Christine Kelly sotto tiro dopo aver testimoniato la sua fede cristiana

Alla fine di marzo, Christine Kelly era stata invitata dal pastore Ivan Carluer a parlare sul palco della chiesa MLK a Créteil. Il giornalista aveva affidato in questa occasione una commovente testimonianza di fede. Sebbene alcuni estratti di questo video siano recentemente riapparsi sui social media, sta affrontando un'ondata di critiche. 

In occasione di la pubblicazione di un numero speciale presidenziale della rivista Mission, il pastore Ivan Carluer della chiesa MLK di Créteil aveva intervistato Samuel Pruvot, direttore editoriale della rivista nonché la famosa giornalista Christine Kelly che dal 2019 conduce "Face à l'info" su CNews.

Dalle prime frasi che scambia con il parroco, il tono è deciso. «Non sono venuto per gentilezza, sono venuto per testimoniare la potenza di Dio», dice il giornalista, tra gli applausi della sala.

Segue una testimonianza di fede estremamente forte. Christine Kelly si è confidata in questo giorno del 27 settembre 2019 dove ha ricevuto la chiamata che le ha cambiato la vita. Questo è il giorno in cui le è stato chiesto di fare uno spettacolo con Eric Zemmour, che all'epoca era, secondo le sue stesse parole, "l'uomo più odiato di Francia".

Ha poi raccontato di aver pregato ogni giorno in ginocchio, nei gabinetti e qualche volta anche in studio e afferma di aver trovato la pace ma soprattutto di aver imparato a lasciarsi andare completamente, e a rimettere tutto nelle mani del Signore.

Un video contenente estratti di questo scambio è riemerso su Twitter il 2 luglio. È stato pubblicato da Joao Gabriel, che si presenta sui social come accademico. Accompagna il video con il seguente commento:

“Christine Kelly, il suo programma con Zemmour come espressione della volontà di Dio e occasione per condividere la sua fede. Questo grande momento di normalizzazione dell'estrema destra finanziato da Bolloré si presenta quindi qui come una benedizione a livello spirituale. »

In un lungo thread di conversazione su Twitter, l'internauta spiega che, per lui, il problema di questa testimonianza “non è la fede”, che specifica di rispettare, né di “dare un senso religioso al suo lavoro”. Quello che sostiene di denunciare è il ruolo svolto dal giornalista nel mettere in luce Eric Zemmour e le sue idee.

"Quindi, vorremmo che i critici di sinistra della religione andassero oltre la sola analisi delle idee (chi crede in cosa, ecc.). La domanda è come in determinati contesti, determinati attori religiosi riescano a stabilire il collegamento tra religione, economia e politica”, scrive.

Intende anche evidenziare quello che considera “un luogo comune del pensiero evangelico”, “se qualcosa prospera è perché Dio l'aiuta”.

“Il discorso di Kelly sugli indici che esplodono è importante nel senso che gioca con un luogo comune del pensiero evangelico: se qualcosa prospera, è perché Dio l'aiuta. Discorso usato anche in geopolitica: gli USA sono benedetti perché con Dio. Ma altri…”

Sui social network, la testimonianza della giornalista e la sua fede sono state derise da molti utenti di Internet oltre che da diversi giornalisti, come l'editorialista Gerardo Millet. La sua abitudine di pregare prima delle trasmissioni in particolare ha suscitato commenti violenti.

Altri hanno preso la sua difesa, è ad esempio il caso del deputato Eric Ciotti che denuncia “un violentissimo attacco della sinistra moralista”.

Anche diversi media si sono occupati dell'argomento, come Liberation e Valeurs Actuelles. La conduttrice, dal canto suo, non ha reagito a questi attacchi.

Camille Westphal Perrier

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.