Morte dell'attore e impegnato Christian Clarence Gilyard

Morto a 66 anni lunedì 28 novembre, l'attore Clarence Gilyard era noto per aver partecipato a vari film e produzioni televisive, principalmente la serie "Walker, Texas Ranger". Lo era molto meno per i suoi ruoli nei film basati sulla fede. In effetti, l'artista era un cristiano impegnato.

Di tutti i ruoli di Clarence Gilyard, è quello del ranger James Trivette che ha segnato di più la sua carriera.

In questa serie per famiglie, una squadra della Texas Ranger Division, una forza di polizia del Lone Star State, dà la caccia ai cattivi in ​​scenari che hanno una particolarità: il bene e il male sono chiaramente identificati, gli eroi non sono oscuri, personaggi tormentati e I riferimenti cristiani sono espressi dal personaggio principale interpretato da Chuck Norris, deriso per la sua capacità di farcela.

Valori che non erano ancora quelli di Gilyard. Fu nel 1993, dopo aver visto il suo matrimonio rotto dal suo adulterio, pochi mesi dopo l'inizio della serie, che andò in chiesa.

In occasione della Giornata Mondiale della Gioventù 2016 a Cracovia, l'attore aveva testimoniato della sua esperienza spirituale dalla Catholic News Agency:

“Avevo toccato il fondo, avevo toccato il fondo… La mia vita era praticamente fatta di sesso, droga e rock and roll. »

Fu durante un programma di aiuto per persone non autosufficienti che Gilyard, nato in una famiglia luterana, conobbe un uomo che lo invitò ad andare a messa.

Il figlio di un soldato che si era molto spostato andò in chiesa la domenica successiva e ne uscì trasformato, scosso durante la consacrazione dell'Eucaristia:

“Quando tutti si sono inginocchiati, ha scosso il mio mondo, mi ha scosso. Quindi, sono andato dal prete mentre uscivo e ho detto: Ehi, posso venire a trovarti questa settimana? »

Poco dopo, Gilyard iniziò a partecipare al catecumenato in preparazione al battesimo e divenne membro della Chiesa cattolica il 25 dicembre, il giorno dopo il suo quarantesimo compleanno.

Una conversione seguita da una scelta di film e serie secondo la sua fede

Questa conversione lo ha portato a scegliere con cura i suoi ruoli ea partecipare il più possibile alla messa durante le sue varie riprese.

È stato anche coinvolto in film cristiani, inclusi i primi due episodi di la trilogia “Left behind”., sulla fine dei tempi, ispirato ai romanzi del pastore battista Tim LaHaye.

Nell'episodio "Pietra angolare" della serie cattolica "Into the Breach", Gilyard racconta il suo viaggio spirituale per alcuni minuti. Se la critica non ha apprezzato queste produzioni, giudicandole di bassa qualità, l'attore ha cercato soprattutto di condividere la sua convinzione.

Spiegando come ha vissuto la sua fede nell'industria dell'intrattenimento, Clarence Gilyard ha anche menzionato il suo confronto con il secolarismo ogni volta che ha lasciato la sua roulotte recitazione:

“Devo valutare le situazioni in cui mi trovo rispetto alla sceneggiatura e ai rapporti uomo-donna. Devo anche valutare come mi prendo cura di me stesso mentalmente e spiritualmente per vivere come una persona sana e spirituale, come tutti gli altri. »

Secondo lui, ognuno deve assicurarsi di ricevere il nutrimento spirituale di cui ha bisogno per esercitare la professione.
Tuttavia, Gilyard ha rifiutato di dare consigli fuori dagli schemi ai cattolici, credendo di poterlo fare solo se richiesto dai credenti:

“Ho scoperto che una delle cose contro cui devo combattere è questa arroganza umana che ci impedisce di permettere a Dio di essere Dio. Lo mettiamo in una scatola, gli diamo una taglia che pensiamo sia quella giusta e poi parliamo per lui. »

Dopo la sua conversione, Gilyard ha assunto varie responsabilità nelle attività cattoliche. Nel 2018, ha guidato "Alla ricerca di Vince 400", il Festival Internazionale del Cinema dedicato a Saint-Vincent de Paul, a Castel Gandolfo, città residenza dei papi.

L'intento della festa era quello di portare il messaggio di carità cristiana di San Vincenzo de' Paoli in occasione del quadricentenario del movimento fondato dal sacerdote lazzarista.

Gilyard è stato anche coinvolto nella casa di produzione "Holy Cross Family Ministries" dove ha messo la sua esperienza di attore al servizio delle famiglie a basso reddito prima di essere invitato a far parte del consiglio di amministrazione della GMG.

Jean Sarpedonte

Credito immagine: Shutterstock / Kathy Hutchins

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.