Suor Ibtisam, nata a Qaraqosh, racconta come è diventata suora

“Mi piaceva fare del bene. Non è stata una gratificazione egocentrica, anzi mi ha portato pace interiore, mi ha restituito il senso più vero dell'umanità: vivere con gli altri e per gli altri. »

Otto anni fa, l'acquisizione dello Stato islamico ha costretto i cristiani a fuggire dalla piana di Ninive. Lo erano allora 1,5 milioni di cristiani vivere a Mosul, Qaraqosh e in altre città della pianura di Ninive.

Tra loro, suor Ibtisam Habib Gorgis, missionaria francescana. Per Notizie dal Vaticano, nata e cresciuta a Qaraqosh, una città assira nel nord dell'Iraq, ripercorre il suo viaggio di fede.

Suor Ibtisam ha studiato biologia all'università, dove ha frequentato un gruppo di studenti cristiani. “Vivevamo in pace”, dice.

Ricorda il suo impegno per i più poveri.

“Mi piaceva fare del bene. Non è stata una gratificazione egocentrica, anzi mi ha portato pace interiore, mi ha restituito il senso più vero dell'umanità: vivere con gli altri e per gli altri. »

Ma poi esprime la sua impressione di non aver ancora “trovato un luogo dove poter realizzare pienamente me stessa”. E questo, fino all'incontro con un frate francescano, poi alla visita di due suore italiane che lo invitano nel loro convento in Giordania.

"Avevo ormai raggiunto quella che, nelle nostre regioni, è l'età del matrimonio... Ma volevo essere libera", continua.

La giovane si è poi recata in Giordania e ha scoperto il modo di vivere delle suore, ma soprattutto “una crescente pace interiore”.

“Il punto di non ritorno, può sembrare ridicolo, è stato quando mi hanno tagliato i capelli; una vera rottura con la vita precedente. Ma, nonostante tutte le difficoltà da superare, ho sentito una crescente pace interiore. I cambiamenti nella vita generalmente causano preoccupazione, ansia; questo cambiamento, seppur così radicale, suscitò in me una grande pace. »

Dopo il noviziato in Italia, suor Ibtisam è andata a Betlemme, Nazaret, poi tre anni a Baghdad.

Il 6 agosto 2014 era a Qaraqosh quando “Daesh (…) è entrato nella regione di Ninive”. È rimasta “fino alla fine” per aiutare le persone a fuggire, e per sostenere gli sfollati, ma anche perché non sapeva dove andare.

Poi è partita per Israele, prima di tornare in Iraq due anni dopo. Ora si prende cura di 500 bambini in un asilo nido a Qaraqosh.

MC

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.