Messico: due gesuiti uccisi in chiesa, corpi presi da sospetti assassini

Due gesuiti sono stati uccisi lunedì in Messico in una chiesa dove un uomo stava cercando di sfuggire ad aggressori armati, ha detto martedì la Compagnia di Gesù, che chiede ai presunti assassini di restituire i corpi.

L'attacco è avvenuto nelle remote montagne dello stato di Chihuaha, uno spettacolare paesaggio punteggiato da profondi canyon, roccaforte degli indigeni Tarahumara, nel nord del Paese.

Gli aggressori hanno inseguito un uomo, apparentemente una guida turistica, all'interno di una chiesa nel villaggio di Cerocahu.

“Riteniamo che (…) siano intervenuti i due gesuiti”, ha detto il capo dell'ordine dei gesuiti in Messico, Luis Gerardo Moro Madrid, basandosi sulla testimonianza di un terzo religioso presente sulla scena.

"L'aggressore ha sparato all'uomo che stava inseguendo e ai due gesuiti", ha aggiunto in un'intervista a Radio Formula, secondo cui sarebbe stato ucciso anche l'uomo inseguito.

"Mi dispiace, porteremo via i corpi", avrebbe detto l'aggressore, secondo il leader dei gesuiti.

“Chiediamo giustizia e il recupero dei corpi dei nostri fratelli che sono stati prelevati dal tempio da persone armate”, hanno affermato i gesuiti in Messico.

La Compagnia di Gesù ha chiesto anche “misure di protezione”, perché questi crimini non sono fatti “isolati”, poiché “ogni giorno uomini e donne vengono uccisi arbitrariamente”.

La Conferenza Episcopale del Messico ha condannato anche la “tragedia” chiedendo “una rapida indagine”, oltre a una maggiore sicurezza per i religiosi del Paese.

I due gesuiti, Javier Campos Morales e Joaquin César Mora Salazar, "svolgono, rispettivamente da più di 20 a 30 anni, un importante lavoro sociale e pastorale" in questa zona remota, ha affermato l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. per il Messico.

I due uomini sono stati particolarmente impegnati a "rafforzare la cultura della comunità Raramuri in tutte le sue dimensioni e la conservazione dell'ambiente", continua l'Onu in un comunicato stampa.

Durante la sua conferenza stampa quotidiana, il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha riconosciuto che diversi comuni della Sierra de Chihuahua sono stati vittime della presenza della "criminalità organizzata".

"Sembrerebbe che abbiamo già informazioni sui possibili responsabili di questo crimine", ha aggiunto il presidente.

Gli esperti affermano che le montagne di Chihuahua sono una via di traffico di droga negli Stati Uniti, una rotta contesa dai cartelli della droga.

Membri di vari ordini religiosi tentano in alcune località del Messico di fungere da mediatori tra la gente del posto e gli assassini - i "sicaires" - della criminalità organizzata.

Negli stati di Michoacan (ovest) e Guerrero (sud), alcuni religiosi si affidano al dialogo con i narcotrafficanti per pacificare queste regioni.

Trenta sacerdoti sono stati assassinati nell'ultimo decennio in Messico, secondo l'ONG Centro Católico Multimedial.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Creative Commons / Flickr

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.