Le famiglie dei minatori messicani intrappolati pregano per un miracolo

Dozzine di soccorritori hanno combattuto giovedì per liberare dieci lavoratori intrappolati in una miniera di carbone allagata nel nord del Messico, dove parenti disperati attendevano notizie più di 24 ore dopo il crollo.

Al calare della notte nello stato di Coahuila, i membri della famiglia piansero e si confortarono a vicenda, mentre la speranza di trovare sopravvissuti diminuiva di ora in ora.

"Quello che vogliamo è che recuperino i corpi", ha detto Angelica Montelongo, con un'aria triste e stanca, prima di riguadagnare la speranza che suo fratello Jaime sia stato salvato.

“Ma ehi, a Dio piacendo, giusto? Devi avere fede che siano vivi", ha aggiunto.

Soldati, soccorritori e cani da soccorso sono stati schierati nella miniera di Agujita nel comune di Sabinas dopo l'ultimo disastro che ha colpito la principale regione produttrice di carbone del Messico.

"Quello che desidero con tutta la mia anima è che salviamo i minatori", ha detto ai giornalisti il ​​presidente Andres Manuel Lopez Obrador a Città del Messico.

“Non dobbiamo perdere la fede. Non dobbiamo perdere la speranza", ha aggiunto.

Cinque minatori sono riusciti a fuggire vivi dopo il crollo di mercoledì e sono stati portati in ospedale, ha detto la coordinatrice nazionale della protezione civile Laura Velazquez, aggiungendo che due di loro erano stati dimessi.

"Il tempo è cruciale qui", ha detto.

Le autorità hanno affermato che i tre pozzi della miniera scendono per 60 metri (200 piedi) e l'acqua all'interno è profonda 34 metri.

"È complicato", ha detto la signora Velazquez.

Ma le autorità stanno andando avanti e stanno pompando l'acqua "per salvare i minatori il prima possibile", ha aggiunto.

piccola speranza

Circa 230 militari e personale governativo sono stati inviati sul sito, a circa 1 chilometri a nord di Città del Messico, ha affermato il ministero della Difesa.

Diverse pompe sono state utilizzate per combattere le inondazioni, ma la signora Lopez Obrador ha chiesto all'agenzia nazionale per l'acqua di inviare più attrezzature.

"Purtroppo non c'è molta speranza", ha detto a Milenio TV Jose Luis Amaya, il cui cugino è tra quelli intrappolati.

Esperti e parenti hanno dipinto il ritratto di una professione precaria e rischiosa, che consiste nell'estrarre carbone da miniere le cui norme di sicurezza sono lassiste.

"C'è sempre insicurezza professionale... e pericolo", ha detto Blasa Maribel Navarro, il cui cugino Sergio Cruz ha estratto carbone per diversi anni per mantenere le sue due figlie.

Navarro ha detto che aveva ancora speranza di vederlo vivo "perché confidiamo in Dio".

Le miniere costruite in modo approssimativo, come quella che è crollata, mancano di rinforzi in cemento per proteggere i lavoratori da un crollo, ha affermato l'esperto di ingegneria Guillermo Iglesias.

I minatori "scavano un pozzo di due metri di circonferenza e continuano a scavare fino a raggiungere un piccolo strato di carbone", ha detto alla radio locale.

L'unica cosa che sostiene la terra circostante è solitamente un grande tubo di plastica attraverso il quale entrano i lavoratori, ha aggiunto.

Il governo dello stato di Coahuila ha affermato che i minatori stavano effettuando lavori di scavo quando hanno colpito un'area adiacente piena d'acqua, provocando il crollo e l'allagamento del pozzo.

Coahuila ha subito una serie di incidenti minerari mortali nel corso degli anni. L'anno scorso, sette minatori sono morti intrappolati nella zona. Il peggior incidente è stato un'esplosione che ha ucciso 65 persone nella miniera di Pasta de Conchos nel 2006.

Solo due corpi sono stati salvati dopo questa tragedia e le famiglie hanno continuato a chiedere alle autorità messicane di recuperarli.

La Redazione (con AFP)

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.