Iran: Nuove proteste dopo la morte di una donna arrestata dalla polizia moralista

Nuove manifestazioni hanno avuto luogo in Iran per protestare contro la morte di Mahsa Aminiuna giovane donna trattenuta dalla polizia della moralità, lunedì di nuovo la polizia negando ogni responsabilità per la morte.

Una manifestazione ha avuto luogo domenica sera a Sanandaj, capitale della provincia del Kurdistan nel nord-ovest dell'Iran, e altre proteste hanno avuto luogo lunedì in diverse università della capitale, secondo le agenzie di stampa Fars e Tasnim. .

Il 13 settembre Masha Amini, della regione del Kurdistan, è stata arrestata a Teheran per "indossare abiti inappropriati" dalla vice polizia, un'unità incaricata di far rispettare il rigido codice di abbigliamento della Repubblica islamica dell'Iran per le donne.

In Iran, coprirsi i capelli è obbligatorio in pubblico. La polizia della moralità proibisce inoltre alle donne di indossare cappotti corti sopra il ginocchio, pantaloni attillati e jeans con buchi, nonché abiti dai colori vivaci, tra le altre cose.

La giovane donna è caduta in coma dopo il suo arresto ed è morta il 16 settembre in ospedale, secondo la televisione di stato e la sua famiglia.

Gli attivisti hanno definito la sua morte "sospetta", ma la scorsa settimana la polizia di Teheran ha affermato che "non c'è stato alcun contatto fisico" tra la polizia e la vittima.

La morte della giovane donna ha scatenato un'ondata di rabbia in Iran. E il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha chiesto l'apertura di un'indagine.

Dopo una manifestazione iniziale sabato a Saghez, città natale di Mahsa Amini, a Sanandaj si è svolta una protesta di circa 500 persone, secondo Fars.

"Incidente spiacevole" 

"I manifestanti hanno gridato slogan contro i responsabili, hanno rotto i finestrini delle auto e dato fuoco ai bidoni della spazzatura", ha affermato l'agenzia. La polizia ha usato “gas lacrimogeni per disperdere la folla” e ha arrestato “diverse persone”.

"Molti manifestanti sono convinti che Mahsa sia morto sotto tortura", ha scritto Fars.

Nella capitale iraniana, gli studenti hanno lanciato movimenti di protesta in diverse università, comprese quelle di Teheran e Shahid Beheshti, secondo Tasnim.

Hanno chiesto alle autorità “chiarimenti” sulla morte dell'iraniano.

Il capo della polizia di Teheran, il generale Hossein Rahimi, ha nuovamente respinto le "accuse ingiuste contro la polizia".

“Non c'è stata negligenza da parte nostra. Abbiamo condotto indagini (…) E tutte le prove dimostrano che non vi è stata negligenza o comportamento inappropriato da parte della polizia”, ha affermato.

"Questo è un incidente deplorevole e desideriamo non assistere mai più a tali incidenti", ha aggiunto.

“Vestiti decenti” 

Il generale Rahimi ha sottolineato ancora una volta che la giovane donna aveva violato il codice di abbigliamento e che la polizia aveva chiesto ai parenti di Mahsa di portare i suoi "abiti decenti".

Il giorno della sua morte, la televisione di stato ha trasmesso un breve video di sorveglianza che mostrava una donna identificata come Mahsa Amini che crolla nei locali della polizia dopo una discussione con un agente donna.

Lunedì, Amjad Amini, il padre della vittima, ha detto a Fars che il "video è stato tagliato" e ha affermato che sua figlia era stata "trasferita in ospedale in ritardo".

Il ministro dell'Interno iraniano Ahmad Vahidi ha dichiarato sabato che "Mahsa apparentemente aveva avuto problemi precedenti" e che "si è sottoposta a un intervento chirurgico al cervello quando aveva cinque anni".

Informazione smentita dal padre della vittima, che ha assicurato che la figlia era "in perfetta salute".

La giovane è stata arrestata mentre si trovava a Teheran in visita con la sua famiglia.

Negli ultimi mesi, la polizia della moralità è stata criticata per interventi violenti.

Molti registi, artisti, personalità dello sport, della politica e della religione hanno espresso la loro rabbia sui social network dopo la morte della giovane.

L'ex presidente e leader della corrente riformista Mohammad Khatami ha invitato le autorità a "assicurare alla giustizia gli autori" di questo atto.

Persecuzione dei cristiani in Iran

Ricordiamo che l'Iran è al 9° posto nella classificaIndice mondiale della persecuzione dei cristiani 2022 della ONG Portes Ouvertes che indica la "Repubblica islamica dell'Iran è un regime autoritario" dove tutto ciò che viene dall'Occidente è considerato una minaccia.

Secondo l'organizzazione, "i diritti della minoranza cristiana sono limitati" mentre "i cristiani di origine musulmana sono perseguitati dalla polizia e spesso arrestati".

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock/canyalcin

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.