In Pakistan “la discriminazione sociale è sempre più aggressiva”

“La discriminazione sociale è sempre più aggressiva, spesso propagata da retorica estremista e resa possibile dalle autorità pakistane che non sono in grado o non vogliono proteggere queste minoranze. »

La Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale (USCIRF) ha recentemente rilasciato a rapporto sulla situazione del libertà religiosa in Pakistan. In esso denuncia “la crescente intolleranza nei confronti della diversità religiosa alimentata dall'estremismo e dalla problematica legislazione pakistana esistente”.

L'USCIRF denuncia il fatto che “le minoranze religiose o chiunque interpreti o pratichi la propria fede in modo diverso dalla maggioranza è oggetto di attacchi e frequenti minacce”. La commissione statunitense riporta accuse di blasfemia, uccisioni mirate, linciaggi, violenze della folla, conversioni forzate e profanazione dei loro luoghi di culto e cimiteri.

L'USCIRF afferma, in Pakistan, “la discriminazione sociale è sempre più aggressiva, spesso propagata da retorica estremista e resa possibile dalle autorità pakistane che non sono in grado o non vogliono proteggere queste minoranze”.

La popolazione pachistana è composta per il 96,3% da musulmani, comprese le minoranze sciite e ahmadiyya, per l'1,6% da cristiani e altrettanti indù.

MC

Credito immagine: Shutterstock.com/Asianet-Pakistan

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.