Perché i francesi con disabilità migrano in altri paesi per ottenere cure adeguate

Come altri paesi europei, la Francia può vantare un forte stato sociale, che gli studiosi specializzati in studi sulle migrazioni tendono a considerare come un “fattore di attrazione” per i potenziali residenti.

Tuttavia, spesso prestiamo meno attenzione ai limiti del sistema. In effetti, negli ultimi anni, le carenze del sistema sanitario francese hanno portato alcuni cittadini a farsi curare in altri paesi europei. Un "concorrente" della Francia che potrebbe non venire subito in mente è la Vallonia, una regione francofona nel sud del Belgio. Si stima che approssimativamente 8 233 I cittadini francesi con disabilità vivono in istituti situati in questa regione.

Sebbene questa presenza transfrontaliera abbia a lunga storia, i media nazionali si sono concentrati su ciò che viene comunemente descritto come una forma diesilio, o su casi di pratiche abusive in alcune istituzioni belghe.

Per comprendere meglio le cause e gli impatti di questa migrazione, abbiamo condotto 23 interviste con genitori di francesi che si sono trasferiti in istituzioni belghe, rappresentanti di ONG e direttori di istituzioni nell'ambito del progetto di ricerca MiTSoPro. La migrazione dalla Francia al Belgio comporta diversi tipi di disabilità, in particolare disturbi intellettivi, mentali e dello spettro autistico. Nella nostra ricerca, la maggior parte delle interviste familiari sono state condotte con genitori di persone con autismo.

Espulso dalla Francia

Per molti genitori francesi, collocare i propri figli in un istituto belga non è tanto una scelta quanto l'unica alternativa a loro disposizione. Il numero limitato di strutture in grado di accogliere bambini e adulti con disabilità è stato citato dalla quasi totalità degli intervistati. Come ha spiegato un genitore:

“Un'istituzione belga non era il nostro primo obiettivo. È stata una scelta imposta, in realtà […] il vero problema era la mancanza di soluzioni. »

La situazione è particolarmente grave nella regione dell'Île-de-France. Nel 2019, il dipartimento di Seine-Saint-Denis ha documentato 1 adulti e 000 bambini senza soluzione di cura. Le persone con forme di disabilità multiple o gravi sono particolarmente suscettibili di essere lasciate indietro dal sistema.

Ma anche i genitori francesi si rivolgono al Belgio per la qualità superiore e la gamma di assistenza offerta. Le scuole belghe sono spesso percepite come quelle che offrono servizi più adatti allo sviluppo individuale delle persone con disabilità. Molti genitori ritengono che il sistema belga ponga maggiormente l'accento sugli aspetti educativi mentre il sistema francese si concentra sulla dimensione medica e sarebbe quindi meno efficace quando si tratta di stimolare l'autonomia dei bambini.

Lo sviluppo di un'infrastruttura sanitaria transfrontaliera

Le istituzioni belghe che sostengono i cittadini francesi sono di fatto finanziate dal sistema di welfare francese, che sostiene i costi di questi servizi. In combinazione con una domanda elevata e requisiti legali meno onerosi, i finanziamenti pubblici hanno portato alla proliferazione di istituzioni sul lato belga del confine, sia no-profit (associazioni) o for-profit (aziende private). Il governo belga si riferisce a questi come "servizi approvati e finanziati da un'autorità straniera" (SAFAE) e le istituzioni che li forniscono hanno uno status giuridico separato da strutture belghe simili.

I pazienti non sono gli unici ad attraversare i confini: lo fanno anche i professionisti, poiché alcuni di loro visitano regolarmente le strutture su entrambi i lati del confine. Nel tempo, questo viaggio è stato rafforzato da reti transfrontaliere formali e informali di professionisti, che restano in contatto e scambiano le loro competenze tra i due paesi. In effetti, molti genitori incontrati durante la nostra ricerca sono stati indirizzati in Belgio da professionisti francesi come lavoratori sociali, operatori sanitari o direttori di istituzioni francesi.

Le istituzioni in Vallonia che forniscono servizi ai cittadini francesi, conosciute con l'acronimo francese SAFAE, ricevono finanziamenti attraverso il sistema di sicurezza sociale francese.
AViQ/OpenStreetMap, CC BY

Famiglie diverse e realtà diverse

Il modo in cui le famiglie vivono questa sistemazione dipende da variabili come la vicinanza geografica al Belgio, l'accesso ai trasporti, il reddito disponibile e, naturalmente, la propria forma fisica. Per i residenti relativamente benestanti della regione dell'Île-de-France, collocare il figlio in un istituto belga può essere un'opzione, mentre per le famiglie più modeste nel sud della Francia, questa scelta sarà molto più difficile. Inoltre, per molti, la pandemia di Covid-19 e i suoi divieti di viaggio all'interno dell'UE hanno portato a casa la dura realtà del confine.

Mentre la maggior parte dei genitori intervistati è relativamente soddisfatta dell'assistenza fornita in Belgio, alcuni sottolineano l'impatto della distanza sulla loro capacità di mantenere una vita familiare con il figlio all'estero. Ecco come descrive la situazione la madre di un adulto che vive in un istituto belga:

“A quanto pare mio figlio sta bene dov'è. Il problema è che stiamo invecchiando. Sfortunatamente, mio ​​marito è diventato ipovedente, quindi viaggio in Belgio da solo. […] Se nostro figlio fosse più vicino, sono sicuro che sarebbe più facile per tutti. Anche per lui, potrebbe partecipare un po' di più a tutti gli eventi di famiglia. Si sentirebbe meno isolato. »

I frutti amari della libertà di movimento

La presenza di cittadini francesi con disabilità in Belgio può essere interpretata in diversi modi. Da un lato può essere considerato – e talvolta viene vissuto come tale dai genitori – come l'espressione della principio della libera circolazione all'interno dell'UE. D'altra parte, può anche essere letta come un'esclusione dalla propria comunità, che è contraria Articolo 19 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

Sebbene questo esempio sia specifico di Francia e Belgio, mostra come le politiche nazionali di protezione sociale possono avere un impatto sulla migrazione nell'UE. Rivela anche il carattere a volte amaro della libertà di movimento.

Jeremy Mandin, Ricercatore post dottorato in antropologia e scienze sociali, Université de Liège

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock/Pressmaster

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.