Testimonianza scioccante di Dabrina Bet-Tamraz, pastora evangelica iraniana rifugiatasi in Svizzera

In occasione della presentazione dell'Indice globale della persecuzione dei cristiani 2023, InfoChrétienne ha incontrato la pastora evangelica iraniana Dabrina Bet-Tamraz. La giovane donna di 37 anni, fuggita dall'Iran nel 2009 a causa della sua fede, ha testimoniato e condotto instancabilmente una campagna per la libertà nel suo paese. Ci ha raccontato la sua storia.

Dalla morte di Mahsa Amini, una giovane donna iraniana deceduta lo scorso settembre dopo essere stata arrestata dalla polizia morale, l'Iran ha assistito a massicce manifestazioni che nulla sembra poter fermare. Nonostante la violenta repressione del governo e le esecuzioni, la gente continua a protestare per le strade.

È in questo contesto che la Ong Portes Ouvertes, che la scorsa settimana ha presentato il suo World Index 2023, ha evidenziato le condizioni di vita dei cristiani nel Paese (8° classificato nell'Index) e ha invitato a testimoniare Dabrina Bet Tamraz, pastora iraniana di origine assira .

Persecuzione, un'abitudine per i cristiani in Iran

Il 37enne attivista per i diritti umani fuggito da Teheran nel 2009 ha raccontato come “negli ultimi quattro decenni i cristiani sono stati vessati, imprigionati, interrogati e sorvegliati in molti modi”. Ha parlato con emozione delle persecuzioni subite dalla minoranza, spiegando che questa situazione era diventata un'abitudine, al punto che era arrivata a credere che fosse normale.

“Pensavo fosse normale che mio padre, un pastore, scomparisse poco prima della funzione. Che era normale essere chiamato due volte alla settimana per un interrogatorio, che le telecamere erano installate proprio davanti a casa nostra, che la nostra chiesa era chiusa, che ero costantemente minacciata di essere violentata, torturata, imprigionata o impiccata. »

Dabrina ci ha detto che è cresciuta sapendo che c'era un prezzo da pagare per la sua fede cristiana.

“Sapevamo che c'era la possibilità che i miei genitori venissero uccisi. E dovevamo essere calmi e in pace con questo. Sono cresciuto sapendo che io o un membro della mia famiglia potevamo morire per la loro fede, che probabilmente saremmo finiti in prigione e perseguitati per ciò in cui credo. »

Eppure, nonostante il pericolo e la paura, la giovane è cresciuta con questa fede nel corpo, decisa a seguire l'esempio dei suoi genitori. Dopo il liceo, ha vissuto per diversi anni in Inghilterra per studiare teologia prima di tornare nel suo paese nel 2007 per studiare psicologia, mentre lavorava in una chiesa.

“Il mio sogno era diventare uno psicologo cristiano in Iran. Era la mia casa ed è dove volevo vivere. »

Già dodici anni di esilio

Tuttavia, nel 2009, il cappio si sta stringendo per i cristiani del Paese. A marzo, il governo ha chiuso la sua chiesa e subito dopo sono venuti all'università per interrogarlo. Nello stesso anno Dabrina fu espulsa dall'università e minacciata di cinque anni di carcere.

Nel 2010 ha preso la decisione di andarsene, “solo per pochi mesi”.

“Quando sono uscito di prigione, avevo due giorni per lasciare il Paese. Ho fatto la valigia e me ne sono andato. Racconta lo shock che ha provato quando è scesa dal treno al suo arrivo in Svizzera, cercando di convincersi che questa situazione sarebbe stata solo temporanea.

"Ho dovuto andarmene, giusto il tempo che la situazione si calmasse e che potessi tornare a casa". È stato dodici anni fa. Spera di poter un giorno tornare in Iran, “quando il Paese sarà libero”. Per il momento la giovane è considerata una terrorista e sa che se mette piede sul suolo iraniano rischia di passare anni dietro le sbarre.

Infine, è nella confederazione svizzera che si è stabilita. È riuscita a finire i suoi studi, un master in economia e management. Oggi divide il suo tempo tra una chiesa evangelica dove lavora come pastore e una posizione come consulente per aiutare i rifugiati politici iraniani.

“La paura non funziona più”

Riguardo alla situazione attuale in Iran, ci dice di essere "molto ottimista" per il futuro, credendo che la rivolta a cui stiamo assistendo oggi porterà un cambiamento.

“Le persone ne hanno avuto abbastanza, la paura non funziona più per farle tacere. La prossima generazione non vuole questo regime. »

“Hanno ufficialmente ucciso 500 persone, anche se probabilmente sono molte di più. Eppure la gente continua a protestare ea scendere in piazza. La paura non funziona più perché le persone sono stanche, vogliono cambiare", dice.

Secondo Dabrina, gli iraniani, soprattutto i cristiani, hanno accettato per troppo tempo una situazione inaccettabile.

“Non abbiamo alzato la voce. Non abbiamo documentato la repressione. Abbiamo accettato la situazione. Quando hanno iniziato a chiudere le chiese, altri pastori sono rimasti in silenzio, pensando che la loro sarebbe rimasta aperta in quel modo. Ed è la nostra resa che ha permesso loro di continuare questa persecuzione. »

donna, vita, libertà

Così oggi ha deciso che non avrebbe più taciuto. Alla Casa Bianca, all'Onu, testimonia instancabilmente quello che stanno vivendo i cristiani iraniani nel suo Paese. Mentre attualmente sta parlando dei "piccoli passi" che si stanno facendo per aiutarli, crede che la sua voce, come quella di altri attivisti per i diritti umani iraniani, stia cominciando a farsi sentire a livello internazionale e ne gioisce.

Per il futuro “tutto è possibile” afferma il pastore evangelico che sottolinea che gli iraniani devono unirsi, mettere da parte le loro differenze e le loro religioni per unirsi. Infine cita lo slogan delle manifestazioni iraniane, “Donna, vita, libertà”.

"Questo è ciò che vogliamo, libertà per tutti!" ".

Camille Westphal Perrier

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.