stato di diritto e la promozione dell'uguaglianza, della libertà e della protezione delle minoranze nel paese.

Per gli anglofoni, il 3 ottobre è organizzato un webinar sull'argomento.

Inoltre, tieni presente che l'AEM è interessata a tutti i paesi, e anche alla Francia... L'ufficio sta attualmente lavorando a stretto contatto con il Consiglio Nazionale degli Evangelici di Francia (CNEF), in vista del prossimo UPR in Francia.

Infine, Vi incoraggio a pregare per questa piccola squadra che lavora duramente ogni giorno per dare voce alle chiese evangeliche di tutto il mondo (e che per operare si affida esclusivamente alle donazioni!).

Come dice Luc Ferry, “i diritti umani sono il cristianesimo secolarizzato”, quindi possiamo vedere anche nel loro lavoro un modo per riflettere l'amore di Gesù!

Camille Westphal Perrier

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.