USA: La chiesa mormone sostiene la legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, sperando di proteggere la libertà religiosa

Martedì 29 novembre, il Senato degli Stati Uniti ha votato a favore del Respect for Marriage Act per custodire nel marmo del Campidoglio la giurisprudenza sul matrimonio tra persone dello stesso sesso. 12 dei 49 repubblicani eletti hanno dato il loro sostegno al testo proposto dai democratici, tra cui il senatore Mitt Romney, di fede mormone.

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, meglio conosciuta come Chiesa mormone, ha scelto di sostenere questa legge nonostante le sue posizioni sull'omosessualità. In cambio spera di ottenere il diritto per le congregazioni di non celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Una strategia diversa rispetto all'episcopato cattolico americano o alla convenzione battista del sud.

Nel 2015, la Corte Suprema si è pronunciata in Obergefell v. Hodges che il 14° emendamento garantiva il diritto federale al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Questo emendamento era stato approvato per proteggere i diritti recentemente concessi agli ex schiavi. Contestando questa lettura della Costituzione, Il giudice Clarence Thomas ha affermato che questa giurisprudenza dovrebbe essere ribaltata. La dichiarazione di Thomas, sulla scia della sentenza Dobbs secondo cui non esiste un diritto costituzionale all'aborto, ha provocato una reazione da parte dei Democratici che hanno intentato una causa prima di garantire il matrimonio tra persone dello stesso sesso contro un possibile capovolgimento della giurisprudenza.

A luglio la Camera dei Rappresentanti, a maggioranza democratica, aveva adottato un testo che consacrava il matrimonio tra persone dello stesso sesso, dovrà decidere sulla versione appena modificata del Senato.

Il testo ha causato clamore tra i movimenti religiosi temendo che i ministri del culto siano costretti a celebrare matrimoni non corrispondenti ai loro valori, anche se un emendamento prevede una certa libertà per i gruppi religiosi.

Il presidente del Comitato episcopale per la libertà religiosa, cardinale Timothy Dolan, ha affermato che l'emendamento bipartisan non è sufficiente a preservare l'equilibrio tra il diritto al matrimonio dei gay e la libertà religiosa. Una preoccupazione condivisa dal reverendo Al Mohler, presidente del Southern Baptist Theological Seminary che vede nella futura legge una “minaccia per ministeri come gli orfanotrofi cristiani […] nonché per i servizi di adozione” gestiti dalle istituzioni religiose.

Se queste posizioni non sono sorprendenti, quella della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni si scontra con la sua posizione tradizionale sull'omosessualità.

La strategia contrarian dei mormoni che si oppongono al matrimonio tra persone dello stesso sesso

La chiesa mormone ha portato, il 16 novembre, il suo sostegno al disegno di legge. Se dichiara di ritenere che i rapporti omosessuali violino i comandamenti divini, assicura di sostenere il testo purché i diritti delle coppie omosessuali non invadano quelli delle istituzioni religiose.

"Lavoriamo insieme per proteggere i principi e le pratiche della libertà religiosa come i diritti delle persone LGBTQ", ha detto la Chiesa, che ha 17 milioni di seguaci.

Lo prevede il testo lo status dei gruppi religiosi senza scopo di lucro non sarà influenzato dal loro rifiuto di offrire celebrazioni nuziali. Questa menzione intesa ad attirare il voto di almeno 10 repubblicani convinse la chiesa mormone. Tuttavia, tre emendamenti repubblicani miravano a garantire ulteriormente la libertà religiosa sono stati respinti dalla maggioranza democratica.

Emendamenti che miravano in particolare a impedire la revoca dello status fiscale delle organizzazioni religiose i cui leader si rifiutano di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso oa sanzionare le scuole legate alle congregazioni.

"Il mio emendamento proibisce semplicemente al governo federale di discriminare scuole, imprese e organizzazioni a causa delle loro convinzioni religiose sul matrimonio tra persone dello stesso sesso", ha affermato il senatore Lee, che è tra i 37 senatori repubblicani che hanno votato contro il testo.

Attualmente ci sono nove mormoni nel Congresso degli Stati Uniti, tre senatori e sei rappresentanti. Sono stati tutti rieletti lo scorso novembre.

Jean Sarpedonte

Credito immagine: Shutterstock/ Lucky-photographer/ Il Senato degli Stati Uniti, Washington DC

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.