Cani, la chiave della Fontana della Giovinezza? [Opinione]

I cervelli della Silicon Valley hanno una nuova moda: sviluppare soluzioni per prolungare la vita.

Questa ricerca è vecchia quanto il mondo. Le mode sono passate dagli anni '80, dalla dieta all'ingestione di dozzine di pillole al mattino, all'iniezione di cellule staminali nel cervello... Gli esperimenti più estremi sono rimasti ai margini e non sono supportati da prove mediche.

Recentemente, una giovane donna di 26 anni, Céline Halioua, ha lanciato una start-up, Cellular Longevity Inc, il cui obiettivo è sviluppare trattamenti per estendere l'aspettativa di vita dei cani. Quando avremo dimostrato la loro efficacia, è certo che il pubblico e l'autorità di regolamentazione saranno pronti a utilizzare e adattare questi trattamenti per gli esseri umani. "I cani sono i migliori modelli", afferma questo giovane imprenditore. “Siamo cresciuti con loro e abbiamo condiviso la nostra casa. Come noi, sono suscettibili di ammalarsi nella loro vecchiaia. Se possiamo farlo per i cani, possiamo adattarlo a noi stessi. " Sotto il marchio "Leale", sono stati raccolti 11 milioni di dollari e i primi test sono previsti per l'inizio del 2022.

Un grosso ostacolo si erge sul sentiero che conduce alla Fontana della Giovinezza: le aziende farmaceutiche non vogliono investire in sperimentazioni cliniche che dureranno decenni. Inoltre, le autorità sanitarie approvano i trattamenti che corrispondono alle malattie identificate. Per questi motivi, non è stato possibile testare sulle persone protocolli antietà promettenti. Tuttavia, l'idea di provare i cani non è del tutto nuova. Quasi 30 proprietari hanno registrato i loro compagni a quattro zampe nel "Progetto di invecchiamento del cane" finanziato e sostenuto dall'Agenzia statunitense per la ricerca medica, le National Institutes of Health. L'obiettivo è quello di studiare come i fattori genetici e ambientali influenzano l'invecchiamento dei cani. Inoltre, quasi 200 cani adulti riceveranno un trattamento a base di rapamicina, già utilizzata nell'uomo per prevenire alcuni tipi di cancro e il rigetto del trapianto di organi.

Secondo Matt Kaeberlein, co-direttore del progetto, la rapamicina ha il grande vantaggio di rallentare o addirittura invertire il processo di invecchiamento dei tessuti osservato. Nonostante questo potenziale riconosciuto, questo farmaco non ha una buona reputazione perché provoca effetti collaterali significativi. Ma, sempre secondo Kaeberlein, questo inconveniente è dovuto alle grandi dosi ricevute dai trapiantati. Si aspetta risultati molto più soddisfacenti con le basse dosi mescolate al burro di arachidi servite ai cani. Convinto, lui stesso ha usato la rapamicina per calmare l'infiammazione. Sappiamo già che imporre una riduzione calorica ai cani può allungare la loro aspettativa di vita in media di due anni. Gli scienziati coinvolti raccomandano di combinare questa pratica dietetica con un trattamento a base di rapamicina per allungare la vita dei cani del 50% o addirittura del 70%.

Céline Halioua, che ha studiato neuroscienze a Oxford, intende sviluppare due trattamenti con l'obiettivo di averli approvati nel 2024. Il grande vantaggio dell'utilizzo di cani, che stanno comodamente con i loro proprietari, è che i test possono essere completati in tre o cinque anni. È quindi meno complicato e più interessante rispetto ai topi giovani che devono essere geneticamente modificati per sviluppare un invecchiamento precoce. Interpellata da Ashlee Vance per Bloomberg Businessweek (vedi articolo nel link sotto), Céline Halioua è convinta che il successo di un trattamento anti-età tra i nostri fedeli compagni susciterà l'interesse del grande pubblico così come del regolatore. "Siamo riusciti ad allungare notevolmente la vita delle nostre cavie centinaia di volte, ma a tutti al di fuori dei circoli scientifici non importa perché sono topi... Se possiamo prolungare la vita del migliore amico dell'uomo, i loro padroni dovrebbero interessarsi dentro. " Quando dico al mio cane che...

Ludovico Lavaucelle

Fonte : Bloomberg

Questo articolo è pubblicato da Selezione del giorno.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.