Commissioni di riparazione nella Chiesa cattolica sfidate a rompere il "soffitto di vetro"

Circa 1.550 vittime di violenza sessuale nella Chiesa cattolica si sono rivolte per un anno alle due commissioni di riparazione, un piccolo numero che sfida i loro leader, sfidati a rompere questo "soffitto di vetro".

Giovedì, la Commissione per il riconoscimento e la riparazione (CRR), che accompagna le vittime di violenza sessuale nelle congregazioni cattoliche, ha annunciato che "450 persone sono state riconosciute e accompagnate", dai suoi 25 commissari, durante la presentazione del suo primo anno di attività. , in davanti alle vittime e ai giornalisti.

Questa struttura è stata creata alla fine del 2021 dopo il rapporto shock della commissione di Jean-Marc Sauvé che ha rivelato l'entità della pedocriminalità nella Chiesa cattolica dal 1950.

Il suo obiettivo è registrare le richieste di riparazione, finanziaria o meno, delle vittime di aggressori all'interno di istituti o congregazioni religiose (vittime di fratelli, sorelle, monaci, monache, ecc.), quindi offrire una mediazione tra le due parti.

"La mia domanda principale riguarda l'esiguo numero di fascicoli presentati al CRR, rispetto al potenziale" delle vittime che sono state valutate nel rapporto Sauvé, ha detto ad AFP il suo presidente, Antoine Garapon.

"Non riusciamo a raggiungere le" vittime "al di fuori degli ambienti legati alla Chiesa o legati a Ciase" (la commissione Sauvé, ndr), ha aggiunto Véronique Margron, presidente di Corref (in rappresentanza delle congregazioni religiose), invitando ad "andare oltre questo soffitto di vetro".

Una delle sfide” per il 2023 sarà “cercare le vittime”, ha sottolineato Antoine Garapon, “tramite inviti a testimoniare”, o “tramite la stampa”.

In un separato comunicato, sempre giovedì, un'altra commissione nata anch'essa dopo il rapporto Sauvé, l'Autorità nazionale indipendente per il riconoscimento e la riparazione (Inirr), ha presentato il suo ultimo rapporto.

Questa struttura, che si rivolge alle vittime di sacerdoti o laici nelle diocesi cattoliche, negli istituti o nei movimenti giovanili, ha affermato di aver ricevuto 1.102 richieste di risarcimento alla fine di novembre e di sostenere 260 persone.

Un numero che "sfida" anche se Jean-Marc Sauvé lo trova "coerente"

Questo numero "mi provoca e ad un certo punto dovremo andare a prendere le vittime", ha detto ad AFP la sua presidente, Marie Derain de Vaucresson.

Questo deve passare "attraverso una maggiore comunicazione, spostandosi e mobilitando le reti di sostegno alle vittime", ha affermato.

Diverse vittime che hanno parlato hanno sottolineato il costo psicologico, per loro, di compiere tali passi. E la mancanza di comunicazione sull'esistenza delle commissioni di riparazione. "Dobbiamo combattere. Spetta alla vittima essere riconosciuta”, ha testimoniato François Blondelle, vittima, di età compresa tra 10 e 12 anni, dei Fratelli Maristi del Collegio Saint-Nicolas di Lille.

Un'altra vittima che aveva archiviato la sua storia nelle celle di ascolto di diverse diocesi, ha detto di aver prima pensato che il suo caso sarebbe stato inoltrato automaticamente a una delle due commissioni, cosa che non avviene. Alla fine ha fatto il passo, è stata ascoltata e finalmente “riconosciuta” dal CRR, questo giovedì.

Interpellato da AFP, Jean-Marc Sauvé ha stimato che il numero di fascicoli pervenuti alle due commissioni fosse invece “molto coerente con quello delle persone che si sono rivolte alla Ciase (circa 2.750) nell'ambito dell'appello alle testimonianze”.

«Molte persone che hanno parlato con Ciase non volevano necessariamente avere un riconoscimento personale della loro sofferenza (lo avevano ottenuto da Ciase) e ancor meno un risarcimento economico», ha aggiunto.

La sua commissione aveva svolto diversi lavori: dapprima aveva lanciato un appello a testimoniare (telefonicamente, via internet o via mail), al quale avevano risposto 2.750 persone.

E aveva svolto un'indagine che aveva stimato in circa 330.000 il numero delle vittime di sacerdoti, diaconi, religiosi o persone legate alla Chiesa (docenti, supervisori, ecc.) per 70 anni, aggrediti quando erano minorenni.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock/John_Silver

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.