Nostalgia multietnica: un musulmano bosniaco costruisce una chiesa cattolica

All'uscita della chiesa appena consacrata da una messa, i fedeli ringraziano calorosamente un uomo di buona statura in camicia bianca. Husejn Smajic non ha partecipato alle celebrazioni religiose, ma l'edificio cattolico non esisterebbe senza questo musulmano che pensa che una Bosnia fraterna sia sempre possibile.

Dalla guerra intercomunitaria che ha ucciso 100.000 persone negli anni '1990, la Bosnia è stata divisa su basi etniche, con un'entità serba e una federazione croato-musulmana in cui le due comunità convivono con difficoltà.

Bugojno non è risparmiato. La maggior parte dei croati cattolici, prima della guerra il 34% dei 47.000 abitanti di questa città della Bosnia centrale, furono espulsi nel 1993 dalle forze musulmane bosniache e meno di un terzo vi è tornato. Sono stati commessi crimini da entrambe le parti.

Husejn Smajic, 68 anni, non vuole questa Bosnia.

Otto anni fa, mentre costruiva un lago artificiale nella sua proprietà, l'imprenditore in pensione scoprì le fondamenta di una chiesa cattolica medievale. Il cardinale Vinko Puljic, allora capo della Chiesa cattolica in Bosnia, aveva ispezionato il sito dove erano stati ritrovati 12 scheletri oltre ai brandelli di un abito d'oro, forse secondo gli archeologi quello della regina Jelena Gruba, l'unica donna ad aver governato il medioevo Regno bosniaco verso la fine del XIV secolo.

Husejn Smajic ha quindi deciso di realizzare la sua visione di una Bosnia multietnica.

Cedette parte della terra ereditata dai suoi genitori alla Chiesa cattolica, e iniziò i lavori per costruire una nuova chiesa vicino ai resti di quella che fu probabilmente distrutta durante l'invasione ottomana nel XV secolo.

Matrimoni misti

Proprietario di una segheria e di due piccole centrali idroelettriche, è relativamente ricco e ha ampiamente finanziato le operazioni. Ha anche fatto appello ai suoi partner e ha beneficiato di donazioni di denaro e attrezzature da parte di croati ma anche di musulmani e serbi.

“L'ho fatto in modo che le persone vedessero che possiamo vivere tutti bene insieme. Non può esserci bellezza qui senza un misto di comunità, è la nostra ricchezza”, spiega ad AFP.

È sposato con una cattolica, Vesna, e sa di cosa sta parlando. “Sono riuscito già da 45 anni a vivere con il mio nemico”, scherza. I loro tre figli ora gestiscono l'azienda di famiglia.

"La sua famiglia, un matrimonio misto, lui musulmano e sua moglie cattolica, le sue figlie sposate con cattolici, questa è la particolarità di questo Paese in cui viviamo con le nostre differenze e dove possiamo vivere insieme se ci rispettiamo. gli altri, Il vescovo Puljic ha detto all'AFP con un sorriso di approvazione, dopo aver consacrato la nuova chiesa.

Negli anni '1970, i matrimoni misti erano comuni nel piccolo paese balcanico di 3,5 milioni di persone, bosniaci musulmani, croati cattolici e serbi ortodossi. La guerra ha in gran parte dilaniato le tre comunità, comprese le famiglie, e gli angoli multietnici sono rari. Spesso, anche nelle località multietniche, i bambini non frequentano le stesse scuole.

Uscendo dalla chiesa, con le lacrime agli occhi ma "felice e orgoglioso", Zeljka Sistov Franjic, croata di 61 anni che ora vive in Croazia, pensa che il gesto di Smajic sia di "grande importanza per la convivenza a Bugojno e in Bosnia ”.

Suo padre, 78 anni, vive da solo a Bugojno e i vicini musulmani si prendono cura di lui. "Questa è la vita qui", dice.

Faremmo una Svizzera

“Se fossimo tutti come lui, se tutti avessimo questo amore reciproco, penso che questo Paese sarebbe così felice e nessuno andrebbe in Germania, Austria, Svizzera. Faremmo una Svizzera qui”, ha detto Mihovil Klisanin, XNUMX anni, tra le centinaia di fedeli che hanno assistito alla messa dentro e fuori la chiesa.

Ogni anno diverse decine di migliaia di bosniaci fuggono dal loro Paese, uno dei più poveri d'Europa, per motivi economici e per la mancanza di prospettive in un sistema in cui le élite politiche aggrappate al potere non hanno interesse al cambiamento.

“Persone come Husejn sono rare in Bosnia, soprattutto dopo questi tragici conflitti. Ha un cuore grande come una montagna”, dice Frano Glavas, 58 anni, croato di Bugojno che vive anche lui in Croazia.

Piuttosto, invoca l'amore per la Bosnia.

“Se ami questo Paese e se ami queste persone, intendo tutta la sua gente, devi lavorare contro i politici e allora sei sicuramente sulla strada giusta. Quello che stanno facendo non sta andando da nessuna parte", dice Husejn Smajic.

La cerimonia si conclude intanto attorno a vaste tavole di cevapis, salsicce pregiate in tutti i Balcani.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com/Shyshko Oleksandr

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.