Il pastore Erwan Cloarec, nuovo presidente del Consiglio nazionale degli evangelici di Francia

Questo martedì, 7 giugno, Erwan Cloarec, pastore della Federazione delle Chiese evangeliche battiste di Francia (FEEBF), è stato nominato presidente del Consiglio nazionale degli evangelici di Francia (CNEF). Succede al pastore Christian Blanc che da giugno 2019 era alla guida del CNEF, un passaggio di consegne all'insegna dell'unità e del cambio generazionale. 

Christian Blanc ha ufficialmente passato la sua torcia come presidente del Consiglio nazionale degli evangelici di Francia (CNEF) al pastore 42enne, Erwan Cloarec, durante l'Assemblea plenaria del CNEF che si è svolta martedì 7 giugno a Parigi.

Christian Blanc, nel suo intervento al termine del suo mandato, ha sottolineato “il clima fraterno di qualità” in cui si è svolta questa trasmissione, rendendo così omaggio all'opera di coloro “che hanno dettato i testi fondanti e strutturanti del CNEF”.

È su questa base di fraternità, comunione e unità che Erwan Cloarec intende costruire il suo mandato, ben consapevole che questo non deve mai essere dato per scontato e che dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione. L'organizzazione evangelica, che celebrerà il suo 12° anniversario a giugno, è stata infatti fondata con l'ambizione di unire le chiese.

Il nuovo presidente ha anche ricordato l'importanza delle “connessioni”, usando il nome di una rivista Cnef per la quale gli era stato affidato. Un titolo che dice, secondo lui, «quello che deve rimanere il fondamento del CNEF, irrigare la sua vocazione, e la visione che porta per il mondo: il richiamo regolare che siamo chiamati ad essere e a cercare questa comunione che ci è donata ".

Christian Blanc, dal canto suo, ha parlato delle “buone relazioni” del CNEF con l'Esercito della Salvezza, la Federazione protestante di Francia e la Conferenza episcopale di Francia. In conclusione, ha citato un proverbio africano che invita la nuova squadra a continuare ad andare avanti in questo spirito di unità: “se vuoi andare lontano, cammina con gli altri”.

Nei loro interventi si è posto l'accento anche sul “cambio generazionale”. Per Christian Blanc l'elezione di Erwan Cloarec è la realizzazione di un desiderio espresso all'inizio del suo mandato nel 2019; quella di vedere la “generazione CNEF”, che non conosceva il mondo “prima” dell'organizzazione evangelica, prendere le redini.

“Credo che ci siamo! “, ha giustamente dichiarato il neoeletto presidente, ricordando che questa nuova generazione è ormai “ampiamente rappresentata nella rinnovata carica” oltre che nell'équipe permanente.

Erwan Cloarec ha quindi esposto i tre maggiori orientamenti dell'organizzazione, ritiene che il CNEF debba essere un “corpo spirituale” e una “forza istituzionale” per ispirare “uno slancio missionario”.

Una missione che intende compiere con lo sguardo fisso sul Signore e celebrando il fatto che «il CNEF è prima di tutto opera di Dio, espressione visibile, davanti a Dio e al mondo, dell'unità che Dio dona in Cristo”, e questo prima di ogni altra cosa.

Mentre l'organizzazione entra in una "nuova stagione" con queste elezioni, Erwan Cloarec ci dice che la sfida del suo mandato sarà quella di rendere un successo questo passaggio generazionale. Per questo desidera "continuare a raccogliere", "conservare la cura dell'unità" mentre lavora sull'aspetto teologico per aiutare il CNEF a "pensare a se stesso" e ad "approfondire la sua identità". Intende anche ispirare e accompagnare un nuovo slancio missionario.

"Mi impegno a sostenere questa transizione aiutando il collettivo a rimanere unito e a costruire un significato", ha aggiunto.

Camille Westphal Perrier

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.