Due nuovi confini planetari attraversati nel 2022: di cosa stiamo parlando?

Negli ultimi mesi, i media hanno annunciato l'attraversamento di due confini planetari a seguito di pubblicazioni scientifiche. Quella di inquinanti chimici, lo scorso gennaio, poi quella di ciclo dell'acqua dolce, a maggio. Per quanto inquietanti siano, questi annunci non hanno raggiunto i titoli dei giornali. Forse in parte perché questa nozione rimane sconosciuta: cosa intendiamo per limite planetario?

Il concept, definito da un team internazionale di 26 ricercatori e pubblicato nel 2009 su riviste scientifiche Natura et Ecologia e società, intende fissare su scala globale soglie che l'umanità non dovrebbe superare per continuare a vivere in condizioni favorevoli e preservare un ecosistema sicuro, in altre parole una certa stabilità del pianeta. L'Olocene è spesso usato come punto di paragone perché questo periodo, che risale a 11 anni fa, appare piuttosto stabile dal punto di vista climatico.

Il superamento dei limiti planetari potrebbe portare a cambiamenti bruschi, non lineari e difficili da prevedere negli esseri umani e nel loro ambiente, compromettendo così la capacità del nostro pianeta rimanere in condizioni simili all'Olocene.

Confini già superati

Allo stato attuale, alcuni limiti sembrano essere già stati superati: vale a dire il cambiamento climatico, l'integrità della biosfera (biodiversità), l'interruzione dei cicli biochimici dell'azoto e del fosforo, i cambiamenti nell'uso del suolo e l'introduzione di nuove entità nell'ambiente.

Alcuni fenomeni non hanno ancora raggiunto questa soglia allarmante, che non impedisce l'avvio dei processi: è il caso dell'acidificazione degli oceani, dell'esaurimento dello strato di ozono stratosferico e dell'aumento degli aerosol nell'atmosfera.

L'argomento era il nono e ultimo limite, il ciclo dell'acqua da un recente studio che getta nuova luce dividendo l'acqua dolce in acqua verde e acqua blu.

Tutte queste nozioni relative all'ambiente sono collegate, interconnesse, i processi regolatori interagiscono e la perturbazione di una incide sulla regolazione e/o sulla resilienza delle altre. Un modo molto interattivo e accessibile per percepire queste nozioni è partecipare a un workshop del Fresque du Climat, un gioco creato da Cédric Ringenbach.

Superato il limite planetario di 6ᵉ.
Figura disegnata da Azote per lo Stockholm Resilience Centre, basata sull'analisi di Persson et al. 2022 e Steffen et al. 2015

Nuovi dati sull'inquinamento chimico

Il primo studio, pubblicato il 18 gennaio sulla rivista scientifica Environmental Science and Technology, viene dagli scienziati dello Stockholm Resilience Center (SRC) e presenta dati sull'inquinamento chimico. Quest'ultimo designa qualsiasi entità emessa durante gli scarichi di prodotti chimici di origine industriale e/o domestica. Può derivare, ad esempio, dall'uso di pesticidi, detergenti o anche metalli pesanti. A volte si genera anche in occasione di incidenti occasionali (industriali, fuoriuscita di petrolio, ecc.). Questi inquinanti, accumulandosi nell'ambiente e/o formando sottoprodotti di degradazione, possono rappresentare un rischio per la salute umana e l'ambiente.

Raccogliere immondizia su una spiaggia dello Sri Lanka, nel 2020.
Lakruwan Wanniarachchi/AFP

Naturalmente le materie plastiche, il cui utilizzo è esploso prima di una consapevolezza relativamente recente, generano inquinamento per la fauna e la flora quando vengono rilasciate nell'ambiente (microplastica e formazione del "7ᵉ continente"

Questo studio è la prima valutazione pubblicata dei confini planetari relativi a "nuove entità". I ricercatori concludono che il confine è stato ora violato, aumentando i rischi per la stabilità del sistema Terra. Sono necessari una migliore gestione del rischio, una riduzione della produzione e del rilascio di inquinanti, e rapidamente, per tornare nella zona sicura.

Il ruolo cruciale dell'acqua verde

Il secondo studio pubblicato in Recensioni sulla natura Terra e ambiente lo scorso 26 aprile, si concentra su una nuova valutazione effettuata dai ricercatori dello Stockholm Resilience Center insieme ad altri scienziati di tutto il mondo sull'acqua verde.

Sottolineano che l'acqua dolce valutata fino ad allora riguardava essenzialmente l'acqua blu, ovvero l'acqua di fiumi, laghi e falde acquifere (40% della massa totale delle precipitazioni).

L'acqua verde viene immagazzinata nel suolo e nella biomassa, evaporata o assorbita ed evapotraspirata dalle piante. Ritorna direttamente nell'atmosfera e rappresenta 60% della massa totale delle precipitazioni.

Tuttavia, i ricercatori ritengono che il ruolo dell'acqua verde non sia stato sufficientemente preso in considerazione negli studi precedenti, nonostante la sua importanza capitale: contribuisce a garantire la resilienza della biosfera, preservando i pozzi di carbonio e regolando la circolazione atmosferica.

Questa veduta aerea mostra la terra incrinata del letto asciutto del fiume Doubs, il 15 settembre 2020, a Villers-le-Lac, nella Francia orientale. A causa della siccità nella regione, il fiume ha raggiunto uno dei livelli più bassi da oltre un secolo.
Sebastian Bozon/AFP

Pertanto, se ci atteniamo all'attuale definizione di confini planetari, la deforestazione che deteriora il funzionamento dell'acqua verde a favore di una maggiore disponibilità di acqua blu non partecipa alla trasgressione dei confini, attualmente basati sull'acqua blu. Questo contributo di acqua verde dovrebbe essere effettivamente preso in considerazione.

Esempi concreti includono la foresta che perde la sua umidità a causa del cambiamento climatico e della deforestazione: è sempre più comune scoprire terreni anormalmente umidi o asciutti.

Costruire un altro modello economico

Per mantenere la possibilità di rimanere in condizioni favorevoli alla vita come la conosciamo oggi, è urgente agire sul crescente utilizzo dell'acqua, sulla deforestazione, sul degrado del suolo, sull'erosione del suolo, sull'inquinamento atmosferico e, più in generale, sul cambiamento climatico. Il superamento di questi limiti gradualmente compromette la resilienza della Terra.

Pian piano stanno emergendo speranza e soprattutto azioni concrete: una coscienza collettiva che prende forma e un'educazione al rispetto dell'ambiente fin dalla tenera età per frenare la tendenza. In Francia, collettivi come il ShiftProject cercare di fare luce e influenzare il dibattito sulla transizione energetica.

Producono report, conducono conferenze e workshop, al fine di supportare le questioni climatiche e forzare l'azione, per costruire un altro modello economico, decarbonizzato e per dimostrare scientificamente che esistono alternative, se ci apriamo al cambiamento.

Melanie Mignot, Docente e ricercatore in chimica nel laboratorio COBRA, INSA Rouen Normandia

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock.com/PARALAXIS

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.