Rivista "Mission": dove sono finiti i battezzati (cattolici)?

Il quarto numero della rivista Mission, creata lo scorso anno nella dinamica del Congresso della Missione, è incentrato sulle abitudini e sul profilo dei battezzati cattolici in Francia. Sapendo che l'80% dei francesi è battezzato e che solo il 3% va a messa la domenica, la rivista missionaria si chiede in particolare dove siano andati gli altri. 

"Il regno è qui e ora", titola il quarto numero del Rivista Missione la cui uscita è prevista sabato in occasione del Congresso Missionario, che si svolgerà a Parigi dal 30 settembre al 2 ottobre.

Mission è un "mook" di 112 pagine, ibrido tra la rivista e il libro tradizionale, nato a settembre 2021 nella dinamica dell'evento del Congresso Missionario che da otto anni riunisce migliaia di cattolici attorno all'evangelizzazione.

Nel sottotitolo della pubblicazione è scritto “Ricerca e sviluppo”. Una voce non di poco conto perché la rassegna trimestrale vuole essere anche un vettore per trasmettere dati su cui i missionari possono fare affidamento "per conoscere meglio il campo, conoscere meglio i francesi a cui sono ansiosi di parlare della [loro] speranza" , come ha sottolineato Samuel Pruvot, caporedattore durante la presentazione del primo numero.

Un'indagine per comprendere meglio le aspettative dei battezzati

È in questo contesto che Mission ha commissionato all'Ifop (Istituto francese di opinione pubblica) un'indagine tra i francesi battezzati nella religione cattolica per cercare di capirli e quindi identificare meglio le loro aspettative.

“Abbiamo chiesto all'Ifop di interrogare questo 80% dei francesi che hanno ricevuto il battesimo. Loro chi sono ? Qual è il loro rapporto con la Chiesa? Quali sono le loro modalità di pratica? Se la maggior parte degli abbonati rimane assente dalle parrocchie, dovremmo tirargli dei sassi? La nostra missione non è capire meglio le loro aspettative per anticiparle? »

L'indagine su 1.020 persone indica una tendenza generale ad allontanarsi dalla religione. Rivela tuttavia che l'80% dei francesi viene battezzato, una cifra che può sorprendere in quanto importante, ma che viene gonfiata dalle generazioni più anziane. Infatti, solo il 59% dei giovani tra i 18 ei 24 anni è passato attraverso le acque del battesimo.

Dell'80% dei battezzati in Francia, solo il 3% va a messa la domenica. D'altra parte, osserviamo che sono molto più propensi ad accendere candele nelle chiese (57%), a pregare da soli, a Dio, alla Vergine Maria o ai santi (39%) o anche a leggere la Bibbia o testi spirituali ( 24%).

Inoltre il 60% di loro afferma di aver fatto o programmato di battezzare i propri figli. Una percentuale che sale all'86% per i cattolici praticanti, all'82% per i cattolici credenti non praticanti e che resta del 65% per coloro che si definiscono cattolici non credenti.

L'indagine Ifop rivela inoltre che la maggior parte delle richieste di battesimo degli adulti proviene da persone di età compresa tra 25 e 34 anni. Sono il 92% ad aver ricevuto il battesimo da bambini e infatti l'8% ad averlo richiesto da adulti.

Un sondaggio che ha qualcosa a cui pensare, come scrive nel suo editoriale il direttore editoriale Samuel Pruvot, e che non mancherà di alimentare le discussioni che si svolgeranno questo fine settimana durante il Congresso della Missione.

“Sì, il Regno è molto vicino. Dobbiamo annunciarlo in tempo e fuori tempo come fecero i primi discepoli. »

Camille Westphal Perrier

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.