Ringraziamento e ricerca della giustizia e della pace in mezzo all'ingiustizia

Giorno di riconoscimento in vari paesi del Nuovo Mondo in particolare, il Ringraziamento è conosciuto sotto la sua variante americana. Questo giovedì, come ogni quarto giovedì di novembre, gli Stati Uniti vivono questo giorno di ringraziamento che è diventato laico commemorando una festa che associa i Padri Pellegrini e gli indiani Wampanoag, nel 1621 nel Massachusetts.

Se già nel 1607 in Virginia si erano svolte celebrazioni di riconoscimento sul suolo dei futuri Stati Uniti, fu il Ringraziamento del 1621 a segnare l'immaginario americano. Quando i Padri Pellegrini sbarcarono a Plymouth nel 1620, Massasoit, il capo dei Wampanoag colpiti dalla peste, offrì ai nuovi arrivati ​​un'alleanza per proteggersi dai loro nemici di Narragansett. Almeno due di loro parlavano già inglese e la tribù aveva già combattuto gli europei. Come parte di questa alleanza, i Wampanoag sostenevano i coloni per evitare che morissero per mancanza di cibo. Gli inglesi invitarono quindi più di 90 indiani a un banchetto e giochi organizzati per tre giorni, mentre tradizionalmente il Ringraziamento veniva celebrato con digiuno e preghiera. Sono venuti con il cibo.

Un ringraziamento esteso dalla giustizia e uno strumento di unità nazionale davanti a Dio

L'alleanza è scattata molti miti denunciati dallo storico David J. Silverman, in particolare quella dell'aiuto disinteressato. Lo storico ricorda che fraintendimenti sugli acquisti di terreni, quando i Wampanoag non capivano il concetto di acquisto e pensavano di essere derubati, ma anche vere e proprie truffe di terreni, portarono a un violento conflitto, King Philip's War, dal soprannome di Metacom, il figlio di Massasoit. Oggi il Ringraziamento è un giorno di lutto per il Wampanoag.

Tuttavia, i coloni della colonia di Plymouth con cui la tribù aveva stabilito un accordo ebbero modo di manifestare le loro buone intenzioni in un primo momento, prima che arrivassero altri inglesi, occupando sempre più terra. Tra questi ultimi, tre uomini senza morale furono implicati nel 1638 nell'assassinio di un indiano allo scopo di derubarlo. Ha potuto alzarsi per tornare al suo villaggio e testimoniare alla sua famiglia e ai pellegrini, i tre colpevoli sono stati identificati, processati e impiccati dai coloni. Gli indiani furono invitati ad assistere all'esecuzione, in modo che potessero vedere che le loro vite contavano tanto quanto quelle degli inglesi. Se la motivazione delle autorità non era priva di interessi politici, la volontà di rendere giustizia era tuttavia presente, credendo i puritani nell'uguale dignità di ogni vita umana.

Fu il 3 ottobre 1789 che il presidente George Washington proclamò il primo Ringraziamento nazionale, prima di ripetere l'iniziativa sei anni dopo. Due dei suoi successori, John Adams e James Madison, proclamarono tre celebrazioni del Ringraziamento tra il 1798 e il 1814. Da quando fu proclamato dal presidente Abraham Lincoln nel 1863, il Ringraziamento è una festa federale osservata ogni ultimo giovedì di novembre.

Proprio come il banchetto del 1621 aveva rafforzato l'alleanza tra coloni e Wampanoag, Lincoln usò la sua memoria per lenire le ferite dopo la guerra civile. Incoraggiato da Sarah Josepha Hale, redattrice di Godey's Lady's Book, il presidente proclamò l'ultimo giovedì di novembre 1863 come il giorno in cui Dio sarebbe stato ringraziato "come con un solo cuore e una sola voce da tutto il popolo americano", facendo di un partito abolizionista del nord un festa per tutta la federazione.

Jean Sarpedonte

Credito immagine: Shutterstock/Rawpixel.com

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.