Per l'Islam, "Gesù non può essere Dio". Come rispondere da cristiano?

Quando si tratta di parlare di Gesù di fronte ai nostri amici musulmani, molte domande intralciano i cristiani.

  • Non esiste un versetto biblico chiaro che dica "Io sono Dio, adorami"!
  • Un Dio che muore: è del tutto illogico!
  • Tre dei in uno è impossibile.
  • Maria mostra preoccupazione per Gesù. Ciò significa quindi che lei sa che lui non è Dio, perché quale creatura può voler proteggere il suo Creatore?
  • Se Gesù è Dio, perché pregava? E chi stava pregando?
  • Se Gesù è Dio, come avrebbe potuto essere tentato?

Poiché i musulmani non credono che Gesù possa essere Dio, uno dei loro modi di argomentare è compilare tutto ciò che rende Gesù umano, per confutare la sua divinità.

Ora, nella Bibbia, i versetti che annunciano la natura divina di Cristo sono legioni. I cristiani credono nella duplice natura di Cristo: pienamente umano e pienamente Dio. Troveremo così tanti riferimenti alla sua natura umana, che comprende anche i suoi limiti e le sue paure, perché Gesù era a tutti gli effetti un uomo. E questo non toglie che fosse anche Dio in tutto e per tutto.

In realtà, su questa dimensione come su tante altre, i musulmani si pongono domande di grande attualità, che si pongono segretamente molti cristiani. Oppure non si presentano ma a cui non sanno rispondere.

I cristiani con poche radici e scarsa conoscenza della Bibbia possono lasciarsi convincere da ragionamenti islamici basati su presupposti non biblici: la loro visione di Dio, del mondo, di Cristo non è costruita sugli stessi fondamenti.

D'altra parte, quando i cristiani hanno una fede più solida e conoscono – almeno un po' – Gesù, allora il contatto con i musulmani diventa un'ottima scuola per rafforzare la propria fede. Infatti, pur credendo in Dio, i musulmani non tracciano gli stessi contorni, non gli attribuiscono le stesse qualificazioni o la stessa identità. Andare da loro ci porta a voler approfondire il motivo per cui crediamo in ciò in cui crediamo.

Per coloro che desiderano comprendere e approfondire la propria fede cristiana, i musulmani sono una mano tesa per porsi le domande giuste… E si scopre che la Bibbia contiene le risposte giuste. A volte la Bibbia non dice le cose in modo esplicito. Tuttavia, un fascio di elementi convergenti viene a dimostrare la pertinenza di un'affermazione. Le trappole e le insidie, le incomprensioni e le zone d'ombra legittimamente sollevate dai musulmani, sono tutte risolte negli stessi testi biblici.

Concludiamo rispondendo alla prima domanda posta in questo articolo:

“Non esiste un versetto biblico chiaro che dica 'Io sono Dio, adorami'! »

Non c'è nemmeno un versetto in cui Gesù direbbe "Io non sono Dio, non adorarmi". »

D'altro canto :

  • diversi versetti annunciano esplicitamente che Gesù è Dio: Giovanni 1:18; Giovanni 1:28-29; Romani 9:5; Filippesi 2:5-6; Tito 2:13; Ebrei 1:8; 2 Pietro 1:1; 1 Giovanni 5:20; Apocalisse 1:8.
  • Anche Gesù ha nomi divini: Dio, Figlio di Dio, “Io sono”, Signore.
  • Gesù compie le opere divine: creazione del mondo, remissione dei peccati, autorisurrezione, redenzione, giudizio.
  • Possiede anche attributi divini, come l'eternità e la gloriosa preesistenza (Giovanni 17:5; Giovanni 8:58) o l'onnipotenza (Matteo 28:18).
  • Infine, gli onori divini sono resi a Gesù da tutti i tipi di creature terrene e celesti (Apocalisse 5:13).

Infatti, “Non esiste un versetto biblico chiaro che dica 'Io sono Dio, adorami'! ". Ma una serie di prove porta i cristiani a concludere che Gesù è Dio.

Questo punto e molti altri sono riuniti nell'opera di Rémi Gomez "La divinité de Christ face à l'Islam", il cui puoi scaricare un estratto qui.

Questo estratto ti viene offerto in collaborazione con Editions BLF e il mercato eXcaléo.

Pascal Portouklian

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.