Nigeria: siti web cristiani attaccati in seguito all'arresto per l'omicidio della studentessa cristiana Deborah lapidata

Una folla di estremisti musulmani ha vandalizzato tre chiese e danneggiato negozi di proprietà di cristiani nello stato nigeriano di Sokoto. Rivolte in seguito all'arresto di due sospetti accusati di aver picchiato a morte Deborah Emmanuel Yakubu, una studentessa cristiana di 25 anni. 

Studenti musulmani nel nord-ovest della Nigeria uccisi per lapidazione, Debora Emmanuel Yakubu Studentessa cristiana di 25 anni, ha poi bruciato il suo corpo, dopo averla accusata di blasfemia contro il profeta Maometto. In questo caso sono stati arrestati due sospetti.

Il loro arresto ha scatenato proteste contro i cristiani nello stato di Sokoto.

Una folla di estremisti musulmani ha vandalizzato la cattedrale cattolica della Sacra Famiglia, la chiesa cattolica di San Kevin e un edificio della chiesa evangelica vincente. Secondo Notizie sulla stella del mattino, hanno anche danneggiato e saccheggiato dozzine di negozi di proprietà cristiana nella città di Sokoto.

Angela Anthony, residente nella zona, riferisce che “centinaia di musulmani […] si sono radunati in vari luoghi della città per protestare contro l'arresto di due musulmani coinvolti nell'omicidio di Deborah”. Aggiunge che "nonostante gli sforzi della polizia" per contenerli, "sono comunque riusciti ad attaccare e distruggere".

Il portavoce della diocesi di Sokoto, il reverendo Christopher Omotosho, afferma che i manifestanti "hanno anche rotto le finestre dell'ufficio del vescovo Lawton nella diocesi e hanno vandalizzato un autobus parcheggiato sulla scena".

Stephen Baba Panya, il presidente della Chiesa evangelica che vince tutto (ECWA). chiamato il capo di stato nigeriano, Mohammadu Buhari, per garantire giustizia in questo caso.

"Deborah potrebbe essere solo una giovane ragazza la cui preziosa vita e ambizione sono state gravemente interrotte, ma il mondo intero sta guardando, aspettando e gridando giustizia qui sulla Terra, se non in Paradiso", ha detto il pastore che ha poi espresso il suo sostegno per la famiglia della giovane.

“In quest'ora molto difficile e angosciante, i nostri pensieri sono con i genitori, i fratelli e l'intera famiglia di Miss Deborah e tutti coloro che piangono la sua morte; vi incoraggiamo a consolarvi del fatto che, qualunque cosa possa sembrare, il martirio di Debora non sarà mai vano. La luce prevarrà sempre sulle forze delle tenebre. »

Camille Westphal Perrier

Credito immagine: Notizie sulla stella del mattino

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.