Quando Bill Fontana riporta in vita le campane di Notre-Dame

Sulla terrazza del 5° piano del Centre Pompidou, artista Bill Fontana ci fa sentire “vivere” le vibrazioni permanenti delle campane di Notre Dame mentre sono totalmente impercettibili all'orecchio. Questo è un magnifico e impressionante installazione sonora prodotto nell'ambito del festival Manifeste 2022 di IRCAM (Istituto per la Ricerca e il Coordinamento Acustico/Musicale). Questo insolito suono delle campane (muto dopo l'incendio) ci riporta a Notre Dame de Paris.

Nel 2016, in un articolo intitolato: "Bill Fontana, l'artista che scolpisce il rumore del mondo", scrivevo da fisico quanto mi interessasse il lavoro dello scultore del suono di Bill Fontana: “Tutto vibra intorno a noi, ma il più delle volte non percepiamo questa vibrazione del mondo. Eppure si può passare la vita giocando con queste vibrazioni e rendendole percepibili. Questo è ciò che l'artista Bill Fontana fa da 45 anni, registrando ad esempio il suono delle campane della Basilica di Saint-Denis causato solo dai rumori del mercato sulla piazza sottostante. »

Tecnologia per sentire il rumore

Bill Fontana trascorso la sua vita attaccare accelerometri su un gran numero di monumenti, campane, gong, ponti... in tutto il mondo per far sentire le loro vibrazioni meccaniche indotte dal rumore ambientale.

 

Perché tutto si muove intorno a noi. Sebbene queste vibrazioni siano normalmente impercettibili e ignorate, sono molto presenti e ben note a scienziati e ingegneri. Questi rumori possono insinuarsi nella misura di un segnale e sono quindi il più delle volte un fastidio… I microaccelerometri sensibili a queste vibrazioni provenivano dalla micro/nanoelettronica alla fine del XNUMX°e secolo. Ora sono ovunque sulla Terra, e soprattutto in ogni smartphone. Quindi puoi suonare come Bill Fontana registrando questo suono del mondo. Per vedere questo rumore, puoi utilizzare l'applicazione per insegnanti di fisica PhyPhox che permette di manipolare tutti i sensori dello smartphone. I fisici dietro PhyPhox disegnano curve e non trasformano questi rumori meccanici per alimentare la nostra percezione. Questo è ciò che hanno fatto Bill Fontana e l'IRCAM per far sentire qui il suono permanente delle campane di Notre Dame.

 

Le vibrazioni del mondo descritte dalla fisica

Quando ho saputo qualche giorno fa che Bill Fontana aveva installato Echi silenziosi, nome del suo lavoro in movimento da anni, tra il Centre Pompidou e Notre-Dame, in un primo momento ho solo espresso un cortese interesse. Dopo le campane della Basilica di Saint-Denis, il Millenium Bridge di Londra, le campane dei templi in Giappone, ecc. possiamo naturalmente continuare, ma perché, si sarebbe tentati di dire? Abbiamo capito il punto. Mi piaceva, ma ero andato avanti.

Il mio approccio al lavoro di Bill Fontana è principalmente quello di un fisico specializzato nelle vibrazioni termiche di micro/nanostrutture. Sembra molto lontano dalle campane di Notre Dame. Eppure per tutti i fisici, tutti i meccanici, in definitiva tutti quelli, compresi i ricercatori IRCAM, per i quali questa frase "studio della risposta in frequenza di un sistema lineare soggetto a rumore a banda larga come input" ha un significato chiaro, in fondo è la stessa cosa.

In un certo numero di situazioni, i fisici lavorano instancabilmente per, se non sopprimere, almeno isolare i loro esperimenti dai rumori che Bill Fontana ci fa sentire. Uno di questi più bei sistemi, protetto come mai prima d'ora da tutte le vibrazioni meccaniche esterne ovunque provengano, è l'Osservatorio europeo della Vergine per il rilevamento delle onde gravitazionali. Il fisico Alain Brillet, medaglia d'oro del CNRS nel 2017, trascorre molto tempo in queste lezioni sullo strumento nel cuore della Vergine, spiegando come i suoi specchi siano uno dei sistemi più isolati sulla Terra.

Quindi sono stato affascinato per la prima volta da questa implementazione artistica dei micro-accelerometri oggi nella nostra vita quotidiana, ma risultante da una tecnologia di un livello senza precedenti. Probabilmente il cuore della mia lettura del suo lavoro di qualche anno fa. La terrazza del Centre Pompidou con questa nuova installazione mi ricorderebbe che un'opera d'arte interessante è molteplice e può essere completamente rinnovata agli occhi di chi la guarda. Un vero shock.

Mea Culpa

Infatti, ho avuto esperienza del lavoro di Bill Fontana solo attraverso i suoi video, i suoi testi, anche attraverso il lavoro di studenti che avevo seguito su progetti "Learning by doing" molto ispirati alle sue creazioni come “Buone vibrazioni: il progetto Jelly Vibration, No Tech! ».

 

Quindi non ero mai stato presente a una delle sue opere “dal vivo”, corpo e spirito riuniti. Risultato, nonostante l'ondata di caldo in questo mese di giugno 2022, sono rimasto due ore sulla terrazza del Centre Pompidou di fronte a Notre-Dame ad ascoltare questa vibrazione permanente delle campane che si è dato ad ascoltare lì per la prima volta. Innanzitutto, e anche se non sono in grado di apprezzarne tutte le sottigliezze, ho ammirato il lavoro sonoro dello spazio della terrazza con questi altoparlanti che lo circondano e, anche all'aperto, immergono il pubblico nel cuore del suono . È lì ovunque avvolgente, ipnotico, mutevole, ma permanente. “Il mare, il mare, sempre da capo! ha scritto Paul Valery. Vale anche per la vibrazione delle campane di Notre Dame. Vibrano così da quando esistono, e vibreranno finché esisteranno, in risposta ai rumori di Parigi.

Una miriade di ricordi

Come tutti gli altri, non sono entrato a Notre Dame dall'incendio e la mia prossima visita potrebbe essere un po' di attesa. Nel pomeriggio del 15 aprile 2019, con ricercatori, insegnanti e studenti, ero davanti a Notre Dame in fiamme, nel Marais, sul tetto del Centro di Ricerca Interdisciplinare dell'Università di Paris Cité, sbalordito e congelato come tutto, crollato quando è caduta la freccia. E poi, tre anni dopo, sono su questa terrazza del Centre Pompidou, c'è Notre Dame, di fronte. Parigi e i suoi suoni sono ovunque. Il suono delle campane esce dagli altoparlanti intorno a me e mi installa nel cuore della cattedrale che è sopravvissuta nonostante l'entità della distruzione.

È un suono che non ho mai sentito, ma è ovviamente quello delle campane. Lui è lì. Ancora qui. E riporta quei momenti che ti truccano. In quel momento, non puoi farci niente. In Corto Maltese, Hugo Pratt fa dire a un soldato scozzese:

“Sono sempre stato rattristato da chi ascolta la cornamusa… senza essere scozzese. »

Siete travolti: Notre Dame, Victor Hugo, le immagini della Liberazione di Parigi, e questo momento terribile, ma insieme su questo tetto nella primavera del 2019. 3 marzo 2022, pensando all'Ucraina martire e per la pace in Europa, il la campana di Notre Dame suonò, unendosi ad altre campane in tutto il continente. Dopo l'incendio, la foglia doveva essere maneggiata a mano.

Ovviamente ho usato anche il mio smartphone. L'app PhyPhox mi ha permesso di registrare il suono degli altoparlanti e calcolare dozzine di spettri audio. Per costruire tutta la mia presenza in questo lavoro, avevo bisogno di ancorarmi cercando di identificare le frequenze di risonanza delle diverse campane, cioè le loro note. Curve molto belle. Ognuno si avvicina a un'opera artistica come vuole... o come è! L'artista Bill Fontana è riuscito a girarmi e ne sono stato molto felice.

Joel Chevrier, Insegnante di fisica, Grenoble Alpes University (UGA)

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock.com/maphke

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.