Fascia da braccio a sostegno degli omosessuali in Qatar: gli atleti cristiani offrono spunti di riflessione

I Mondiali di calcio in corso vedono l'incontro tra una visione fortemente penalizzante dell'omosessualità e quella delle istanze LGBT a cui i giocatori sono invitati a dare spazio. In Qatar, gli omosessuali incorrono in sette anni di carcere, o addirittura nella pena di morte se sono ufficialmente musulmani. L'uso di cartelli con i colori LGBT da parte degli spettatori è oggetto di tensione tra FIFA ed emirato, ma anche tra atleti, lobby e media. Come vi posizionate come cristiani?

Hugo Lloris, capitano della squadra francese, ha deciso di non indossare una fascia da braccio "One Love". per sostenere gli omosessuali perseguitati, sostenendo che rispettava la cultura del Qatar poiché si aspettava che gli stranieri rispettassero il francese. Una scelta in linea con quella della FIFA che ha dichiarato che, a differenza degli spettatori, i giocatori non possono esporre messaggi politici negli stadi.

Lloris, tuttavia, afferma di sostenere i diritti delle persone LGBT. Olivier Giroud, un cristiano impegnato, ha detto nel 2018 non ha esitato a indossare i lacci arcobaleno (lacci delle scarpe LGBT) all'Arsenal e ha ricordato di aver posato per la copertina della rivista gay Têtu. Spiega la sua scelta con l'invisibilità imposta ai calciatori omosessuali:

“In uno spogliatoio c'è molto testosterone, camere, docce comuni... È complicato, ma è così. Capisco il dolore e la difficoltà dei ragazzi ad uscire allo scoperto, è una vera prova dopo anni di lavoro su se stessi. »

Un cristiano può indossare emblemi LGBT a sostegno delle persone perseguitate?

Se lo è posto l'associazione Cristiani nello Sport sul fatto che un cristiano possa indossare emblemi a sostegno della comunità LGBT. In questo caso, era al momento della pubblicazione di questo articolo del lacci arcobaleno lanciato nel 2013 dall'organizzazione Stonewall, che si batte per il riconoscimento delle esigenze della comunità LGBT. Ma questa domanda è ancora rilevante nel contesto dell'uso dei braccialetti "One Love" in Qatar.

L'autore ricorda in via preliminare che l'uso dei colori dell'arcobaleno è o lasciato alla discrezione dei giocatori e delle società, oppure imposto ad esempio tramite numeri in questi colori sulle maglie.

Osserva che quest'anno vari giocatori di fedi diverse si sono rifiutati di partecipare a queste campagne, come Idrissa Gueye, musulmana, che si è rifiutata di partecipare al Pride Round della Ligue 1 in Francia, o sette giocatori della squadra Manly della Nazionale Campionato di rugby in Australia.

L'articolo prosegue sottolineando la necessità di un trattamento equo e la libertà dalle molestie:

“I cristiani dovrebbero essere in prima linea in tutto il lavoro per affermare e difendere il diritto a una vita libera da vessazioni, intimidazioni e violenze”.

Tuttavia, contesta la visione LGBT che presenta l'identità sessuale come l'identità fondamentale.

Secondo l'autore, “sembra difficile non essere d'accordo con qualcuno su questo argomento, perché è come dire che non sei d'accordo con la sua identità. In effetti, il pensiero occidentale tradizionale oggi sostiene che la nostra identità è formata da chi siamo, cosa pensiamo, cosa sentiamo e cosa desideriamo. L'autore Carl Trueman afferma che oggi questo è visto principalmente con i nostri desideri sessuali.

Questa nuova visione antropologica porta, secondo lui, a far diventare questo simbolo di unità un simbolo di esclusione, perché i giocatori che si rifiutano di indossare i colori LGBT vengono sanzionati. L'articolo menziona il Cristo che ebbe compassione degli esclusi e sottolinea anche che i cristiani nello sport si allineano con il cristianesimo storico e ortodosso secondo cui lo scopo di Dio è nel matrimonio eterosessuale.

L'autore afferma, tuttavia, che non essere d'accordo con "Rainbow Laces" non significa essere intolleranti:

“Possiamo amare e prenderci cura di tutti quelli con cui facciamo sport pur essendo in disaccordo con loro su alcune questioni. »

Conclude il suo articolo ricordando che indossare questo tipo di simbolo potrebbe essere percepito come sostegno ad alcune esigenze sociali di questa comunità, mentre il non indossarli potrebbe essere percepito come indifferenza verso la sorte degli omosessuali imprigionati o uccisi come tali, sottolineando così la complessità del questa decisione.

“Indossare i lacci delle scarpe arcobaleno può sembrare un sostegno per ciò che non approviamo, così come non indossarli può minare ciò che vogliamo affermare come cristiani. »

Cristiani nello sport, in conclusione, lascia la decisione a tutti coloro che l'autore esorta a pregare per avere saggezza su questo argomento.

Jean Sarpedonte

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.