Siccità: una fatalità allo stesso modo delle inondazioni? [OPINIONE]

In tempi di siccità, sembra anacronistico parlare di inondazioni. In entrambi i casi, di cui parliamo volentieri " disastri naturali ". Certo, sono iniziati da un evento meteorologico, ma la nostra incoscienza nell'anticipare merita di qualificare questi eventi come "catastrofe umana". Giustifichiamo la nostra inerzia accusando il riscaldamento globale di essere la causa delle inondazioni. Tuttavia, l'IPCC riconosce che " si può affermare con grande sicurezza che inondazioni maggiori di quelle osservate dal 1900 si sono verificate negli ultimi cinque secoli nell'Europa settentrionale e centrale, nella regione del Mediterraneo occidentale e nell'Asia orientale ». Questo mina lo slogan “pensare globale per agire localmente”.

Per far fronte alle inondazioni, è meglio “pensa locale per agire locale”Scopriamo quindi tre negligenze classiche. In primo luogo, a valle, l'insufficiente dragaggio delle bocche. Certo, le inondazioni evocano il più delle volte piccoli porti in estuari abbandonati. Pensa alle inondazioni di Quimperlé e Hennebont (gennaio 2001), Abbeville (aprile 2001), Arles (dicembre 2003), Bayonne (febbraio 2014) e tante altre. Le attività portuali giustificavano i budget di dragaggio. Non è più così e l'interramento di tutti questi estuari rallenta il flusso dell'acqua... e gli ecologisti sono contrari a qualsiasi opera che possa sconvolgere la flora e la fauna sottomarina. Nel letto medio dei fiumi le sponde non sono più mantenute, vi crescono alberi, vengono sradicati durante le piene e costituiscono delle vere e proprie dighe bloccandosi sotto i ponti. Certo, ci sono sempre meno agricoltori locali, ma troppi controlli li esasperano: dopo l'alluvione di Fréjus nel 2010, funzionari comunali eletti si sono lamentati nel settembre 2012 con i senatori che uno dei punti più problematici risiede nella "polizia ecologica dell'acqua" . Alcuni operatori sono stati addirittura multati per aver mantenuto gli argini, ad esempio tagliando alberi in caduta!

A monte sarebbe necessario realizzare invasi precauzionali. È su quest'ultimo punto che il problema delle inondazioni si unisce a quello della siccità. Non torneremo al cabotaggio negli estuari, né a un'agricoltura che immagazzina il raccolto di un anno in anticipo o abbastanza per mantenere le sponde dei nostri fiumi. Dovremo quindi abituarci all'idea di investire nei bacini a monte dei nostri fiumi. La realizzazione di bacini aiuta a mantenere bassi i livelli dell'acqua in caso di siccità. In termini di fabbisogno, l'acqua che non viene utilizzata dall'uomo viene infatti utilizzata per rifornire tutti gli ecosistemi del pianeta. Come dice il geografo Ghislain de Marsilly: “Non ci sono perdite: tutta l'acqua è utilizzata dagli ecosistemi naturali”.

L'importanza di mantenere bassi i livelli dell'acqua nei fiumi a livelli sufficienti. A Bordeaux, le inondazioni del dicembre 1981 e le frequenti carenze idriche hanno dimostrato l'utilità del piano Garonna 2050 per raggiungere il triplice obiettivo di limitare i danni delle inondazioni, mantenere bassi i livelli dell'acqua per la biodiversità e il dragaggio naturale della Gironda e, per inciso, le assegnazioni di acqua agricola negoziate con le parti. Il progetto prevede 415 milioni di m3, di cui solo 1/5 è destinato alla soddisfazione del fabbisogno agricolo. Certo, la soddisfazione dei bisogni agricoli richiede bilanci pubblici, ma tutta l'agricoltura del mondo è indirettamente sovvenzionata da prestiti agevolati, protezionismo doganale o sviluppo agrario! Dove siamo sul piano Garonna 2050 pubblicato nel 2014? Siamo condannati a rimanere paralizzati dagli ZADisti di Sivens che hanno bloccato un progetto di soli 1,5 milioni di m3?

I bacini idrici aiutano anche a ridurre il rischio di inondazioni. Dovremmo vergognarci dei grandi laghi costruiti a questo scopo tra il 1960 e il 1990, immagazzinando più di 700 milioni di m3 a monte di Parigi. Ora sono diventate aree naturali classificate poiché le gru comuni hanno messo radici lì. Le inondazioni del giugno 2016 ci hanno ricordato che controllano solo il 17% dei contributi del bacino idrografico della Senna a Parigi. È ancora insufficiente. Quando avverrà la necessaria costruzione del “Armadi cisterna Bassée”, nella regione di Marolles sur Seine? Il controllo dell'acqua da parte dell'uomo è prima di tutto antropologico prima che ecologico. Ci costringe a porci delle domande: che natura vogliamo? Che rapporto vogliamo tra l'uomo e la natura? La natura selvaggia è buona in sostanza? Qualsiasi dominio della natura è illegittimo? Il geografo Christian Lévêque ama sottolineare che avere una posizione equilibrata su questi temi significa saper rispondere a queste domande.

Stanislas de Larminat 

Fonte : Youtube.

Questo articolo è pubblicato da Selezione del giorno.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.