Rapporto: gli esperti dell'USCIRF "scoraggiati dal deterioramento della libertà religiosa in alcuni paesi"

Il rapporto elenca i "paesi di particolare preoccupazione", i paesi da inserire nella "lista di sorveglianza speciale" e gli attori non statali noti per violazioni sistematiche, continue e gravi.

La Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale (USCIRF) ieri ha pubblicato il suo relazione annuale. Questo rapporto fornisce al governo degli Stati Uniti raccomandazioni per rafforzare la promozione della libertà di religione o di credo all'estero.

Sebbene "incoraggiato dalla continua priorità dell'amministrazione Biden per la libertà religiosa internazionale nel suo primo anno", il presidente dell'USCIRF Nadine Maenza esprime disperazione per "il deterioramento della libertà religiosa in alcuni paesi.

“Siamo scoraggiati dal deterioramento della libertà di religione o di credo in alcuni paesi, compreso l'Afghanistan sotto il governo talebano de facto da agosto. Le minoranze religiose hanno subito molestie, detenzione e persino la morte a causa della loro fede o delle loro convinzioni e anni di progressi verso un accesso più equo all'istruzione e alla rappresentanza di donne e ragazze sono scomparsi. »

Come ogni anno, il rapporto elenca i "paesi di particolare preoccupazione" perché i loro governi stanno commettendo o condonando "violazioni sistematiche, continue e gravi" e pone altri nella "lista di sorveglianza speciale" a causa della perpetrazione o del perdono di gravi violazioni da parte dei loro governi . Una categoria riguarda entità di particolare interesse, attori non statali noti per violazioni sistematiche, continue e gravi.

Quest'anno l'USCIRF chiede al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti di designare 15 paesi come "paesi di particolare interesse": Birmania, Cina, Eritrea, Iran, Corea del Nord, Pakistan, Russia, Arabia Saudita, Tagikistan e Turkmenistan, Afghanistan, India, Nigeria, Siria e Vietnam.

L'organizzazione chiede inoltre di inserire 12 paesi nella speciale watch list: Algeria, Cuba, Nicaragua, Azerbaigian, CAR, Egitto, Indonesia, Iraq, Kazakistan, Malesia, Turchia e Uzbekistan.

Il rapporto chiede la designazione come entità di particolare interesse di al-Shabaab, Boko Haram, gli Houthi, Hay'at Tahrir al-Sham (HTS), lo Stato islamico nel Grande Sahara (ISGS), l'Islam di Stato nell'Africa occidentale Provincia (ISWAP o ISIS-Africa occidentale) e Jamaat Nasr al-Islam wal Muslimin (JNIM).

Per Jeff King, presidente dell'organizzazione Preoccupazione cristiana internazionale International, “l'USCIRF dà voce ai perseguitati”.

“Siamo grati per lo straordinario lavoro dell'USCIRF a favore della libertà religiosa. È una risorsa formidabile che esercita pressioni sui regimi oppressivi e sui governanti stranieri che limitano la libera espressione della fede da parte dei propri cittadini. »

MC

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.