Congelato nei resti di Pompei, la prima rappresentazione di una scena biblica conosciuta

Si potrebbe immaginarlo come il punto di ancoraggio della nuova opera di Umberto Eco poiché la sua stessa storia è degna di un grande romanzo!

E
x Esposta al Museo di Napoli, questa decorazione pittorica è rimasta congelata nei resti di Pompei, dopo l'eruzione del Vesuvio, durante l'estate del 79 d.C.… È soprattutto, fino ad oggi, la prima rappresentazione conosciuta di 'un brano biblico .

fresco-solomon

Storia di un re che cercava la saggezza per il popolo di Dio

Questo frammento di muro dipinto proviene dai resti di una casa di Pompei, chiamata la "casa del dottore", vi sono stati infatti rinvenuti un corredo e strumenti chirurgici. Quest'opera faceva parte di una serie di affreschi caricaturali che decoravano le pareti del peristilio, una galleria a colonne che circondava il cortile della casa. I vari autori che hanno scritto sull'argomento concordano sul fatto che fossero destinati ad intrattenere i visitatori.

Caricatura biblica

Questo affresco evoca un grande racconto biblico che si trova in I Re 3, il giudizio di Salomone, celebre episodio legato alla cultura ebraica, che i romani, politeisti, amavano deridere. Riconosciamo la scena: due donne che litigano per un bambino. Il re Salomone usa un trucco, o saggezza richiesta a Dio (?), per scoprire chi è la vera madre. Chiede a un soldato di condividere il bambino. Mentre il carnefice si avvicina, una delle due donne si getta ai piedi di Salomone, dicendo che preferirebbe sacrificarsi piuttosto che far uccidere il suo bambino. Il re riconosce in lei la madre del bambino.

Tutti i personaggi, la folla, i soldati, il re ei suoi consiglieri sulla loro piattaforma sono rappresentati sotto forma di nani, con corpi piccoli e teste grandi. Abbiamo voluto rappresentare chiaramente questa scena biblica in modo satirico, per divertire la galleria. Ma il messaggio è comunque molto serio!

La satira era molto di moda a Roma, soprattutto nell'arredamento della casa, molto colorato. Le pareti erano supporti per l'espressione. In questo i fumettisti romani furono dei precursori.

salomone-socrate-e-aristotele-02-229x300A seconda che tu sia "ebreo", greco o romano, potresti vedere la scena da una prospettiva diversa. Alcuni autori pensano che il padrone di casa potrebbe essere ebreo, ed è per questo che si prenderebbe così gioco dei greci, e dei romani, politeisti... È nata la caricatura biblica?

Un altro aspetto di questo lavoro dovrebbe essere considerato. Ci sono due uomini qui tra la folla che guardano la scena con aria ammirata, e sembra che si tratti di Socrate e Aristotele...

 

Quindi in questa stessa rappresentazione, abbiamo due greci, rinomati filosofi, che rappresentano la saggezza greca classica, che ammirano la saggezza ebraico-cristiana del re Salomone...

Dov'è la satira, chi stiamo davvero scherzando?

È per chi guarda la scena, per ridere della filosofia greca che non ha risposta a tutto, oppure, o è per suggerire all'autore del dramma, voi romani che guardate quest'opera, non siete nemmeno alla lavagna, è un re ebreo, ispirato dal suo Dio, che ha la risposta a una domanda così spinosa.

Dopo quasi 2000 anni, quest'opera conserva il suo mistero!

Berengere

fonti: Archeologia biblica , Dispatch

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.