Asia bibi

La prima videointervista di Asia Bibi: "C'è gente che ha approfittato del mio nome ma io non ho ottenuto niente"

Asia Bibi riflette sulle sue condizioni di vita in Canada e sfida il Pakistan sulle leggi sulla blasfemia nella sua prima videointervista.

Da quando è stata assolta dalla Corte Suprema del Pakistan nel 2018, Asia Bibi vive in esilio in Canada. Ha appena partecipato la sua prima videointervista.

Asia Bibi fa appello alle agenzie governative pakistane.

“Proteggi gli innocenti invece di picchiarli nelle stazioni di polizia. Gli innocenti devono essere liberati. Lunghe condanne per accuse senza prove sono una grande ingiustizia nel nostro Paese. Non capiscono la Bibbia o il Corano anche dopo averli studiati. Nel nome di Dio, apri i tuoi cuori alla misericordia. Il Pakistan non è solo per i musulmani. Mi arrabbio quando i buoni musulmani vengono presi di mira perché simpatizzano con le minoranze religiose impoverite. »

Anche colei che è diventata la figura di spicco della lotta contro le leggi sulla blasfemia in Pakistan ha guardato indietro alla sua vita attuale.

“Ci sono persone che hanno approfittato del mio nome ma io non ho ottenuto niente. La nostra comunità avrebbe dovuto aiutarci. La gente pensa che abbiamo fatto un sacco di soldi da quando ci è stato concesso l'asilo. Il governo ci ha sostenuto solo per un anno. Anche le mie figlie non hanno potuto studiare a causa della mia situazione e oggi affrontano un futuro incerto. I miei anni di sofferenza ci hanno indebolito. Mio marito è stato operato alla cistifellea in Pakistan e ha cercato lavoro per quattro anni. »

Asia Bibi ha figli che vivono ancora in Pakistan.

MC

Fonte : Notizie dal Vaticano

Immagine: Schermata | Naya Daur TV

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.