Jonathan Aitken, ex ministro britannico: “Il cielo si oscura per la libertà religiosa a Hong Kong”

Secondo Jonathan Aitken, il regime di Xi Jinping è "spietato nel mettere a tacere tutti coloro che esercitano la loro libertà di parola per esprimersi".

Durante un discorso davanti al National Club di Londra il 29 giugno, Jonathan Aitken, sacerdote ed ex ministro britannico ha sfidato la comunità internazionale sul tema della libertà religiosa a Hong Kong. “Ci sono segnali sempre più preoccupanti”, ha detto, denunciando le “forze distruttive” del regime del Partito Comunista Cinese.

"I cieli si stanno oscurando per la libertà religiosa a Hong Kong", ha affermato nei commenti raccolti da UCA News, mettendo in discussione la legge sulla sicurezza nazionale imposta a Hong Kong due anni fa.

Quando si riferisce al presidente cinese Xi Jinping e al suo regime, Jonathan Aitken si riferisce a "teppisti totalitari duri" che considerano i gruppi religiosi come gruppi che fanno campagna per la libertà.

“È spietato nel mettere a tacere tutti coloro che esercitano la loro libertà di parola per esprimersi, per non parlare di manifestare a favore di opinioni diverse da quelle del regime. »

L'ex ministro britannico invita alla preghiera.

“In attesa di vedere cosa accadrà dopo sulla scena della persecuzione religiosa di Hong Kong, osserviamo, preghiamo ed esaminiamo. »

Dal 1 luglio 1997 e dalla consegna di Hong Kong alla Cina continentale da parte dell'Impero britannico, il territorio è stato soggetto al principio di "un paese, due sistemi". Ma Lam Yin-bong, ex giornalista di Stand News, denuncia a Radio Free Asia le modifiche apportate dall'entrata in vigore della legge sulla sicurezza nazionale.

“Da quando è entrata in vigore la legge sulla sicurezza nazionale, ci sono molte cose che non puoi più dire, molte cose che non puoi scrivere; anche le persone che non puoi intervistare. »

L'economista Law Ka-chung, dal canto suo, evoca negli stessi media la metafora della rana.

“Le persone che sono rimaste sono come una rana in una pentola di acqua che si scalda gradualmente. Forse alcuni di loro pensano che vada tutto bene, ma altri vedono un'enorme differenza. »

Sul posto, un residente testimonia l'assenza di assembramenti per la commemorazione del massacro di Tienanmen del 1989, uno dei simboli del principio “un Paese, due sistemi”.

“Incontrarsi per ricordare il massacro di Tiananmen è una cosa molto pacifica da fare. Il governo dice che non è stato un massacro ma un incidente. Qualunque cosa lo chiamino, nel libro troveranno ogni scusa per impedire che avvenga [qualsiasi commemorazione]. Se anche gli eventi pacifici non sono consentiti, che libertà abbiamo? »

MC

Credito immagine: Shutterstock.com / David Fowler / Jonathan Aitken Il deputato conservatore di Thanet South si reca alla conferenza del partito il 10 ottobre 1989 a Blackpool, nel Lancashire.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.