Lyndee esce dal coma poco prima di essere disconnessa: “Sono un combattente! "

Lyndee era in coma da 12 giorni. I medici pensavano che si fosse persa e l'avrebbero scollegata. I suoi familiari la salutarono, ma suo marito la sfidò: "Voglio che combatti. Quindi lei gli ha risposto!

Tsembrava finita per Lyndee, a quanto pare non reagiva più a niente. Sembrava avvolta in un sonno senza fondo. Così, d'accordo con la famiglia, i medici progettarono di staccarle la spina, il che significava che la sua vita, mantenuta artificialmente dalle macchine, sarebbe giunta al termine. I suoi parenti si sono poi susseguiti per salutarlo teneramente.

Fu allora che suo marito la sfidò: “Voglio che combatti! " Lyndee, che sentiva tutto ma era arrabbiata per non essere in grado di rispondere in modo comprensibile, riuscì finalmente a parlare:

“Sono un combattente! "

Immagina la gioia e lo stupore della sua famiglia!

Dopo essersi svegliato, la sua guarigione è stata molto rapida. Lei testimonia:

"Non abbandonare. Parla con i tuoi cari: ti possono sentire! "

Elisabeth dugas

Fonte : Yahoo News

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.