Nigeria: liberato un sacerdote rapito la scorsa settimana

Secondo il vicario generale della diocesi di Ogoja, padre Peter Abang Ochang, rapito giovedì da “banditi”, è stato rilasciato sabato 26 novembre. 

Padre Peter Abue, Vicario Generale della Diocesi di Ogoja, ha confermato allaAgenzia Fides il rilascio del sacerdote cattolico Peter Abang Ochang della chiesa della St. Stephen Roman Catholic Mission (RCM) situata nello stato di Cross River in Nigeria.

“Padre Peter Abang Ochang ei suoi compagni sono stati rilasciati la mattina di sabato 26 novembre. Stanno bene. »

Il religioso era stato rapito con cinque membri della St Jude Society, tre donne e due uomini, giovedì 24 novembre, sulla strada per Abuja. Erano in viaggio verso la capitale nigeriana per partecipare ad “alcune iniziative della Chiesa”, quando sono stati attaccati e “portati nella boscaglia”, secondo Fides.

Anche se lo riconosce i rapimenti di sacerdoti sono sempre più frequenti nel Paese, il vicario generale della diocesi di Ogoja ritiene che, per quanto riguarda padre Ochang, il suo rapimento non abbia specificamente preso di mira la Chiesa cattolica.

“Non credo che padre Peter e il suo gruppo siano stati specificamente presi di mira perché tra loro c'era un prete. Penso che sia stato un incidente. I banditi operanti in questa zona si sono lanciati su di loro e li hanno afferrati. Quello che è successo al gruppo guidato da padre Peter poteva succedere ad altri. Sfortunatamente, il banditismo e i rapimenti sono all'ordine del giorno in questa regione", ha affermato.

Nella Nigeria nordoccidentale e centrale, bande criminali note come "banditi" sono regolarmente responsabili di rapimenti e saccheggi.

Camille Westphal Perrier

Credito immagine: Shutterstock / Red Confidential

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.