Decentralizzare l'assistenza domiciliare: una falsa buona idea?

Secondo l'INSEE, la Francia avrà 4 milioni di anziani con perdita di autonomia nel 2050, rispetto ai 2,5 milioni del 2015. Altrettante persone il cui invecchiamento richiederà un'ampia gamma di cure, dal supporto medico a forme di assistenza più quotidiane, per alzarsi o lavarsi. Sempre secondo queste stesse proiezioni, per mantenere la percentuale di persone in strutture, il numero di posti in strutture ricettive per anziani non autosufficienti (Ehpad), strutture per anziani non autosufficienti e accoglienza temporanea aumenta del 50% entro il 2050.

Questa opzione non è all'ordine del giorno: le strutture Ehpad così come le conosciamo sono considerate troppo costose e soffrono di molteplici fonti di stigma. Questi rendono l'inserimento nelle RSA complicato da gestire dal punto di vista psicologico e sociale per i pazienti e le loro famiglie. Un "sistema di supporto domiciliare rinforzato" (DRAD), con cui gli EPHAD aprono le proprie strutture sul territorio e delegano le cure a persone non autosufficienti fuori sede, è quindi sperimentata dal 2016.

Un'innovazione organizzativa per alleviare le case di cura stigmatizzate

“In precedenza, accoglievamo nello stabilimento persone che avevano paura di restare sole, isolate. Ora vengono perché non hanno scelta. »

Il caregiver che ci ha segnalato questi commenti preferisce rimanere anonimo. Indubbiamente, in Francia, le case di cura sono ripugnanti. Lo scandalo creato dalla pubblicazione del libro di Victor Castanet, I becchini, e la copertura mediatica che ne è seguita, ha riportato le case di cura sotto i riflettori.

Dopo la prima ondata di Covid-19 che li aveva già fortemente colpiti, questi locali sono considerati da alcuni luoghi di "morte" da evitare a tutti i costi. Lo stigma di cui soffrono le case di riposo, ha sottolineato dalla ricerca in gerontologia da più di 15 anni, è in forte aumento. Appare come un scelta vincolata per gli anziani e le loro famiglie, al contrario di un fine vita in casa, che verrebbe scelto.

In un contesto nazionale di costante aumento della spesa sanitaria, questo stigmatizzazione delle case di cura contribuisce all'attrattività dell'assistenza domiciliare agli anziani, soluzione spesso presentata come più rispettosa delle scelte individuali, in un quadro di bilancio controllato.

Eppure il “tutti casa” non basta: è ad esempio in Ehpad che troviamo la competenza geriatrica, fondamentale per sostenere gli anziani non autosufficienti. La sfida è allora quella di riuscire a decentralizzare l'assistenza domiciliare, in un'offerta ibrida che coordinerebbe mestieri e competenze diverse. Da lì è nato un progetto su larga scala in Francia: il “sistema di supporto domiciliare rinforzato” (DRAD, precedentemente chiamato Ehpad Hors les Murs).

Questo si basa su tre assi chiave : “il coordinamento degli attori e dei dispositivi del territorio che intervengono a domicilio” (riproducendo quanto svolto all'interno dell'Ehpad dai professionisti della supervisione), “l'apporto della competenza geriatrica dell'Ehpad a domicilio” (sulla base di un valutazione geriatrica, proponendo l'adeguamento degli alloggi e il supporto specifico per le persone), e la "sicurezza dell'anziano a casa" (installazione di oggetti connessi che consentono il monitoraggio e l'eventuale intervento 7 giorni su 7 e 24 ore su 24).

Resta inteso che, attraverso questi assi, si tratta di un'intera competenza che viene trasferita dalla casa di cura alla casa.

Ripristinare l'immagine delle case di cura?

Se il DRAD arriva a rispondere a bisogni locali reali come la mancanza di spazio a Ehpad, la mancanza di servizi notturni, i problemi di soccorso per le badanti ad esempio, alza anche le tensioni. In questo contesto di delocalizzazione istituzionalizzata della cura della persona, chi può oggi garantire la qualità e buon andamento dei servizi forniti ?

Alcuni rispondono che lo sviluppo di stretti legami tra un Ehpad e il suo territorio di influenza potrebbe facilitare il coordinamento e il controllo delle mansioni e dei rapporti di lavoro, altrimenti gestiti in modo eterogeneo (anche dissonante) da uno stabilimento all'altro. Le case di cura che investirebbero in questo ruolo di connessioni territoriali potrebbero migliorare la propria immagine facendosi garanti dei processi standardizzati attuati. I professionisti dell'Ehpad vedrebbero i loro compiti aggiornati e sviluppati intorno alle attività di coordinamento ei costi sarebbero ridotti.

Dopo due anni di indagini su questo dispositivo, il nostro team, Composto da: sociologi del lavoro, geografi e ricercatori in scienze gestionali, osservare che, piano piano, attraverso questo tipo di sperimentazione, la casa di riposo sta cambiando. Si allontana dalla cura per promuovere il coordinamento e l'animazione delle risorse presenti sul territorio. Diventa meno un luogo di cura che un futuro “centro risorse territoriale”.

Esternalizzare la gestione dell'invecchiamento

La nostra ricerca teorizza questo cambiamento di struttura organizzativa come una forma di “piattaformizzazione” dell'invecchiare bene, e ne studia le conseguenze sulla stigmatizzazione della perdita di autonomia.

Il termine "piattaforma" si riferisce all'adozione da parte delle organizzazioni tradizionali del noto funzionamento delle cosiddette aziende "uberizzate", come Deliveroo, Uber o Airbnb. Tali imprese sono organizzate in rete, per incentrare le proprie attività lavorative attorno alle professioni di coordinamento, e parallelamente esternalizzano le mansioni meno qualificate.

Tuttavia, i problemi osservati durante la nostra fase di indagine sono inequivocabilmente simili ai problemi sollevati da queste organizzazioni di piattaforme: importanza di coordinazione come attività principale, uso di lavoratore autonomo il cui status è diverso da quello dei dipendenti dell'organizzazione, utilizzo di nuove tecnologie ai fini del controllo e della standardizzazione dei servizi, frammentazione spaziale e temporale tra l'organizzazione madre, i beneficiari o clienti e i lavoratori.

Il DRAD ripensa l'assetto delle attività dell'Ehpad: esse sono quindi sparse su un territorio piuttosto che concentrate all'interno del luogo stigmatizzato della residenza medica. Così, come in alcune configurazioni di piattaforma, la frammentazione dei servizi e l'eterogeneità degli attori (in particolare la differenza di status tra lavoratori autonomi e dipendenti delle case di cura) sono tutte difficoltà da superare.

Allo stesso modo, per quanto riguarda l'installazione di dispositivi di monitoraggio nelle case dei pazienti (per poter rilevare le cadute, ad esempio, e poter fornire assistenza alle persone se necessario), si pone la questione dell'etica, e alcuni hanno espresso la loro riluttanza installare telecamere nelle case dei loro anziani.

Per concludere, attraverso il dispositivo DRAD, la stigmatizzazione delle RSA come luogo di incontro di corpi che invecchiano per non contaminare un esterno sano viene rinegoziato. Piuttosto che uno spazio fuori dal tempo, l'Ehpad di domani, "centro risorse", mette in evidenza le sue attività di coordinamento, intrattenimento diurno e consulenza più pulite.

Questa rivalutazione è resa possibile da una forma di ricollocazione dello stigma legata alla gestione della perdita di autonomia. Un tempo core business di un istituto medico, questo "virus" della vicinanza a corpi e menti in decomposizione è contenuto nelle singole abitazioni. Ora solo gli operatori di assistenza domiciliare indipendenti, le famiglie e i pazienti possono prenderlo.

Claire Le Breton, Assistant Professor alla Grenoble School of Management, Grenoble School of Management (GEM); Albano Grandazzi, Assistente Professore, Grenoble School of Management (GEM); Federico Balli, Post dottorato, Grenoble School of Management (GEM) et Thibalt Daudigeos, Professore Associato nel dipartimento Persone, Organizzazioni e Società, Grenoble School of Management (GEM)

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock / Immagine del terreno

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.