La saga beluga: basta il cetaceo? [OPINIONE]

L'emozione durerà otto giorni, dal 2 al 10 agosto, dove la storia finisce in coda di pesce. Mercoledì, la ONG per la difesa degli oceani Sea Shepherd ha scritto su Twitter: « È con il cuore pesante che annunciamo che il beluga non è sopravvissuto alla traslocazione. (…) I veterinari hanno deciso di sopprimerlo” al suo arrivo a Ouistreham (Calvados), dove sarebbe stato rilasciato al largo. Vittima di anossia (diminuzione della quantità di ossigeno, ndr), “La sofferenza era ovvia per questo animale”, confida Françoise Ollivet-Courtois, veterinaria di Sdis.

Avvistata il 2 agosto nella Senna, la balena bianca era trattenuta da venerdì nel bacino di una chiusa a Saint-Pierre-La-Garenne (Eure). Diradato, l'animale non è più nutrito. In acque dolci e calde, i meandri del fiume gli imponevano 220 km per raggiungere il Canale della Manica. Una sfida.

In assenza di una struttura idonea, l'operazione di salvataggio è stata epica, "particolarmente sensibile e pesante nella logistica"ha affermato Lamya Essemlali, presidente di Sea Shepherd. La traslocazione ha mobilitato 80 persone (vigili del fuoco e gendarmi compresi) ma ha avuto poche possibilità di successo. Le sponde della Senna non erano accessibili ai veicoli nel luogo previsto per l'estrazione del cetaceo e tutto doveva essere trasportato a mano. Il beluga misurava quattro metri e pesava 800 kg. Il trasferimento in camion al porto normanno gli fu fatale.

Per di più, bisognava agire in fretta: se non è stata rimessa in mare prima di oggi, bloccare la chiusa di Ouistreham sarebbe costato 100.000 euro al giorno e lo stato non voleva pagarli. L'operazione ammonta ora a 40.000 euro. "Grazie a una raccolta fondi, Sea Shepherd ne ha raccolti tre quarti in meno di 5 ore e in 18 paesi", esulta Lamya Essemlali.

Cosa non è stato fatto per far uscire questa specie protetta dalle sue peregrinazioni! Dieci membri della ONG si alternavano H24 a turno per riprendere fiato ogni cinque minuti. Il tempo mediatico è stato sospeso sul volo di questo "canarino marino", soprannome del beluga, capace di produrre una gamma sonora molto ampia.

Non si sa perché la balena bianca si sia smarrita nelle fresche acque della Senna, soprattutto perché la sua fronte bulbosa ha un sonar molto sviluppato per orientarsi ed è una specie gregaria, come sottolinea la rivista. Geo, a differenza della balenottera comune, di cui un individuo è stato osservato all'inizio di luglio nell'estuario di Le Havre. A maggio abbiamo anche trovato un'orca in difficoltà tra Rouen e Le Havre. Non siamo riusciti a salvarla e l'animale era morto di fame.

Della stessa famiglia del capodoglio, dell'orca assassina e del delfino, il beluga vive nelle regioni artiche e nell'estuario del San Lorenzo. Intervistato dall'AFP, parla l'oceanografo François Sarano "individui che lasciano il clan e fanno scappatelle più o meno lunghe per esplorare altri luoghi" ma chi, una volta "portato in una direzione, torna con grande difficoltà all'indietro".

Altre ipotesi: l'influenza dei poli magnetici avrebbe portato il beluga “non prendere la strada giusta all'inizio”La modifica delle correnti marine a causa del riscaldamento globale potrebbero anche averla fuorviata, le variazioni di temperatura che agiscono sulla massa e sulla densità dell'acqua. Per non parlare dell'inquinamento acustico. Le orche assassine mantengono il contatto acustico tra loro a 15 km di distanza. Se il beluga si allontana così in basso in latitudine, possiamo vedere l'interferenza umana? Lamya Essemlali ci crede "anche il futuro parco eolico al largo di Courseulles-sur-Mer (Calvados) potrebbe averlo interrotto".

La saga beluga solleva diversi interrogativi:

Non si dovrebbe fare nulla? Era per condannarlo a morte. Avremmo visto l'animale incagliarsi o una chiatta l'avrebbe colpito. Le ONG sarebbero state criticate per la loro inerzia.

Dovrebbe essere soppresso? “Prevaleva solo l'interesse dell'animale”, dice Lamya Essemlali. In difficoltà respiratoria, è morto in agonia. Se la ONG avesse visto solo il suo interesse mediatico, avrebbe favorito a lieto fine.

Si dovrebbe fare lo stesso? Questo dispiegamento di energia ha permesso di sensibilizzare l'opinione pubblica meglio di una campagna di comunicazione, e sicuramente a un costo inferiore. Il beluga è ora un simpatico ambasciatore degli oceani in via di estinzione. Sea Shepherd ha ricevuto messaggi dai bambini. Se dicono di essere tristi per la morte del cetaceo, sono sensibili a tutto ciò che è stato fatto per esso.

La vita di un uomo vale meno di quella di un cetaceo? Jacques Attali ha twittato: “80 persone per salvare un beluga è magnifico. Quanto per salvare dalla fame ogni bambino del mondo? "  La domanda non si pone in questo modo. Questa sequenza mediatica mira a commuovere la maggior parte delle persone che non fanno nulla e la cui azione sarebbe necessaria. Non possiamo squalificare una particolare lotta con il pretesto che altre cause ritenute più importanti non si mobilitino quanto vorremmo. Inoltre, l'uno non impedisce l'altro: Sea Shepherd, ad esempio, combatte anche la pesca illegale praticata dai pescherecci cinesi in Africa occidentale e le cui popolazioni sono le prime vittime.

Louis Daufresne

Fonte :  Le Monde

Questo articolo è pubblicato da Selezione del giorno.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.