Gravi violazioni dei diritti umani contro i cristiani afgani: "Il mondo deve tenere alta la pressione sui talebani"

Un rapporto rivela la situazione dei cristiani afgani, sfollati nel proprio Paese, o dei rifugiati in Iran, Pakistan o Turchia, da quando i talebani hanno preso il potere.

Preoccupazione cristiana internazionale International (ICC), organizzazione americana per la difesa dei cristiani perseguitati nel mondo, ha appena pubblicato a relazione sulla situazione dei cristiani afgani da quando i talebani hanno preso il controllo di Kabul un anno fa, il che documenta l'impatto sulla libertà religiosa nel Paese.

La CPI spiega che tutti i cristiani afgani sono credenti di origine musulmana. Tuttavia, poiché la Sharia penalizza la conversione dei musulmani, questi ultimi rischiano gravi violazioni dei diritti umani. Inoltre, la maggior parte di questi cristiani appartiene alla minoranza etnica Hazara, comprese le donne, il che aumenta ulteriormente la loro vulnerabilità alle violazioni dei loro diritti.

Costretti a nascondersi, i cristiani afgani sono quindi sfollati all'interno del proprio Paese, senza accesso alle risorse umanitarie, a causa di questo ostracismo, attribuito agli sfollati interni.

“Il mondo deve mantenere la pressione sui talebani”, afferma Matias Perttula, direttore dell'International Christian Concern.

“All'inizio i talebani hanno cercato di mostrare al mondo come si sono riformati. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. I talebani continuano a perseguitare e opprimere chiunque non segua la loro interpretazione intransigente della Sharia. »

Il rapporto rivela diverse tendenze. Il primo riguarda questa necessità di nascondersi dai talebani. Per questi esperti, “sopprimendo ogni identità cristiana aperta, i talebani garantiscono che i cristiani non hanno posto nella società afgana”. Il rapporto denuncia poi “le invasioni della privacy, lo sfruttamento di vite e beni, le attività umilianti e degradanti commesse sotto costrizione”.

Poi il rapporto fornisce dettagli sui cristiani che sono riusciti a fuggire dal Paese dall'arrivo dei talebani. "La maggior parte dei cristiani non vede futuro in Afghanistan", spiega il rapporto, osservando che "l'emigrazione è un privilegio molto limitato di cui godono solo pochi privilegiati". Le donne anziane e single ne sono spesso private. Per i cristiani afgani che sono riusciti a fuggire, la situazione potrebbe rimanere precaria. Diversi, che si erano rifugiati in Pakistan, sono tornati in Afghanistan, tanti sono stati gli abusi contro di loro. Coloro che sono fuggiti in Turchia, anche se rifugiati in un Paese dove possono avere l'assistenza dell'Alto Commissario per i Rifugiati, restano “sospettosi”, secondo il rapporto, per “il rapporto positivo della Turchia con i talebani”. Un altro paese ospitante per i cristiani afgani, l'Iran. Ma questi ultimi lo evitano perché sono “spesso vittime di traffico sessuale e altri gravi abusi” e perché lì gli aiuti umanitari sono limitati.

Claire Evans della CCI chiede una strategia a lungo termine per sostenere i cristiani afgani.

“Sia che rimangano in Afghanistan o che migrino altrove, i cristiani afgani non possono cercare assistenza umanitaria allo stesso livello e attraverso gli stessi canali degli altri afgani. Pertanto, fornire assistenza umanitaria ai cristiani afgani richiede una strategia a lungo termine che corrisponda alla fluidità della situazione sul campo. »

MC

Credito immagine: Shutterstock.com/Ruslan Lytvyn

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.