Il regime iraniano è l'apartheid di genere. Va denunciato come tale

Continuano i guai in Iran dopo la morte in custodia di una giovane donna curda di 22 anni, dopo essere stata arrestata e apparentemente picchiata dal Polizia iraniana della moralità.

Le forze iraniane hanno preso in custodia Mahsa Zhina Amini il 16 settembre 2022, perché secondo le regole non indossava l'hijab.

Almeno dal 28 settembre 76 persone sono state confermate uccise e un centinaia sono stati arrestati e feriti durante le proteste scoppiate dopo la morte di Amini.

Come studioso di origine curda e professore di studi mediorientali presso l'Università della Florida centrale, ho già scritto del genere nelle culture mediorientali e Proteste iraniane.

Con l'eccezione delle condanne schiette, la discriminazione contro le donne in Iran viene spesso ignorata mentre il mondo si preoccupa limitazione delle capacità nucleari del Paese.

Alcuni studiosi e attivisti hanno criticato il diritto internazionale per la sua mancanza di iniziativa e di azione pubblica per riconoscere la discriminazione sistematica delle donne in Iran come apartheid di genere e agire per prevenirla.

Molte leggi discriminatorie, comprese quelle che richiedono alle donne di coprirsi la testa e il viso con l'hijab, non rispettare né la tradizione né la religione e si applicano alle donne di tutte le etnie e fedi.

Dopotutto, Amini non era sciita, né per etnia né per religione.

In questa foto scattata in clandestinità il 21 settembre 2022 nel centro di Teheran, i manifestanti intonano slogan per denunciare la morte in custodia di Mahsa Amini. (Foto AP)

L'apartheid di genere in Iran

La 1979 Rivoluzione islamica istituì una repubblica che attua politiche e pratiche disumane di segregazione razziale e discriminazione simili a quelle praticate Sud Africa sotto l'ex brutale regime di apartheid del governo.

Le leggi e le politiche in Iran stabiliscono e mantengono il predominio maschile e statale sulle donne e il loro diritto di scegliere i propri vestiti o ottenere il divorzio. Le disuguaglianze di genere sistematiche sono legalmente prescritte e imposte dal regime per privare le donne del “diritto alla vita e alla libertà” e un “diritti umani e libertà fondamentali”, che, secondo Articolo II della Convenzione delle Nazioni Unite sull'Apartheid del 1973, è considerato "il reato di apartheid".

Ad esempio, secondo articolo 18 della legge iraniana sui passaporti, una donna sposata ha ancora bisogno del permesso scritto del suo tutore per viaggiare all'estero.

In Iran, le donne non possono ricoprire alcuna posizione nel sistema giudiziario, religioso e militare, né essere membri delAssemblea di esperti , Consiglio di "opportunità" o Consiglio dei Guardiani, i tre consigli più alti della Repubblica Islamica.

Per legge, le donne non possono essere presidenti o leader supremi dell'Iran. Secondo l'articolo 115, il Presidente della Repubblica Islamica deve essere eletto tra “uomini religiosi e politici”.

Inoltre, lo stato iraniano aggiunto elementi discriminatori al codice penale — uno di questi elementi è il principio secondo il quale il valore di una donna è pari alla metà di quello di un uomo.

Questo principio si applica alle questioni di risarcimento per omicidio o quando si separa un'eredità familiare. Si applica anche al peso attribuito alla testimonianza in tribunale o al divorzio.

Queste leggi, politiche e pratiche continuano a rendere le donne cittadine inferiori, legalmente e socialmente disuguali.

Segregazione nella vita di tutti i giorni

Lo Stato ha inoltre imposto a segregazione sistematica nelle scuole, negli ospedali, nelle università, nei trasporti, nello sport e in altri importanti ambiti della vita quotidiana.

Un incendio brucia in strada, circondato dai manifestanti

In questa foto scattata clandestinamente il 21 settembre 2022, i manifestanti hanno appiccato il fuoco e bloccato una strada per protestare contro la morte in custodia di Mahsa Amini. L'accesso ai social network è diventato difficile in Iran. (Foto AP)

Per decenni, l'apartheid di genere in Iran ha relegato le donne sul retro degli autobus con a barra di metallo che li separa uomini.

Sotto la guida del governo, le università limitato le opzioni a disposizione delle donne e negato loro l'accesso a molti campi di studio.

Dalla rivoluzione del 1979, l'Iran generalmente vietato alle donne assistere a partite di calcio e altri sport negli stadi. In agosto, per la prima volta in oltre 40 anni, il regime iraniano ha consentito alle donne di assistere a una partita tra due club maschili nello stadio della capitale, Teheran.

I religiosi svolgono un ruolo importante nel processo decisionale. Loro ha affermato che le donne dovrebbero essere protette dell'atmosfera maschile e la vista di uomini semivestiti in occasione di eventi sportivi.

le persone dimostrano

Membri della comunità iraniana ei loro sostenitori manifestano ad Ottawa il 25 settembre per denunciare il regime iraniano in seguito alla morte in custodia di Mahsa Amini. La stampa canadese/Justin Tang

Come parte di queste politiche discriminatorie, termini persiani come za'ifeh, che significa debole e incapace, si sono fatti strada nella dizionari come sinonimi di "donna" e "moglie".

“Donne, vita, libertà”

La famigerata polizia iraniana per la moralità extragiudiziale terrorizza le donne da decenni.

Come gli articoli del Costituzione della Repubblica islamica dell'Iran, i principi della polizia morale si basano su un'interpretazione di testi canonici sciiti e sono attuati attraverso moderni strumenti di controllo e coercizione.

Secondo il diritto penale internazionale, gli atti illeciti commessi all'interno di un sistema di oppressione e dominio sono considerati crimini contro l'umanità.

Come sancito dalla Convenzione delle Nazioni Unite sull'Apartheid, questi crimini comprendono la negazione dei diritti fondamentali che impedisce a uno o più gruppi razziali di partecipare alla vita politica, sociale, economica e culturale del Paese.

Meglio conosciuto per il regime brutale in Sud Africa, l'apartheid deriva dalla parola afrikaans che significa "separazione". Questo è ideologia che è stato introdotto in Sud Africa nel 1948 e sostenuto dal governo del Partito Nazionale.

Come affermato nella Convenzione delle Nazioni Unite contro l'apartheid, l'obbligo di indossare l'hijab è al centro di quello che io chiamo apartheid di genere estremo in Iran, dove un velo fuori posto può portare a 15 anni di carcere, di colpo di frusta, di multe, arresti disumani e illegali, persino la morte.

dai movimenti contro l'hijab obbligatorio appaiono ogni anno in Iran, come questa volta, dopo la morte di Mahsa Zhina Amini.

In curdo, il suo nome deriva da "jin", la parola per donna, e condivide una radice con la parola per la vita, "jiyan".

Queste parole curde sono al centro dello slogan che è stato più utilizzato dal Combattenti curdi nella loro lotta contro lo Stato Islamico in Iraq e Siria, e oggi, da donne in tutto l'Iran contro la Repubblica islamica.

Aggiungi “azadi” – la parola curda per libertà – e avrai lo slogan “Jin, Jiyan, Azadi”, che significa “Donne, vita, libertà”. Risuona tra i manifestanti nelle strade dell'Iran e in tutto il mondo per smantellare l'apartheid di genere dello stato iraniano.

Haidar Khezri, Professore assistente, University of Central Florida

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.