Nell'Irlanda del Nord, i cattolici stanno per diventare la maggioranza

Questa è una prima volta nella storia dell'Irlanda del Nord, segnata da conflitti interreligiosi: i cattolici dovrebbero uscire nella maggioranza dell'ultimo censimento nella provincia britannica, i cui risultati sono pubblicati giovedì, uno sviluppo con pesanti implicazioni politiche.

L'Irlanda del Nord, segnata da decenni di violenze intercomunitarie, è nata 101 anni fa con una divisione geografica che assicurava in questa provincia una maggioranza protestante e quindi il potere agli unionisti, sostenitori dell'attaccamento al Regno Unito. Nel resto dell'isola, oggi Repubblica d'Irlanda, i cattolici sono la maggioranza.

Gli appelli a una maggiore uguaglianza tra protestanti e cattolici - per lo più favorevoli alla riunificazione con la Repubblica d'Irlanda - sono stati una delle prime fonti di violenza nel contesto dei "Troubles". Questi tre decenni di conflitto hanno causato 3.500 vittime e si sono conclusi con l'Accordo del Venerdì Santo nel 1998, che ha stabilito la condivisione del potere tra le comunità.

All'ultimo censimento della provincia nel 2011, il 45% della popolazione si identificava come cattolica e il 48% come protestante o di altre religioni cristiane, un divario già molto più stretto di dieci prima. Nel 2001 il 53% degli abitanti si dichiarava protestante, il 44% cattolico.

Se la tendenza è proseguita, come ritengono gli specialisti, i cattolici dovrebbero logicamente superare i protestanti in questo nuovo censimento. Ciò che ha rapidamente rimesso sul tavolo la questione di un referendum sull'indipendenza e di una riunificazione della provincia con la Repubblica d'Irlanda.

Già a maggio i nazionalisti del Sinn Fein, ex ramo politico dei paramilitari dell'IRA e sostenitori della riunificazione, hanno vinto per la prima volta le elezioni locali.

E se lo Sinn Fein è ora la maggioranza a Belfast, i sondaggi pongono il partito in cima alle intenzioni di voto anche nella Repubblica d'Irlanda, dove le elezioni legislative sono previste per il 2025.

Nuove elezioni?

In Irlanda del Nord, gli unionisti stanno cercando di minimizzare ciò che una maggioranza cattolica significherebbe sull'opportunità di un referendum sull'indipendenza. Ma secondo l'accordo del Venerdì Santo, il ministro britannico incaricato dell'Irlanda del Nord deve organizzare un referendum "se gli sembra probabile che la maggioranza degli elettori esprima l'auspicio che l'Irlanda del Nord non faccia più parte del Regno Unito" .

Da maggio, il principale partito unionista (DUP) ha bloccato l'esecutivo rifiutandosi di condividere il potere con lo Sinn Fein finché non verranno modificate le disposizioni post-Brexit in vigore nella provincia.

Secondo il DUP, queste disposizioni, che introducono di fatto un confine doganale tra l'Irlanda del Nord e la Gran Bretagna, minacciano l'integrità del Regno Unito a cui gli unionisti sono molto legati.

Nel tentativo di calmare le tensioni, il primo ministro britannico Liz Truss, che all'epoca era a capo della diplomazia, introdusse una legge per modificare unilateralmente le disposizioni dell'accordo Brexit, a rischio di alienarsi l'Unione Europea che minacciava una guerra commerciale.

Nel frattempo, il nuovo ministro britannico per l'Irlanda del Nord, Chris Heaton-Harris, ha però esortato gli unionisti a tornare in assemblea locale entro il 28 ottobre, altrimenti potrebbero essere convocate nuove elezioni.

Mentre in Irlanda del Nord sta prendendo piede l'idea della riunificazione, il governo britannico sta affrontando il desiderio di indipendenza anche in Scozia, dove il governo locale vuole organizzare un nuovo referendum il prossimo anno. Il "no" aveva vinto nel 2014 ma la Brexit, a cui la maggioranza degli scozzesi era contraria, ha rilanciato il dibattito.

Secondo uno studio pubblicato giovedì dal British Social Attitudes Institute, che misura le tendenze a lungo termine nella società britannica, il 52% degli scozzesi è favorevole all'indipendenza, rispetto al 27% nel 1999 e al 33% nel 2014.

La Redazione (con AFP)

Credito di immagine: Shutterstock /Lukassek / Cattedrale di Sant'Eugenio a Derry, Irlanda del Nord.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.