L'editoriale della settimana del 23/09/2022 con Camille: Iran, evangelici all'Onu, Stop abusi, Grace Zaadi

L'editoriale della settimana con Camille riassume i quattro temi chiave che hanno animato questa settimana la sfera cristiana. 

Diciassette persone sono state uccise in Iran dall'inizio delle manifestazioni per protestare la morte di Mahsa Amini, una donna di 22 anni morta tre giorni dopo essere stata arrestata dalla vice squadra per non aver indossato correttamente il velo. 

In un recente comunicato stampa, la Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale (USCIRF) scrive che "l'orribile morte di Mahsa Amini è il culmine di mesi di violenta repressione del governo iraniano contro le donne sulla base della religione".

Ricordiamo che l'Iran è al 9° posto nel Global Index of Christian Persecution 2022 della ONG Open Doors che indica che la "Repubblica islamica dell'Iran è un regime autoritario" dove "i diritti della minoranza cristiana sono limitati".

Parlando di libertà religiosa, questa settimana ho avuto la fortuna di incontrare due rappresentanti della World Evangelical Fellowship alle Nazioni Unite. 

Questa settimana su InfoChrétienne ve ne abbiamo parlato la nomina di Gaétan Roy e Wissam Al-Saliby, che diventano rispettivamente rappresentante e direttore dell'ufficio della World Evangelical Alliance (WEA) presso le Nazioni Unite a Ginevra. Subentrano così a Michael Mutzner, che ricopre questa posizione dal 2012.

Attraverso questo ufficio, l'organizzazione è in una posizione unica per rappresentare una voce evangelica all'interno dell'ONU “su questioni che interessano la Chiesa”. È anche utile ricordare che la WEA rappresenta 600 milioni di evangelici nel mondo!

Se vuoi saperne di più sul loro ruolo, ti invito a leggere questo articolo: Una voce evangelica all'ONU.

Il Consiglio nazionale degli evangelici di Francia è stato inaugurato mercoledì 21 settembre un servizio di ascolto per vittime e testimoni di abusi sessuali all'interno delle Chiese, struttura e opere evangeliche protestanti.

L'obiettivo di questo servizio denominato "Stop Abuse" è quello di offrire una piattaforma di ascolto e assistenza alle vittime di abusi per raccogliere le loro testimonianze, indirizzarle verso un sostegno adeguato, sia pastorale, psicologico o legale, coinvolgere le strutture interessate o anche informare, se necessario , le autorità giudiziarie.

Inoltre Que Sportifs, movimento cristiano al servizio degli atleti in cerca di significato, ha appena pubblicato il primo episodio del suo nuovo podcast “Décrassage”. Dal titolo “Come preservare la tua salute mentale? », su cui si concentra questo episodio testimonianza della campionessa olimpica cristiana Grace Zaadi

La giocatrice di pallamano francese condivide con sincerità e trasparenza come si prende cura della propria salute mentale e ripercorre un episodio particolarmente significativo della sua carriera. Confida in particolare di essere stata aiutata dalla sua fede cristiana.

Camille Westphal Perrier

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.