“Pensavano di avermi ucciso, ma gloria al Signore Gesù perché sono sopravvissuto”

Un pastore è stato "severamente picchiato con oggetti contundenti" in Uganda.

Agaba Ezera è un pastore in Uganda. L'8 novembre è stato picchiato da estremisti musulmani. La sua chiesa è stata demolita. Lo testimonia Notizie sulla stella del mattino.

"Questo incidente è avvenuto a causa delle nostre attività di evangelizzazione nella comunità musulmana nei villaggi di Katantala e Kapapali", ha detto. Ad agosto, il pastore ha condotto a Gesù 23 musulmani.

"Questo ha fatto arrabbiare i musulmani, che sono venuti ad attaccare la chiesa l'8 novembre intorno alle 20:XNUMX, quando eravamo alla comunione serale", continua.

“Le persone sono apparse dal nulla, gridando e cantando parole islamiche come se stessero andando a partecipare alle preghiere dell'Eid. Hanno iniziato a picchiarci ea demolire l'edificio della chiesa, oltre a strappare le lamiere. »

Agaba Ezera riporta le parole di uno degli assalitori.

“Hai portato qui i kafiri [infedeli] e hai convertito la nostra anziana moglie dandole sale e zuppa, devi morire oggi. »

Sul suo letto d'ospedale, dà gloria a Dio.

“Sono stato duramente picchiato con oggetti contundenti, ma gloria al Signore Gesù che sono sopravvissuto anche se pensavano di avermi ucciso. »

MC

Credito immagine: Morning Star

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.