In India, i cristiani protestano contro il disegno di legge sulla "conversione di massa".

Diversi stati dell'India, guidati dal partito filo-indù Bharatiya Janata, hanno approvato sabato un disegno di legge contro la "conversione di massa", che punirà i trasgressori non appena due persone si convertiranno.

Dopo aver introdotto leggi anti-conversione, diversi stati indiani, guidati dal partito filo-indù Bharatiya Janata, hanno approvato sabato un disegno di legge contro "conversione di massa", che propone una pena detentiva di 10 anni per chi ricorre alle conversioni forzate.

Dopo l'adozione di questa legge basterà che almeno due persone si convertano, in modo che si tratti di una “conversione di massa”.

Il Primo Ministro Jai Ram Thakur, nel commento ripreso dal Times of India, che era necessaria una legge molto rigida.

Un gruppo di cristiani dello stato dell'Himachal Pradesh, nell'India settentrionale, ha presentato una petizione all'Alta Corte statale contestando il disegno di legge. L'udienza è fissata presso l'Alta Corte il 17 agosto. "Speriamo di ottenere giustizia", ​​ha detto il reverendo Sohan Lal, sacerdote della Christ Church di Shimla Notizie UCA.

Nel 2021, quando è stata introdotta la legge anti-conversione, Muhammad Arif, presidente del Center for Harmony and Peace in Uttar Pradesh, ha ritenuto che questo disegno di legge fosse “una violazione dei diritti umani”.

Mentre lo stato del Madhya Pradesh aveva ordinato il 9 gennaio La legge anti-conversione più dura dell'India, si erano registrati 23 casi di conversione forzata, in 23 giorni, contro musulmani o cristiani. Tra questi, Chhatar Singh Katre, a maestro cristiano che aveva voluto celebrare l'ammissione della figlia all'università organizzando un incontro di preghiera il 27 gennaio, era stato arrestato sul posto e accusato di aver voluto attirare e costringere le persone a cambiare religione.

MC

Credito immagine: Shutterstock.com/PI

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.