Giornata internazionale per la lotta contro la violenza sulle donne: i cristiani evangelici in Spagna si stanno mobilitando

In occasione della giornata internazionale per la lotta contro la violenza sulle donne, che si è tenuta il 25 novembre, gli spagnoli evangelici sono scesi in piazza per prendere posizione contro questo flagello e affermare che Gesù è il difensore dei diritti e della dignità delle donne.

“Il nostro messaggio è un messaggio di denuncia, ma anche un messaggio di speranza per tutte quelle donne che sono o sono state vittime di violenza, perché in Gesù c'è la restaurazione”, ha detto Asun Quintana, presidente del gruppo femminista cristiano Seneca Falls e della Gruppo di lavoro “Donna e società” dell'Alleanza evangelica spagnola, durante la manifestazione a Madrid.

Circa 300 persone hanno partecipato a questo evento dal titolo “Le donne evangeliche contro la violenza sulle donne” organizzato dai cristiani evangelici nel cuore della città.

Raduni che si sono svolti in diverse città della Spagna. Abigail Castillo, che ha sfilato a Valencia, ricorda che questa iniziativa è un modo per mostrare ai passanti l'amore di Gesù e per affrontare temi sociali come il posto delle donne.

“Vogliamo che le persone sappiano che il cristianesimo non è maschilista; Gesù è venuto per restituire alle donne la loro dignità.

Focus evangelico riferisce che il Consiglio evangelico di Madrid e l'Unione delle donne evangeliche di Spagna hanno lanciato questa iniziativa nel 2016 “per sensibilizzare e prendere posizione come donne evangeliche contro la violenza di genere e altre violenze contro le donne. testimoniano che Gesù è il primo modello e difensore della dignità e dei diritti della donna”.

Melanie Boukorras

Credito immagine: Shutterstock / Tinnakorn jorruang

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.