Come ci pungono le zanzare (e le conseguenze)

Sono intorno a noi, spesso invisibili, e quando ne rileviamo la presenza di solito è troppo tardi… Un po' di dolore seguito da prurito, arrossamento e brufolo? La zanzara ha fatto una nuova vittima e ti ha aggiunto alla lunga lista dei suoi bersagli preferiti!

Ospite a sorpresa molto ingombrante ai nostri aperitivi estivi, la zanzara non punge solo l'uomo, tutt'altro. Secondo le sue preferenze, le sue prime vittime sono uccelli o mammiferi terrestri, in particolare animali domestici come cani o gatti. E alcune specie attaccano persino animali "a sangue freddo", come rane e serpenti!

Ma come fa questo minuscolo insetto a mordere anche la pelle più dura? E quali conseguenze può avere il suo misfatto sugli organismi delle sue vittime?

Sangue, la certezza di una discendenza ben nata

Innanzitutto va ricordato che solo le femmine pungono le zanzare, i maschi preferiscono di gran lunga il nettare dei fiori al nostro sangue, o altre fonti di zucchero (come la melata, liquido denso e viscoso escreto da alcuni insetti parassiti delle piante, come afidi, mosche bianche, cocciniglie, ecc.). E per una buona ragione: non hanno un dispositivo di puntura...

In pieno volo, non è facile distinguere i maschi innocui dalle femmine. Un'attenta osservazione rivela tuttavia la presenza di antenne piumate sul capo del primo, assente da quella del secondo. Ma comunque se una zanzara ti punge, è per forza una femmina!

[Quasi 70 lettori si affidano alla newsletter di The Conversation per comprendere meglio i principali problemi del mondo. Iscriviti oggi]

Perché allora questo appetito delle femmine per i pasti di sangue? Semplicemente perché il sangue raccolto è una ricchissima fonte di proteine, utilizzate per completare la maturazione delle sue uova, dopo la fecondazione da parte del maschio. Il sangue quindi non serve per nutrire le zanzare, ma per permettere alla loro prole di vedere la luce del giorno. Senza un morso, nessuna nuova zanzara!

La zanzara è ben attrezzata

Per pungerci, la zanzara femmina ha un arsenale formidabile. È composto da un tronco, detto proboscide, che è esso stesso costituito da apparato boccale "vulnerabile" (capace di ferire), gli stiletti. Queste parti sono avvolte dal labio, flessibile, che si ripiega al momento del morso. A differenza di un pungiglione, la proboscide della zanzara è flessibile, rendendo più facile raggiungere il sangue.

Durante il morso, gli stiletti perforano l'epidermide e la attraversano "a tentoni" alla ricerca di un vaso sanguigno. Le appendici buccali, chiamate mascellari, consentono al tubo di rimanere in posizione. Allo stesso tempo, tramite un'altra appendice, la zanzara inietta la sua saliva. Quest'ultimo contiene sostanze che impediscono la contrazione dei vasi sanguigni e fluidificano il sangue, prevenendone la coagulazione e l'aggregazione delle piastrine, fase iniziale della guarigione. Gli stiletti delimitano così due canali: il canale alimentare, attraverso il quale viene aspirato il sangue, e il canale salivare, attraverso il quale viene iniettata la saliva.

La zanzara prende, a seconda della specie, da 0,001 a 0,01 millilitri di sangue. Una piccolissima quantità di sangue per noi, ma enorme per lui: questo può essere equivalente al volume sanguigno proprio dell'insetto. E tutto viene ingerito in meno di 2 minuti!

Se la vittima "presa" non deve preoccuparsi della quantità di sangue trafugata, il morso provoca altri problemi, più o meno gravi...

Una breve storia della pelle

Per capire le conseguenze delle punture di zanzara, diamo un'occhiata all'organo più grande del corpo: la pelle. A diretto contatto con il mondo esterno, svolge diverse funzioni essenziali al nostro organismo, relative in particolare alla sua protezione nei confronti dell'ambiente esterno e alla sua percezione.

La pelle è organizzata in due strati principali: l'epidermide, la parte superficiale della pelle e il derma, tessuto di supporto più spesso situato sotto l'epidermide.

L'epidermide è composta principalmente da cheratinociti, così chiamati perché producono cheratina, una proteina idrofobica che forma filamenti resistenti e conferisce all'epidermide elasticità, impermeabilità e resistenza. Una volta sulla superficie dell'epidermide, queste cellule formano uno strato di cellule morte, il strato corneo, che verrà eventualmente eliminata per desquamazione.

Il derma è costituito da cellule sparse all'interno di un materiale extracellulare costituito da fibre costituite da collagene e altre proteine. Le cellule principali del derma sono i fibroblasti, che producono queste fibre, ma il derma contiene anche terminazioni nervose, vasi sanguigni, nonché le ghiandole sebacee e sudoripare, che producono rispettivamente sebo e sudore.

Poiché costituisce l'interfaccia tra il corpo e l'ambiente esterno, la pelle deve far fronte a numerose aggressioni, in particolare meccaniche o termiche. È anche in prima linea negli attacchi dei microrganismi, poiché è un passaggio necessario per i numerosi agenti patogeni che tentano di entrare nel corpo.

In quanto tale, è un avamposto strategico delle difese immunitarie ed è sede di molte cellule sentinella, che ne assicurano la protezione contro gli attacchi virali, batterici o fungini.

Saliva di zanzara, la causa dei nostri disagi

La puntura di zanzara è una delle tante aggressioni che la pelle deve affrontare. Quando una zanzara punge, la sua proboscide penetra nell'epidermide e poi nel derma alla ricerca di un capillare sanguigno.

Oltre all'aggressività fisica che costituisce questo inserimento, è soprattutto la saliva iniettata durante l'operazione a innescare una reazione della nostra pelle. Contiene una complessa miscela di proteine, riconosciuta dalle difese immunitarie della pelle come un agente estraneo.

La reazione è quasi immediata. Le cellule immunitarie, i “mastociti”, sono le prime a reagire. Secernono istamina, un mediatore infiammatorio che aumenta il diametro e la permeabilità dei vasi sanguigni, provocando così edemi: questo è il famoso bottone della zanzara. È anche l'istamina che, stimolando le fibre nervose, provoca prurito e l'irrefrenabile voglia di grattarsi.

Molti elementi della saliva delle zanzare possono essere allergenici. Per la zanzara tigre (Aedes albopictus), sono state identificate una quindicina di componenti salivari che possono causare una reazione allergica ! Inoltre, la composizione della saliva può variare da specie a specie (così come il numero di allergeni). Infine, le reazioni variano da persona a persona, perché la sensibilità individuale alla reazione nei confronti della puntura non è identica in tutti.

Foto della zanzara tigre Aedes albopictus che morde la pelle umana.
La saliva della zanzara tigre Aedes albopictus contiene una quindicina di potenziali allergeni...
James Gathany, CDC/Wikimedia Commons

Si noti che l'istamina non interviene solo durante una puntura di zanzara. Questa molecola svolge anche un ruolo importante durante le reazioni allergiche, soprattutto in reazione a polline, lattice o determinati alimenti. È quindi responsabile di sintomi allergici come naso che cola, lacrime, arrossamento della pelle, prurito... Che, in casi molto rari, possono avere determinate conseguenze dopo una puntura di zanzara.

Complicazioni rare

La puntura di zanzara di solito svanisce in pochi giorni, quindi non è davvero pericolosa di per sé ed è principalmente pruriginosa. Rimanendo localizzate nella pelle, a volte possono essere significative nei più sensibili tra noi.

Sebbene le complicanze siano rare, alcune persone hanno comunque un rischio maggiore di una forte reazione allergica o addirittura di shock anafilattico, in particolare bambini che non hanno ancora acquisito una naturale tolleranza alle punture di zanzara.

In casi molto rari, i morsi causano a Sindrome di Skeeter, una reazione infiammatoria sistemica associata a febbre talvolta accompagnata da vomito e problemi respiratori. Questa sindrome deriva da una reazione di ipersensibilità dovuta alla produzione di anticorpi (immunoglobuline E, o IgE, e G, o IgG) diretti contro alcuni componenti della saliva delle zanzare.

Riduci il prurito

Ci sono tanti prodotti in commercio e tante ricette “fatte in casa” per ridurre il bruciore e il prurito associato. Questi includono l'uso di un panno imbevuto di acqua calda sul morso o, al contrario, un cubetto di ghiaccio o anche impacchi alcolici e alcuni oli essenziali.

Gli unguenti antistaminici o gli antistaminici orali sono spesso molto efficaci. Unguenti a base di corticosteroidi sono usati anche. Aiutano a ridurre il prurito e il gonfiore derivanti dalla reazione infiammatoria.

Ma il problema principale del morso non sono le rare complicazioni o i disagi causati dal prurito, anche se il disagio che ne deriva è innegabile.

In effetti, in alcuni casi, la zanzara non viene da sola. A seconda delle regioni del globo e della specie considerata, può veicolare partner ingombranti, virus o parassiti più o meno pericolosi per l'uomo. Ma al momento del morso, questi clandestini possono entrare nel nostro corpo.

Al di là dei brufoli, il rischio di infezione

Il problema dei virus trasmessi dagli artropodi (arbovirus, dall'inglese ARthropod-BOrne VIRUS) e quindi da insetti come le zanzare, non è nuovo. Ma se per molto tempo ha interessato principalmente le regioni tropicali e subtropicali, si è spostato, e ora si è insediato alle nostre latitudini, contemporaneamente alle zanzare vettori di queste malattie.

Infatti, la distribuzione geografica di alcune specie di zanzare, in particolare la zanzara tigre (Aedes albopictus), è notevolmente aumentata negli ultimi decenni. Ieri confinata nel sud-est asiatico, questa specie invasiva si è diffusa in tutto il pianeta: oggi solo l'Antartide è ancora preservata da questa zanzara e dai virus che trasmette, come la Dengue, lo Zika o il virus Chikungunya. Conseguenza: i casi autoctoni di malattie virali trasmesse dalle zanzare sono in aumento a nuove latitudini, anche intorno al Mediterraneo francese.

Questi virus possono essere pericolosi. Dopo essersi replicati nella pelle dopo il morso (principalmente dopo l'infezione delle cellule immunitarie della pelle), possono entrare nel flusso sanguigno, da dove possono raggiungere molti organi. Fegato, milza, reni... Gli organi colpiti sono numerosi. Ma il più grave si verifica quando alcuni di questi virus raggiungono il cervello.

Infatti, essendo il sistema immunitario lì naturalmente relativamente debole, possono moltiplicarsi a piacimento, se riescono ad attraversare le barriere che proteggono il cervello, e indurre diverse gravi patologie: encefalite (infiammazione del cervello), meningite (infiammazione delle meningi) o meningoencefalite ( infiammazione delle meningi e del cervello).

Proteggiti dalle punture

Il modo migliore per evitare i disagi e i potenziali rischi associati alle punture è assicurarsi che la zanzara non riesca ad aggiungerci alla lunga lista delle sue vittime.

Inoltre evitare il morso non significa solo proteggersi, ma anche rallentare il ciclo riproduttivo della femmina, che dovrà cercare una nuova vittima per deporre le uova. Tuttavia, essendo una zanzara femmina in grado di deporre diverse centinaia di uova ad ogni deposizione, e le femmine di alcune specie possono effettuare più deposizioni durante la loro vita (circa 5 in genere), lo sforzo non è da poco!

È bene quindi prendere tutte le precauzioni: indumenti larghi e coprenti, zanzariere, repellenti... Dobbiamo anche assicurarci di eliminare tutta l'acqua stagnante nel nostro ambiente, che può favorire la diffusione delle zanzare, svuotando le coppe di fiori vasi., annaffiatoi, copertura di contenitori per l'acqua piovana, ecc.

D'altronde è assolutamente necessario evitare gadget parafarmaceutici come i “braccialetti repellenti per zanzare”, perché questi accessori sono nella migliore delle ipotesi inefficaci, nella peggiore, dannosi. ANSES (Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambientale e per la salute sul lavoro) allertata ad aprile 2020 sui rischi di questi dispositivi, che può causare irritazioni o ustioni.

Meglio quindi privilegiare i buoni vecchi metodi naturali, la cui efficacia è stata dimostrata, come candele e altre spire di zanzara, che emanano aromi di citronella, geranio o lavanda... Le zanzare sono infatti molto sensibili agli odori.

Si noti inoltre che la nozione di "pelli di zanzara" è giustificata. Infatti gli odori rilasciati dalla nostra pelle oltre che dai batteri che la colonizzano (odori amplificati in particolare dal sudore), rendono la nostra epidermide più o meno appetibile per le zanzare. Non siamo quindi tutti uguali quando si tratta di rischio di morsi. Fortunatamente, i mezzi per prevenire e combattere la loro diffusione funzionano per tutti!

Yannick Simonin, Virologo, docente di sorveglianza e studio delle malattie emergenti, Università di Montpellier et Sebastian Nisole, Ricercatore, inserm

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock.com/Witsawat.S

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.