Platinum Jubilee of Elizabeth II: The Christian Faith of the Queen of England

Dal 2 al 5 giugno gli inglesi celebrano il giubileo di platino, sono circa i settant'anni di regno di Elisabetta II che divenne regina il 6 febbraio 1952 e fu incoronata il 2 giugno 1953. L'occasione per evocare la fede cristiana del monarca, perché i giubilei sono anche eventi religiosi che mettono in luce il ruolo della monarchia nella religione nel Regno Unito. 

Dal 2 al 5 giugno si svolgeranno quattro giorni di celebrazioni in tutto il Regno Unito per celebrare il Giubileo di platino di Elisabetta II, che segna i suoi 70 anni di regno. Questo è un evento storico poiché nessun monarca britannico ha mai raggiunto una tale longevità sul trono.

In occasione di questo fine settimana festivo, due giornalisti britannici, Philip Williamson for The Conversation e Catherine Pepinster dentro Cristianesimo premier ha esaminato la fede della regina e l'importanza della religione per la monarchia. I media cristiani Christian oggi ha anche dedicato diverse pubblicazioni alla fede "ispiratrice" di Elisabetta II.

“La religione è molto importante per la monarchia britannica. Per la famiglia reale, è una questione di convinzioni personali, espresse nel regolare culto cristiano", osserva Philip Williamson, professore alla Durham University.

Secondo Catherine Pepinster, la fede della regina fu "particolarmente influenzata da suo nonno, Giorgio V". Descrive una credenza "basata sulla Bibbia".

“Chi conosce Elisabetta II dice che anche lei ama la sua Bibbia e il suo libro di preghiere. »

Una fede personale

L'esempio più eclatante dell'espressione della fede personale della sovrana appare nelle sue trasmissioni natalizie, che ogni anno sono un po' più segnate dalle sue convinzioni cristiane.

Nel suo primo messaggio di Natale del 1952, pochi mesi prima della sua incoronazione, Elisabetta aveva già incoraggiato coloro che l'ascoltavano a pregare per lei:

“Voglio chiedere a tutti voi, indipendentemente dalla vostra religione, di pregare per me in questo giorno – di pregare affinché Dio mi dia saggezza e forza per adempiere le promesse solenni che farò e per poterlo servire fedelmente , così come te, tutti i giorni della mia vita. »

Ma è stato nel Natale del 2000 che abbiamo visto una svolta. Rivolgendosi alla nazione, la Regina ha ricordato che questa celebrazione celebra il compleanno di "Gesù Cristo", sottolineando che questo è stato "il vero anniversario del millennio".

Ha continuato a parlare apertamente della propria fede, parlando degli insegnamenti di Cristo e dell'impatto che hanno avuto nella sua vita.

“Per me, gli insegnamenti di Cristo e la mia responsabilità personale davanti a Dio forniscono un quadro entro il quale cerco di vivere la mia vita. Come molti di voi, ho tratto grande conforto in tempi difficili dalle parole e dall'esempio di Cristo. »

Da quel giorno, il tradizionale messaggio natalizio della Regina è stato “segnato dal desiderio di esprimere le sue convinzioni cristiane”, sottolinea Caterina Pepinster.

Giubilei, feste religiose

L'impegno cristiano di Elisabetta II è anche un "requisito costituzionale", perché, come ricorda Philip Williamson, "il monarca è il governatore supremo della Chiesa d'Inghilterra". Storicamente, la monarchia è davvero un'istituzione della Chiesa d'Inghilterra e le incoronazioni si svolgono nelle chiese anglicane.

È anche importante notare che i giubilei sono un'opportunità per farlo Festività religiose che vanno ben oltre la Chiesa anglicana.

“Per ogni giubileo, tutte le chiese hanno anche tenuto speciali servizi locali in tutto il Regno Unito, inclusi 'servizi uniti', riunendo membri di diverse chiese. »

In effetti, i giubilei reali furono "pietre miliari nello sviluppo della cooperazione tra le chiese britanniche", spiega The Conversation.

La regina ha anche cercato di incoraggiare buoni rapporti tra fedi diverse, al di fuori del cristianesimo. Così, per i giubilei del 2002 e del 2012, “rappresentanti delle religioni del mondo hanno assistito alle funzioni religiose nazionali”.

In un articolo intitolato "5 modi in cui la vita e la fede della regina mi ispirano" pubblicato in Christian oggi, la giornalista Claire Musters afferma che, sebbene non conosciamo i "dettagli della vita personale della regina", ha condiviso la sua fede con il principe Filippo.

“Spero e prego che abbia sempre vicino a sé il sostegno cristiano”, continua il giornalista britannico, ricordando che “abbiamo tutti bisogno di questo sostegno come corpo di Cristo”.

Lo scorso febbraio, l'arcivescovo di Canterbury, Justin welby, aveva anche elogiato la fede cristiana della regina e "la sua fedele testimonianza a Gesù Cristo". Il leader spirituale della Chiesa anglicana ha poi invitato i cristiani a pregare affinché Dio “continua a rafforzare e guidare” Elisabetta II e che sia benedetta “con buona salute e saggezza”.

Camille Westphal Perrier

Credito immagine: Shutterstock / PhotoWorks di McCarthy

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.