“Cosa mi aspetta? Lo sanno tutti! : cristiano cinese arrestato dopo essersi avvicinato a una chiesa in Cina

" Arrivederci amici. Sarò portato dagli agenti della sicurezza nazionale dalla mia nuova casa nel Sichuan a Longnan, nella provincia del Gansu. Cosa mi aspetta? Lo sanno tutti! »

Long Kehaie è un cristiano cinese. Voleva muoversi per essere più vicino alla Early Rain Covenant Church. Una decisione a seguito della quale è stato trattenuto amministrativamente dalle autorità cinesi per 3 giorni.

Il 25 giugno, su Facebook, quando aveva appena festeggiato il suo compleanno con i membri dell'Early Rain Covenant, ha pubblicato un post su Facebook.

" Arrivederci amici. Sarò portato dagli agenti della sicurezza nazionale dalla mia nuova casa nel Sichuan a Longnan, nella provincia del Gansu. Cosa mi aspetta? Lo sanno tutti! »

secondo Aiuto alla Cina, il cristiano è condannato a due arresti di 10 giorni consecutivi, il primo per aver "guardato e commentato video violenti e terroristici all'inizio di maggio", il secondo per aver "diffuso ripetutamente voci e altre notizie false utilizzando l'account WeChat" , che "sconvolge l'ordine sociale".

Queste sanzioni sono rinviate nel contesto della pandemia, ma Long Lehaie non ha il permesso di lasciare Chengdu. Su Facebook chiede consiglio.

“Sorelle e amici, cosa dovrei fare mentre la polizia del PCC sta palesemente violando la Costituzione, violando le leggi e la morale e violando i diritti umani dei cittadini? »

La Early Rain Covenant Church prega per lui.

“Long è appassionato di giustizia e testimonia il Vangelo con gioia, ha sofferto molto per la giustizia, non è raro che venga perseguitato, espulso e trattenuto. Il Signore lo tenga saldo, lo protegga da trattamenti illeciti e rafforzi la sua fede. »

MC

Credito immagine: Shutterstock.com/mundosemfim

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.