Elezioni in Libano: è questa la fine per i governanti cleptocratici che hanno mandato in bancarotta il paese?

Le elezioni legislative si terranno il 15 maggio in Libano. Si verificano tre anni dopo l'inizio di a grave crisi economica e finanziaria ancora colpendo il paese, e meno di due anni dopo il devastante esplosione nel porto di Beirut, che ha ucciso 215 persone e ferito più di 6 altre, con danni stimati dalla Banca Mondiale in quasi quattro miliardi di euro.

Secondo la Banca Mondiale, il risultato è questa crisi intenzionale, una delle peggiori che il mondo abbia mai visto dal 1850 decisioni prese dall'élite politica del paese. La sua ostinazione è stata oggetto di un documentario del giornalista libanese-australiano Daizy Gedeon, "Basta! L'ora più buia del Libano ».

Una donna che piange tiene in mano la foto di un giovane
Una madre il cui figlio è stato ucciso nell'esplosione dell'agosto 2020 nel porto di Beirut detiene un ritratto di quest'ultimo durante una manifestazione, il 4 aprile 2022, in occasione dei venti mesi dalla tragedia.
(Foto AP/Hussein Malla)

Siamo un gruppo di professori di economia, tutti di origine libanese. Oltre alle nostre posizioni accademiche presso l'Università di Ottawa, l'Università di Sydney, in Australia e l'Università libanese americana, in Libano, abbiamo agito come consulenti di vari ministeri e organizzazioni nazionali e di "organizzazioni internazionali".

Vorremmo condividere con voi il nostro pensiero basato sui risultati delle nostre ricerche e sui risultati prodotti da altri economisti.

Le origini di un sistema nepotico

Dai tempi del guerra civile del 1975-1990, la vita politica libanese è controllata da leader e politici della milizia estremamente corrotti. Nel 1990, gli accordi di fine guerra (Accordi di Taif), ha confermato la presa di questa élite politica sul paese.

Questi capi delle milizie e i loro alleati politici, provenienti dai principali gruppi religiosi in Libano, stabilirono un sistema economico e politico di cleptocrazia redistributiva. La natura di questo sistema nepotico è estrema. I membri di questa élite politica estraggono e condividono quanto più possibile dallo stato libanese. Ne ridistribuiscono una piccola parte alla loro base politica, spesso sotto forma di posti di lavoro nel settore pubblico.

Pertanto, questo sistema ha portato il paese in un cattivo equilibrio. Nessun singolo membro di questa base politica ha interesse a smettere di sostenere il suo capo clan se gli altri individui continuano a sostenere il sistema in atto. Deviando da solo, un individuo rischia di perdere la sua parte del poco che viene ridistribuito e di sprofondare nella povertà.

manifestanti
I manifestanti tengono cartelli durante una protesta contro un nuovo disegno di legge sul controllo del capitale che limiterebbe l'importo che i depositanti possono prelevare, fuori dall'edificio del parlamento nel centro di Beirut il 26 aprile 2022. Il cartello a destra indica: Dov'è il compenso per il depositante del sterlina libanese.
(Foto AP/Hussein Malla)

Uno schema Ponzi nazionale

Verso la fine del 2015, lo stato libanese saccheggiato da decenni da questa élite politica, la Banque du Liban (BDL), aveva già un deficit di 4,8 miliardi di dollari nelle sue riserve nette.

Ad aprile 2016 questo preoccupante problema è stato segnalato dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) in a nota indirizzata alle autorità libanesi. Tuttavia, questo memorandum non è mai stato rilasciato pubblicamente su richiesta del governo libanese, che all'epoca stava affrontando un forte calo della fiducia del pubblico.

In uno dei nostri studi, abbiamo analizzato le fluttuazioni del livello di fiducia della popolazione libanese nei confronti delle sue istituzioni pubbliche. I risultati della nostra analisi hanno infatti indicato un sostanziale calo della fiducia del pubblico in tutte le istituzioni pubbliche. Le autorità libanesi sono riuscite a convincere l'FMI a rimuovere queste informazioni dal loro rapporto ufficiale di gennaio 2017, data la loro situazione politica precaria e il fatto che il parlamento doveva essere rieletto nel 2018.

Manifestanti e soldati
Manifestanti e soldati si spingono durante una manifestazione, il 26 aprile 2022. La crisi finanziaria ed economica ha fatto precipitare nella povertà molti libanesi.
Foto di AP/Hussein Malla)

In questo contesto politico, i legislatori hanno accelerato uno schema Ponzi a livello nazionale che avevano già messo in atto. Hanno quindi votato a favore nuove scale salariali pubbliche con massicci aumenti della spesa pubblica. Erano finanziati da questo sistema che consisteva nell'attrarre depositi bancari in dollari americani nelle banche private libanesi, che offrivano tassi di interesse anormalmente elevati. Questi depositi sono stati poi utilizzati per finanziare il debito pubblico. Questo coordinamento tra le banche e la classe dirigente è stato possibile grazie al forti legami tra il settore bancario e l'élite politica.

Compra elettori

dai prove aneddotiche suggeriscono che lo scopo di questo aumento della scala retributiva fosse quello di acquisire l'approvazione pubblica e preparare il terreno per la loro rielezione nel 2018. Il settore pubblico impiega il 14% dei lavoratori, e questa considerevole proporzione di dipendenti pubblici costituisce una parte significativa della base elettorale dei partiti politici attraverso un elaborato sistema di patronato politico.

Questa base elettorale è tanto più importante nel contesto elettorale libanese dove il L'affluenza alle urne è inferiore al 50%. Secondo il nostro studio, questi massicci aumenti salariali hanno consentito all'élite politica di rallentare il calo del livello di fiducia nelle istituzioni pubbliche tra il 2016 e il 2018.

Un uomo tiene la frutta tra le mani, protestando
Un manifestante detiene uova e pomodori che verranno lanciati contro le auto dei legislatori, durante una protesta contro un nuovo disegno di legge sul controllo dei capitali, nel centro di Beirut il 26 aprile 2022.
(Foto AP/Hussein Malla)

154% di inflazione!

Come analizzare l'impatto di tutte queste manovre politiche sul benessere e sulla povertà della popolazione? Sfortunatamente, il Libano, come la maggior parte dei paesi arabi, produce pochissime indagini sul reddito delle famiglie e quando lo fa, limita fortemente l'accesso.

L'obiettivo di questa opacità statistica è impedire la valutazione delle prestazioni dei leader. Tuttavia, ciò rende anche impossibile lo sviluppo di politiche pubbliche basate sull'evidenza. Secondo un recente studio della Banca Mondiale, questa opacità statistica impone una perdita dal 7% al 14% del prodotto interno lordo (PIL) pro capite nel mondo arabo.

Per ridurre questa opacità statistica, abbiamo recentemente prodotto a altro studio in cui utilizziamo fonti di dati alternative per studiare i cambiamenti nella distribuzione del reddito in Libano tra il 2016 e il 2021.

Vediamo un declino artificiale della povertà in Libano tra il 2016 e il 2018, coerente con il finanziamento simile a Ponzi. Questa caduta artificiale si è verificata poco prima delle elezioni, consentendo così la rielezione della stessa classe politica.

Un ragazzo è confortato da un uomo anziano
Un ragazzo e suo padre partecipano a un funerale a Tripoli il 27 aprile 2022. Una settimana prima, una barca che trasportava circa XNUMX uomini, donne e bambini che cercava di raggiungere l'Europa è affondata nel Mediterraneo dopo essersi scontrata con una nave della marina. La crisi sta spingendo molti libanesi a fuggire dal proprio Paese.
(Foto AP/Hassan Ammar)

Purtroppo, con il livello di spesa pubblica insostenibile, questo sistema è crollato poco dopo le elezioni. Ciò ha provocato una grave crisi bancaria che ha imposto notevoli difficoltà all'accesso ai depositanti senza legami politici. ai loro conti bancari.

Oltre ad avere difficoltà ad accedere ai propri risparmi, i libanesi hanno dovuto fare i conti con tasso di inflazione dell'84,9% nel 2020 e del 154,8% nel 2021, mentre l'inflazione è stata in media del 3.1% nei dieci anni precedenti.

Un uomo dal retro carica sacchi di farina su un camion
Un uomo carica sacchi di farina su un camion presso Modern Mills of Lebanon a Beirut il 12 aprile 2022. La Banca Mondiale ha approvato un prestito di 150 milioni di dollari per la sicurezza alimentare in Libano per stabilizzare i prezzi del pane per i prossimi sei mesi. I prezzi del cibo sono aumentati del 1000%.
(Foto AP/Hussein Malla)

Il prezzo dei generi alimentari è stato ancora più colpito, poiché secondo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, sono aumentati del 1000% (cioè moltiplicato per undici). Il nostro studio indica che la costosa strategia di acquisto di voti ha quindi contribuito ad a aumento della povertà tra il 2018 e il 2021 allenandolo a livelli più alti rispetto al 2016.

Di fronte a questo enorme costo imposto, i libanesi avranno il coraggio di opporsi a questa tradizionale élite politica nelle elezioni del 15 maggio? O rimarranno prigionieri di questo cattivo equilibrio sociale che mette l'intero Paese sul respiratore artificiale? Speriamo che queste elezioni siano almeno un primo passo verso l'organizzazione delle forze di opposizione, che sapranno far fronte a questo regime cleptocratico.

Paolo Makdissi, Professore di Economia, L'Université d'Ottawa / Università di Ottawa; Ali Fakih, Professore associato, Università americana libanese; Myra Yazbeck, Professore associato, L'Université d'Ottawa / Università di Ottawa; Rami Tabri, Docente, Università di Sydney et Walid Marrouch, Professore associato, Università americana libanese

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock.com/kameelRayes

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.