Quando l'arte diventa un premio di guerra: il caso degli oggetti sciti dall'Ucraina

Non è raro che i conflitti armati portino via oggetti d'arte e di cultura nella spirale della violenza: il caso dell'attacco all'Ucraina da parte della Russia ne è un esempio lampante. Dall'inizio della guerra, il 24 febbraio 2022, l'esercito russo ha preso la città di Melitopol, situata nel sud del Paese, vicino al Mar d'Azov, nel corridoio strategico che, se conquistato, consentirebbe di collegare la Crimea annessa nel 2014 al territorio russo, ma l'obiettivo non è solo militare: conquistando la città, il i soldati si precipitano a saccheggiare il museo locale dove si trovano reperti d'arte scita, ormai irrintracciabili.

"Gli orchi hanno preso il nostro oro scita", ha poi dichiarato il sindaco della città, Ivan Fedorov, rendendo popolare un'espressione che è diventata subito virale per riferirsi agli invasori russi. L'attacco era ovviamente mirato: il direttore del museo di storia locale di Melitopol, Leila Ibrahimova, ha riferito a Radio Free Europe che i soldati avessero chiesto espressamente dove fossero questi preziosi oggetti, nascosti durante l'avvicinarsi delle truppe nemiche. Ha aggiunto che erano accompagnati da un uomo in tuta bianca in grado di maneggiare questi oggetti e rimuoverli senza danneggiarli.

Alle ultime notizie, la guardia del museo che ha rivelato l'ubicazione degli oggetti sotto minaccia di armi non ha dato alcun segno di vita.

In tutto, a Melitopol, sarebbero state rubate 198 opere d'arte, tra cui armi antiche, monete rare e soprattutto manufatti d'oro che costituivano la più importante collezione d'arte scita in Ucraina. Anche loro sono scomparsi senza lasciare traccia e sembra che non abbiano alimentato il mercato nero globale di opere d'arte rubate.

Perché è avvenuto questo furto? Perché attorno a queste opere d'arte si gioca una disputa museale, culturale e commemorativa che apre una nuova linea del fronte nel sanguinoso conflitto russo-ucraino.

Gli Sciti, dall'interesse archeologico al mito russo e slavo

Chiunque pronunci la parola "Scythian" evoca un'intera immaginazione della steppa primitiva e selvaggia, popolata da cavalieri adornati d'oro che sono tanti formidabili avversari in combattimento. Il fascino per questo insieme di culture dell'età del ferro, presenti in Europa e in Asia dall'XNUMXe a IIe secolo aC, è antica in Occidente. Nel suo storie, il greco Erodoto (circa – 480 a.C.- circa – 425 a.C.) dedica un intero libro a questa tribù rinomata per la sua ferocia, e si possono sospettare gli autori della saga Star Wars essere ancora sotto l'influenza di questa aura quando inventano i signori dei Sith all'origine delle lotte che smaltano la galassia.

Ma nel contesto slavo, gli Sciti hanno lo status di antenati sognati dei popoli dell'Europa orientale. Questa cultura orale, lontana e per questo duplice motivo avendo lasciato poche tracce, si diffuse tuttavia nella steppa del "Kurgan".), o tumuli dove furono sepolte le élite scite. Dal XVIIIe secolo, iniziamo ad aprire le tombe presenti sul territorio russo dell'epoca e vi scopriamo reperti che testimoniano la ricchezza di questa civiltà: tra questi, splendidi oggetti d'oro, spesso raffiguranti scene di caccia o di combattimento, il cui valore artistico è evidente.

È in Ucraina, nella carriera di Koul-Oba (“la collina delle ceneri”), situata nell'attuale Crimea, che nel 1830 fu scoperta una tomba dove, accompagnati da un servo, giacevano un uomo e una donna interamente ricoperti d'oro: questa prima scoperta di squame, in una spedizione originariamente commissionato dallo zar russo Alessandro Ier, il conquistatore di Napoleone, morto nel 1825, lanciò un'operazione di mitizzazione generale degli Sciti. Diventano gloriosi antenati, la cui maestria nelle armi è pari solo a quella delle arti, e che testimoniano l'esistenza precoce di una grande civiltà extraeuropea di cui i popoli slavi sono i discendenti.

Questa genealogia onirica si scontra con alcuni ostacoli storici (in primis l'esatta definizione di cosa sia "scita": il senso stretto ne limita l'uso ai popoli che vivevano in Ucraina e nel Caucaso, un senso più ampio abbraccia l'intera steppa eurasiatica), ma serve ridurre il complesso culturale che la Russia ha nei confronti dell'Europa. Ponendosi sotto l'egida degli Sciti, non è più costretto a imitare pedissequamente le grandi potenze europee, ma può vantare un proprio modello, un'origine culturale unica e una potenza guerriera che la vittoria contro Napoleone nel 1815 ha appena riattivato.

Nazionalismo romantico: battaglia tra sciti e slavi (Viktor Vasnetsov, 1881).
Wikimedia

Questo mito scita scorre così per tutto il XIXe secolo e conobbe un nuovo momento di gloria all'inizio del XXe secolo in cui, nell'ambito del modernismo russo, filosofi e poeti non esitarono a dichiararsi "sciti": i movimento "eurasista". sposta il baricentro dell'identità russa a est, mentre il lunga poesia di Alexandre Blok "The Scythians" (1918) assimila l'onda minacciosa di cavalieri nomadi alla tempesta rivoluzionaria proveniente dall'Oriente e pronta a riversarsi sull'Europa. Gli Sciti sono quindi compatibili con la Rivoluzione, ne sono addirittura i precursori: non sorprende che le mostre sull'oro scita, tratte in particolare dalle collezioni del museo dell'Ermitage, punteggiano la diplomazia culturale dell'URSS, in cui appaiono come una manifestazione di potere e, forse, una velata minaccia.

Catalogo della mostra sovietica del 1975 a Parigi.

Di chi sono gli Sciti?

La Russia di Vladimir Putin, che è un fervente difensore della dottrina eurasiatica, ha quindi tutto l'interesse a recuperare per lei questi grandi antenati, anche a costo di saccheggiare un museo. La borsa del museo Melitopol sta infatti risolvendo una disputa museale aperta dal 2014 tra Russia e Ucraina. Nel 2014, gli Sciti sono riemersi nelle notizie : un museo di Amsterdam aveva dedicato una mostra all'oro scita dall'Ucraina – e più precisamente dalla Crimea. Tuttavia, durante la mostra, la Russia ha annesso questa parte del territorio ucraino. Ne è seguita una lunga battaglia legale per scoprire a chi devono essere restituiti questi oggetti: all'Ucraina, che li ha prestati, o alla Russia, che li ha reclamati? Nell'ottobre 2021, a Il tribunale olandese si è pronunciato a favore dell'Ucraina e gli oggetti furono inviati al Museo Melitopol. Per le autorità ucraine, non era solo un segno che la legge veniva rispettata, ma anche un promemoria che la storia degli Sciti si era in gran parte giocata nelle terre dell'Ucraina.

Sophia Schliemann indossa i gioielli del “Tesoro di Priamo”.
Wikimedia

Tuttavia, sono in gran parte questi stessi oggetti che furono saccheggiati durante l'occupazione di Melitopol. Il metodo non è nuovo, e spesso i russi hanno usato l'arte come premio di guerra: dal 1994 il Museo Pushkin di Mosca espone il "tesoro di Priamo", ovvero la collezione messa insieme dall'archeologo tedesco Heinrich Schliemann nel 1874 da i presunti resti della città di Troia ed esposti a Berlino fino alla fine della seconda guerra mondiale. Scomparso per decenni, è finalmente ricomparso in Russia e il Paese si è sempre rifiutato di restituirlo per il ruolo svolto dall'Armata Rossa nella liberazione dell'Europa.

Ma nel contesto del conflitto che imperversa dal 24 febbraio 2022, è anche una battaglia della memoria che si svolge intorno agli Sciti. Privare gli ucraini dei loro oggetti d'arte sciti, isolarli da questo popolo leggendario con una grande aura culturale e letteraria, significa consolidare il La contro-narrativa di Putin che consiste nel negare l'esistenza storica dell'Ucraina, che infatti sarebbe stata creata da zero da Lenin.

Il furto di questi oggetti, compiuto in modo calcolato e con grande violenza, ha quindi un fine politico: niente opere d'arte, niente storia; nessuna storia, nessuna nazione; nessuna Nazione, nessuna guerra ma una “operazione speciale” per mantenere l'ordine su un territorio che si adatterebbe naturalmente alla continuità del territorio russo.

Non è la prima volta che Russia e Ucraina si scontrano su beni culturali che comportano anche l'affermazione di un'identità e di una storia: nel 2009, in occasione della bicentenario della nascita dello scrittore Nicolaï Gogol, gli storici letterari dei due paesi erano infiammati di sapere se il grande autore autoctono di “Piccola Russia” fosse russo o ucraino. Né sono gli unici oggetti a subire i disastri della guerra: i Il municipio di Mariupol ha denunciato 2000 furti, tra cui un incunaboli del 1811, dipinti di pittori Arkhip Kuinji et Ivan Aivazovsky, icone rare e tante vecchie medaglie. Ma non c'è dubbio che nel bottino di guerra, l'oro degli Sciti brilla di uno splendore speciale.

Vittoria di Leafwood, Ricercatore in Letteratura russa, Università di Strasburgo

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: wikipedia / Collana pettorale in oro del Royal Kurgan di Ordzhonikidze (Ucraina). Arte greco-scita, seconda metà del IV secolo a.C. aC, Museo dei tesori storici dell'Ucraina, kyiv.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.