All'Onu l'Armenia accusa l'Azerbaigian di "atrocità indicibili"

Giovedì il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha accusato l'Azerbaigian di aver commesso "atrocità indicibili" una settimana dopo aspri combattimenti tra i due paesi rivali, citando in particolare la mutilazione dei corpi.

"Ci sono prove di casi di tortura, mutilazione di soldati catturati o già morti, uccisioni extragiudiziali e maltrattamenti di prigionieri di guerra, nonché trattamento degradante del corpo", ha detto il Primo Ministro all'Assemblea generale delle Nazioni Unite che si è svolta questa settimana in New York.

Ha detto che “il corpo di una donna soldato era stato mutilato e ripreso da soldati azeri”.

Presente in aula, il ministro degli Esteri azerbaigiano Djeyhoun Bairamov, che questo fine settimana si rivolgerà all'assemblea, ha ascoltato impassibile.

dai scontri mortali, uccidendo quasi 300 persone, è esplosa il 13 settembre al confine tra i due Paesi, che si incolpano reciprocamente degli scontri più violenti dalla guerra del 2020. La calma è tornata negli ultimi giorni, ma la situazione resta tesa tra i rivali ex- repubbliche sovietiche.

Il primo ministro armeno ha anche accusato Baku di aver bombardato le infrastrutture civili, costringendo allo sfollamento di oltre 7.600 persone, in violazione della "sovranità e integrità territoriale dell'Armenia".

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock / Gevorg Ghazaryan / Yerevan, Armenia – 22 novembre 2020, soldati caduti in guerra sono sepolti in Armenia.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.