A due anni dall'esplosione al porto di Beirut, Libano sull'orlo del baratro

Il Libano celebra giovedì il secondo anniversario della gigantesca esplosione al porto di Beirut che ha devastato interi distretti della capitale, con manifestazioni dei parenti delle vittime determinati a continuare la loro lotta per la verità e la giustizia.

L'esplosione del 4 agosto 2020 in un magazzino che ospita centinaia di tonnellate di nitrato di ammonio immagazzinate senza precauzioni - una delle più grandi esplosioni non nucleari mai registrate - ha ucciso più di 200 persone e ne ha ferite 6.500.

Tuttavia, l'indagine aperta in Libano è stata ostacolata da ingerenze politiche e nessun rappresentante statale è stato finora ritenuto responsabile della tragedia che ha conosciuto un nuovo sviluppo la scorsa settimana. Diversi silos per il grano gravemente danneggiati nel recinto del porto sono crollati e altri rischiano di crollare, affermano gli esperti.

"Spero che vedere i silos cadere dia alle persone la volontà di lottare per la giustizia, di combattere con noi", ha detto all'AFP Tatiana Hasrouty, una residente che ha perso suo padre nell'esplosione. I politici stanno "facendo tutto ciò che è in loro potere per fermare le indagini", si è lamentata.

Questa mega-esplosione è un incubo nella già turbolenta storia del Libano, ora impantanato nella peggiore crisi economica della sua storia, di fronte a interruzioni di corrente implacabili, inflazione galoppante e disperazione diffusa.

Giovedì sono previste tre marce di protesta separate verso il porto, dove il fumo continua a fuoriuscire dai silos dopo un incendio provocato dalla fermentazione degli stock di grano nella torrida calura estiva.

Costantemente stressato

L'enorme esplosione di due anni fa è stata avvertita fino a Cipro, un'isola del Mediterraneo a circa 200 km di distanza. Colpì ancor di più una popolazione già provata dalla crisi e provocò un massiccio esodo dal Libano che ricorda quello della guerra civile del 1975-1990.

Ma la classe dirigente libanese, accusata di cattiva gestione, corruzione e palese negligenza, continua ad aggrapparsi al potere mentre la popolazione soffre per la carenza di carburante, medicine e acqua potabile.

"Questa classe dirigente ci uccide ogni giorno", ha detto la signora Hasrouty. "Coloro che non sono morti nell'esplosione stanno morendo di fame", ha detto.

Pane per la razione dei panifici, le interruzioni di corrente possono durare fino a 23 ore al giorno, le strade sono buie di notte ei semafori sono fuori uso.

L'esplosione, "è stato un incubo", ricorda Lara Khatchikian, dal suo appartamento molto danneggiato che poi ha riparato, da dove vede il porto. Il fuoco nei silos lo ha ravvivato. “Io e i miei vicini eravamo costantemente stressati. Provavo paura, non riuscivamo a dormire. Ci vuole una forza sovrumana per vivere quando ricordi costantemente l'esplosione", dice.

Ad aprile il governo ha disposto la demolizione dei silos, ma questa è stata sospesa, in particolare a causa delle obiezioni dei parenti delle vittime che vogliono che siano conservati come luogo della memoria.

L'ingegnere civile francese Emmanuel Durand, che controlla i silos, ha avvertito che il rischio di un altro crollo parziale o totale "non è mai stato così alto".

L'inchiesta rischia anche il collasso, essendo stato impedito all'investigatore principale, Tarek Bitar, di continuare la sua missione da una serie di azioni legali contro di lui e da una campagna condotta in particolare dal potente movimento armato di Hezbollah, peso massimo della vita politica locale.

Mercoledì, esperti indipendenti dell'Onu e delle Ong hanno chiesto "senza indugio l'avvio di un'indagine internazionale", sottolineando che era "oggi più chiaro che mai che l'inchiesta nazionale non può fornire giustizia".

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com/diplomedia

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.